Yoga per la salute del nostro pavimento pelvico

0
1513
yoga, pavimento pelvico, perineo, esercizi di yoga
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis

Pavimento pelvico: si tratta della muscolatura volontaria ed involontaria che va dal pube al coccige, sostiene uretra, vescica, ano, vagina nelle donne e radice del pene negli uomini.

Quest’area del corpo è poco conosciuta perchè coperta da tabù. Questo perché

  • è la zona della minzione, defecazione e degli organi sessuali
  • inoltre, è nascosta all’interno del corpo.

Infatti, non abbiamo con il perineo un rapporto spontaneo, consapevole e quotidiano come invece con altre parti del nostro corpo.

Il pavimento pelvico in salute

Un pavimento pelvico in buona salute permette di

  • evitare perdite urinarie,
  • non avere prolassi di utero, vescica e retto,
  • aumentare le sensazioni durante i rapporti sessuali,

per questo è importante riconoscerlo e riuscire ad attivarlo.

Durante la gravidanza poi, ha un ruolo fondamentale: la forza muscolare aiuta a sostenere la pancia, l’elasticità muscolare permette il rilassamento e la dilatazione per far nascere il bambino, le contrazioni muscolari spingono il bimbo all’esterno.

Sede del primo chakra

Qui si trova Muladhara Chakra, il Chakra della radice, il primo dei centri energetici, legato al radicamento, alla sessualità ed ai bisogni primari, degli istinti primordiali. Da qui partono i tre canali energetici principali, le Nadi:

  • Ida il canale delle energie lunari, fredde e lenitive,
  • Pingala il canale delle energie solari, calde, attivanti,
  • Susumna, il canale centrale che sale attraversando tutti i Chakra. Susumna è anche il canale lungo il quale sale la Kundalini risvegliata, energia vitale che giace avvolta in spire in prossimità di Muladhara.

Muladhara è il Chakra dell’inzio, della partenza per la consapevolezza psicofisica, legato al diritto di esistere, al radicamento a terra (il suo elemento), ai bisogni concreti per sostenere la vita sul piano fisico, alla riproduzione.

In ascolto con lo Yoga

La pratica Yoga aiuta ad aumentare la percezione di sé, a porsi in ascolto, ed alcune pratiche specifiche permettono di entrare in contatto con il perineo attivandolo e tonificando la muscolatura, anticipando gli esercizi Kegel, messi a punto dal ginecologo Arnold Kegel (1894 – 1981). Se il contatto con questa zona è particolarmente difficile e le contrazioni indicate da Kegel risultano impossibili si possono riattivare i muscoli involontari con l’utilizzo dei appisiti supporti (palline della Geisha) che con il movimento di un peretto interno vanno a stimolare il muscolo, col tempo e l’allenamento diventa poi più semplice controllare anche i muscoli volontari.

Gli esercizi Mulabhanda e Asvinimudra

Mula (radice) Bandha (nodo) è un esercizio di “chiusura della base”, ha la funzione di evitare la dispersione dell’energia discendente verso il basso, si esegue contraendo la muscolatura su un piano orizzontale, chiudendo gli sfinteri.

Asvini (giumenta) Mudra (gesto) il gesto della giumenta, consiste in ripetute contrazioni degli sfinteri con “risucchio” verso l’alto, risveglia la Kundalini, dona forza e vigore rimettendo in circolo le energie.

Impariamo a conoscerci e ad ascoltare il nostro corpo, partendo dal primo centro energetico, la base, la radice, il pavimento……. le fondamenta della nostra salute.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Annunci pubblicitari e articoli
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.