Vincere la pigrizia: 3 segreti per tornare ad agire

0
521
vincere la pigrizia, donna pigra, guardare la tv

Per vincere la pigrizia: prima è importante conoscerla…

La pigrizia è la voglia di non fare e non agire, una forza che ci rallenta fino a fermarci e che ci invita a sprecare meno energie possibili.

La parola pigrizia, generalmente, ha un’accezione negativa: le persone pigre sono giudicate in modo negativo dalla società poiché oggi chi si muove piano, non fa, non realizza, è davvero fuori dagli schemi.

Il termometro della pigrizia

Prima di trarre conclusioni e giudizi sia su sé stessi che sugli altri, sarebbe bene misurare la “febbre della pigrizia”. Quando si hanno dei momenti sporadici che ci impediscono di fare solo determinate azioni, forse sarebbe meglio cercare di comprendere meglio da cosa stiamo sfuggendo.

Se invece arriva ad impedirci di vivere i gesti quotidiani, come cucinarci un piatto o rifare il letto, allora è il caso di allarmarsi ed eventualmente ricorrere all’aiuto di uno specialista.

4 messaggi della pigrizia che ti aiutano a conoscerti meglio

Ognuno di noi prima o poi si trova a fare amicizia o inimicizia con la propria parte pigra. Di solito non la si ama, proprio perché ritenuta negativa dalla società. In questo modo però si evita di conoscerla e di comprendere quale messaggio ci porta e cosa ci dice di noi.

Le energie sprecate

La tua pigrizia, per esempio, può aiutarti a preservare energie inutili.

Quante volte fai azioni che hanno poca utilità nel tuo quotidiano? O comunque azioni che possono essere rimandate in un secondo tempo? Chi ha la mania dell’ordine e della precisione sa che spesso molte delle sue energie vanno sprecate!

Cosa ti piace davvero

Può anche farti comprendere che ci sono cose che ti piacciono poco, aiutandoti a conoscerti meglio.

Quante volte fai qualcosa per compiacere qualcun altro o per evitare la solitudine? In quei casi la tua pigrizia può bussare ala tua porta ed invitarti a lasciar perdere….

Cosa ti fa paura

Qualche volta può farti comprendere che c’è qualcosa che ti fa paura, che temi di affrontare.

In questi casi la pigrizia ti tiene al sicuro nella tua zona di confort. In questo modo però resti vittima delle tue paure e magari non raggiungi ciò che ti piacerebbe ottenere.

Quanto stai abusando di te

Quando esageri con impegni e lavoro creandoti grande stress psicofisico, la pigrizia può arrivare all’improvviso, quando meno te lo aspetti.

In questo caso con la buona intenzione di farti ritrovare il giusto equilibrio.

Attenzione alle abitudini pigre

Dopo aver conosciuto la tua parte pigra ed averne compreso i lati positivi, è importante comprendere anche quando sta sabotando la tua vita.

Quando ti impedisce di superare i tuoi limiti, di raggiungere ciò che desideri, di gestire il tuo tempo ed energie al meglio.

Come scrivo spesso, siamo esseri abitudinari e le abitudini pigre possono insinuarsi nella nostra quotidianità senza che ce ne rendiamo conto!

Come vincere la pigrizia: 3 segreti +1

Per vincere la pigrizia è importante:

Riconoscerla e osservarla

Se ti trovi a saltare la palestra per la terza volta di fila, a prendere l’ascensore invece che fare qualche piano a piedi per la tua salute, a rifiutare l’invito in un posto che ti piace, sta vincendo lei. Osservati e osserva il tuo modo di fare: cosa ti dici o non ti dici, cosa non fai, che scuse ti racconti.

Semplicemente osserva senza giudicare.

Scegliere ciò che ci piace davvero

Scegli di fare ciò che ti piace davvero. Sembra banale ma non lo è.

Troppe volte ci perdiamo nel ciò che ci hanno suggerito e consigliato. Scegli l’attività fisica, lo svago, gli amici, scegli ciò che ti dà gioia.

Fare un primo passo o azione

Se hai scelto di vincere la pigrizia con qualcosa che ti piace davvero, non ti resta che fare il primo passo verso questo qualcosa, sicuramente con la pigrizia questa volta l’avrai vinta tu.

Oppure, seguiamo il consiglio di un saggio, scegliamo solo un giorno per farla sfogare….

Ogni settimana, abbiamo bisogno di un giorno di pigrizia.
Thich Nhat Hanh

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.