Vitamine del gruppo B: proprietà e sintomi di carenza

Le vitamine sono sostanze nutritive organiche, cioè si trovano in natura soltanto negli organismi viventi, vegetali o animali. Le vitamine del gruppo B fanno parte delle vitamine idrosolubili quelle vitamine che vengono eliminate attraverso le urine come la vitamina C e P.

La carenza di vitamine del gruppo B

Il quantitativo giornaliero di quasi tutte le vitamine viene normalmente espresso in milligrammi. Non possiamo parlare di uno standard uguale per tutti, in quanto anche avendo una dieta corretta e ricca di vitamine potremmo ugualmente trovarci di fronte ad una carenza alimentare che ne comprometterebbe l’assimilazione.

Molti sono i fattori che possono causare perdita o calo di vitamine B, tra i più rilevanti ricordiamo disturbi dell’apparato digerente, gravidanza e allattamento, uso di antibiotici, inalazione di veleni, disturbi emotivi prolungati, inappetenza, diarrea, insonnia. Le persone più a rischio sono gli anziani, i consumatori di alcool e le persone ospedalizzate o affette da malattie croniche.

Vitamina B1 (tiamina)

La B1 interferisce nell’ossidazione cellulare, nella crescita, nel metabolismo dei carboidrati, nella salute cardiaca, nella trasmissione degli impulsi nervosi e nella stimolazione dell’appetito. Ne consegue che una carenza può provocare disturbi cardiaci, al sistema nervoso e nevriti. Tale vitamina è contenuta nei seguenti alimenti: germe di grano, farina di soia, noci, nocciole, lenticchie, frumento, mais, prosciutto crudo di Parma, coscia e fegato di maiale . Ne inibiscono l’assorbimento l’assunzione di bevande alcoliche e caffè, di zucchero, tabacco, antibiotici. Il calore e la cottura dei cibi, ne determinano la  perdita. Per assumerla mangiate ogni giorno 5 nocciole.

Vitamina B2 (riboflavina)

Ha una funzione di rilievo nel metabolismo delle proteine e dei lipidi, provvede alla salute del fegato, dell’epidermide e degli occhi e ha un’azione coenzimatica. Una piccola quantità viene prodotta dalla flora intestinale e una piccola percentuale assunta dalla dieta viene eliminata con le urine. Tra i segnali di deficit di questa vitamina riscontriamo il bruciore e il prurito agli occhi, screpolature, afte e dermatiti, pallore. Maggiormente la troviamo nel fegato di bovino, in percentuali minori nel parmigiano, nel lievito di birra , nel radicchio verde e nelle mandorle. Per assumerla consumate ogni giorno un cucchiaino di olio di germe di grano.

Vitamina B3 (niacinamide o vitamina PP)

Ha come funzione principale il metabolismo dei carboidrati, la capacità di ridurre i valori di colesterolo LDL e aumentare quelli di colesterolo HDL. La troviamo in percentuale altissima nella crusca di frumento, ma anche nelle arachidi,  nel caffè tostato, nel fegato di suino, nelle acciughe, nel salmone, nel coniglio. Carenza di questa vitamina può causare dermatite, stanchezza, depressione, mentre se in eccesso causa vampate, nausea, mal di testa, diarrea. L’assunzione contemporaneamente con magnesio ne aumentano  l’assorbimento, mentre caffè, tabacco e alcolici lo inibiscono.

Vitamina B5 (acido pantotenico)

Svolge funzione nel metabolismo dei carboidrati, degli aminoacidi, degli acidi grassi, nella sintesi del colesterolo e nella produzione di anticorpi per il sistema immunitario. E’ reperibile  nei funghi secchi, nel lievito di birra, nel muesli, nelle germe di grano, nel fegato di suino e di vitello, nelle cosce del pollo, nel tuorlo d’uovo di gallina. Viene utilizzata maggiormente nelle recidive di malattie, stanchezza, inappetenza, stress e bruxismo. Si può assumere quotidianamente con un pochino di pappa reale o polline.

Vitamina B6 (piridossina)

Partecipa al metabolismo delle proteine, alla sintesi di DND e RNA e alla produzione di anticorpi. Le maggiori fonti sono muesli e fegato di tacchino. La carenza è rara e viene utilizzata maggiormente in casi di dermatite seborroica. Ne favorisce l’assorbimento l’assunzione con magnesio. Ne inibiscono l’assorbimento le diete iperproteiche e i contraccettivi orali.

Vitamina B12 (cobalamina)

E’ una delle vitamine fondamentali. Durante la prima infanzia stimola l’appetito e la crescita, partecipa alla formazione dei globuli rossi, garantisce il mantenimento della mielina, partecipa alla sintesi di DNA e RNA, è utile in gravidanza e per la fertilità. Viene sintetizzata in natura solo da alcune specie di batteri e da alcune alghe. Le sue fonti sono soprattutto di origine animale, dal fegato ovino al polipo, dall’uovo al parmigiano, nei vegetali nei semi di girasole. Una carenza provoca nei bimbi disturbi della crescita, difficoltà cognitive, nell’adulto e nell’anziano sbalzi d’umore, infiammazione del sistema nervoso, danni alle cellule cerebrali, problemi al midollo spinale. Assunzioni elevate di vitamina C possono causare un calo ponderale della vitamina B12, mentre ad alte dosi può risultare tossica. Viene utilizzata in caso di anemia, fuoco di Sant’Antonio, nei disturbi nervosi, per stimolare la crescita, per rafforzare il sistema immunitario e nelle malattie mentali. Arricchire la dieta con gli alimenti sopraindicati può essere un buon modo di integrare le vitamine del gruppo B.

La carenza di vitamine, e nella fattispecie di vitamine del gruppo B deve essere diagnosticata pertanto in caso di sospetta carenza vi suggeriamo di rivolgervi sempre al vostro medico curante.

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

Newsletter

Maria Vittoria Piras
Diplomata in Naturopatia c/o Istituto RIZA di Medicina Psicosomatica, Master di specializzazione in Floriterapia, Erboristeria, Kinesiologia applicata e Cristalloterapia.
Contatti
Email: mvpnaturopata@gmail.com
Telefono: +39 347 7915200
Facebook: https://www.facebook.com/MVPoperatriceolistica/
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

↑ Torna su