Yoga: benefici per corpo, mente e spirito

yoga benefici, asana

I benefici dello yoga sono nella sua storia

Yoga: definirlo in modo semplice e chiaro non è facile, farò del mio meglio per provarci.

Le origini

Lo Yoga fa la sua comparsa fra il VI e IV secolo a.C. Per poi svilupparsi nella disciplina e filosofia che intendiamo ora fra il II E IL v secolo a.C. Queste datazioni sono però indicative dato che si tratta di un periodo in cui gli insegnamenti venivano tramandati oralmente, non è quindi al momento possibile escludere una collocazione di questa disciplina in secoli precedenti. Possiamo dire comunque che proviene da epoche remote ed ha attraversato differenti correnti di pensiero adattandosi e modificandosi ad ogni epoca, per giungere fino ai giorni nostri più popolare che mai.

Il suo significato

Il termine Yoga si forma dalla radice Yuj , che significa unire, legare, aggiogare, fa riferimento anche al giogo per attaccare l’aratro ai buoi. Si intende quindi un insieme di tecniche che hanno lo scopo di portare il praticante all’unione con la realtà ultima (divino, cosmo, il tutto…).

La dottrina

Nelle Upanisad vediche il termine comincia ad arricchirsi di significato. Nella Svetasvatara Upanisad (IV – II sec. a.C.) si introducono temi come la Bhakti – fede devozionale e Sakti – energia creatrice. Troviamo inoltre delle indicazioni in merito al percorso dello Yogin.

Si parla di esercizi pratici, per esempio di controllo del principio vitale Prana attraverso il respiro e la capacità di placare la mente con la concentrazione.

Nella Maitri Upanisad (II a.C. – II d.C.) lo troviamo suddiviso in 6 parole (Anga):

  • Pranayama – tecniche di respirazione
  • Pratyahara – ritrazione dei sensi
  • Dhyana – meditazione
  • Dharana – assorbimento delle energie mentali
  • Tarka – capacità di ragionamento
  • Samadhi – concentrazione

Per capire lo Yoga e i suoi benefici, scopriamo le sue vie

Nel poema epico Mahabharata troviamo i 18 canti che compongono la Bhagavadgita (III – II a.C.) nella quale sono enunciate le sue vie. Si tratta del dialogo tra il principe Arjuna e il dio Krsna (avatar di Visnu) che risponde ai dubbi del principe, esponendogli le vie della realizzazione. Viene qui inteso come percorso, condotta di vita. Vi troviamo:

  • Karma Yoga – la via dell’azione
  • Jnana Yoga – la via spirituale
  • Bhakti Yoga – la via della devozione
  • Dhyana Yoga – la via della meditazione

Yogasutra

Patanjali ( II a.C. – V d.C.) raccoglie in sutra (fili, correnti) le sue tecniche.

Si suddivide in quattro sezioni:

Samadhi Pada – Unione. Lo Yoga come mezzo per raggiungere la beatitudine e la consapevolezza necessaria per uscire dal ciclo delle rinascite.

Sadhana Pada – Realizzazione. Astanga o Raja Yoga (Yoga Regale), le otto membra dello Yoga

Vibhuti Pada – Poteri. Ciò che è possibile conseguire con la pratica, veri e propri poteri sovrumani

Kaivalya Pada – Separazione. Si rifà alla filosofia Samkhya nel riconoscimento della separazione tra spirito e materia.

Raja Yoga – Gli otto stadi

Si inizia con un codice morale da seguire

  1.  Yama – Astensioni: non violenza, sincerità, non rubare, continenza, rinuncia.
  2.  Nyama – Osservanze:pulizia, soddisfazione, autodisciplina, studio, devozione.
  3. Arriviamo poi alle postire, alle tecniche che abitualmente pratichiamo in una classe Yoga
  4. Asana – Posture, posizioni
  5. Pranayama – Tecniche di veicolazione del respiro

Per poi passare a ciò che ci aspettiamo di realizzare durante le sedute di meditazione:

  • Pratyahara – Ritrazione dei sensi dal piano materiale
  • Dharana – Concentrazione
  • Dhyana – Meditazione, contemplazione
  • Samadhi – Unione con l’oggetto della meditazione e conseguente liberazione

Ciò che troviamo nella maggior parte dei corsi di Yoga è limitato ai punti 3 e 4, Asana e Pranayama, ma non preoccupatevi, c’è già tanto da fare con le posture ed il respiro.

Vediamo ora i benefici dello yoga e perché ha tanto successo.

Yoga: benefici fisici

Tonifica i muscoli e rinforza il corpo, aumenta la flessibilità, aiuta a sciogliere le tensioni nei punti critici (cervicali, lombari, spalle). Consente di eliminare le tossine e aumentare le difese immunitarie, migliora la postura, riequilibra i centri energetici, aiuta a mantenere sotto controllo il peso migliorando la digestione ed assimilazione dei cibi.  Elimina dolori alla schiena, rinforza il cuore e l’apparato circolatorio, migliora le performance sportive, migliora la respirazione…e siamo solo ai benefici fisici!

Benefici interiori

Ma non finisce qui, praticato regolarmente permette di ridurre stress e ansia, di migliorare la qualità del sonno, aiuta a ritrovare coraggio e fiducia in se stessi. Ci insegna inoltre a gestire le emozioni come rabbia, paura, tristezza, donandoci una maggior consapevolezza, una conoscenza profonda di noi stessi… Non vi basta?

Ci sono tutti gli altri punti da sperimentare!

Buona pratica

Tappetino Yoga "Loto" in Pura Lana Vergine
Tappetino Yoga “Loto” in Pura Lana Vergine
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.