Voglia di Polenta: i benefici e le proprietà

0
1280
polenta,
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis

Nelle stagioni fredde uno dei piatti che solo all’idea ci riscalda è la polenta, alimento tipico del Nord Italia. Il suo colore che tocca tutte le sfumature del giallo a seconda della farina utilizzata, il profumo  delicato e avvolgente e la consistenza sostanziosa la rendono un piatto rigenerante per il corpo e per lo spirito.

Il ricco piatto dei poveri

Da sempre chiamato “piatto dei poveri” perché fatto solo d’acqua e farina di cereali, la polenta in realtà è un alimento ricco di benefici e proprietà. Consumata da sola è un piatto poco calorico, in media 100 kcal per 100 grammi a seconda della consistenza e del tipo di cereale. Diventa piatto calorico quando segue le ricette tipiche che la presentano abbinata a formaggi e sughi grassi.

Benefici e proprietà

Quella che troviamo e consumiamo più di frequente è la polenta gialla a base di farina di mais oppure la polenta taragna fatta di farina di mais e grano saraceno. Fornisce all’organismo: vitamina A, vitamine del gruppo B,vitamina E, acido folico, sali minerali tra cui ferro, calcio, magnesio e fosforo e fibre. Inoltre è un alimento a basso indice glicemico.

E’ priva di glutine adatta ai celiaci e a chi è intollerante al glutine, facilmente digeribile e concorre al benessere dell’intestino. La polenta taragna, grazie alla presenza del grano saraceno fornisce un apporto maggiore di proteine ed ha anche proprietà depurative.

Come sceglierla e cucinarla

Come per tutti gli altri alimenti vi suggeriamo di scegliere farine biologiche o da coltivazione naturale e di prediligere le farine integrali. Per la preparazione serve solo acqua e sale: in media ci vuole 1 litro d’acqua ogni 200 gr. di farina. È necessario portare acqua e sale a ebollizione e versa la farina a pioggia mescolando lentamente con una frusta per evitare che si formino dei grumi. Cuoce in 45 minuti circa ed è necessario continuare a mescolare: consideratela una forma di meditazione 😊.

A seconda di come desiderate consumare la vostra polenta più o meno consistente potete aggiungere dell’acqua, l’importante è che sia bollente. Potete lasciarla morbida oppure più consistente per tagliarla a fette ed eventualmente grigliarla.

Gli abbinamenti sani e leggeri

La polenta può essere un piatto completo, sano e leggero se abbinata ai funghi o a delle verdure miste saltate. Si sposa bene anche con carciofi e cavolo nero e con i legumi. Se volete togliervi lo sfizio del formaggio noi abbiamo provato ad aggiungere la mozzarella vegetale di riso “Chicca di Riso Verys” ed il risultato è stato eccellente!

Ti può interessare anche:“Mais, proprietà ed usi di un giovane cereale”

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Annunci pubblicitari e articolimacrolibrarsi, eshop, libri, shop online

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.