Verdure a foglia verde: proprietà per migliorare la propria dieta

verdure a foglia verde, bietole, verdure a foglia, ortaggi verdi

Verdure a foglia verde: sia che stiate seguendo una dieta per perdere peso, o solo un’alimentazione naturale a sostegno del vostro benessere, ho un consiglio per migliorare la vostra dieta e la vostra alimentazione.

Aumentate il consumo di verdure a foglia verde.

Cosa intendo? Intendo di consumarle quotidianamente, anche più volte, per un periodo di 3-4 settimane.

Indice

Annuncio pubblicitario

Le proprietà delle verdure a foglia verde

Migliorano la salute, hanno un ottimo valore nutrizionale e poche calorie.

Contengono fibre, utili al benessere dell’intestino, vitamine (A, C, K) , minerali  (tra cui calcio, ferro, magnesio, potassio), enzimi e antiossidanti. Sono inoltre ricche di clorofilla, sostanza dalla moltissime virtù salutari. La clorofilla supporta il lavoro del fegato e contribuisce ad aumentare la produzione di globuli rossi, apporta ferro, contribuisce all’assorbimento del calcio nelle ossa. Migliora l’ossigenazione cellulare, contribuisce a ridurre la massa grassa, oltre a facilitare e migliorare molte altre funzioni organiche.

Verdure a foglia verde: perché fanno bene

Ecco dunque, per punti, alcuni dei tanti benefici delle verdure a foglia verde:

  • Migliorano le difese immunitarie
  • Ostacolano lo sviluppo dei processi infiammatori
  • Rinforzano le ossa
  • Aiutano la coagulazione del sangue (grazie alla vitamina K)
  • Migliorano l’ossigenazione del sangue e svolgono azione anti-age
  • Fanno bene alla pelle

Quali verdure a foglia verde ?

Parliamo di insalate di ogni tipo: cicoria, lattuga, tarassaco, rucola, romana, valeriana, per citarne alcune tra le mie preferite. Ma parliamo anche di spinaci, erbette, bietole, catalogna, cavolo verde, cavolo nero, verza, ortica e chi più ne ha, più ne metta. L’importante è che siano ortaggi di stagione, freschi e possibilmente biologici.

Crude o cotte?

Sia crude che cotte, o meglio, poco cotte. Per quanto riguarda la cottura infatti consiglio metodi delicati come la cottura al vapore e il salto in padella o in wok. Anche se la preferenza è per le verdure crude, non escludete del tutto quelle cotte ed in alcuni pasti mangiatele entrambe.

A pranzo o a cena?

Sia a pranzo che a cena, anche a colazione. Non è una battuta. A colazione potete preparare una frittata con delle erbette o con del tarassaco.

Prima di cucinarle: lavatele bene

Le verdure a foglia, come tutti gli ortaggi, devono essere lavate con cura prima di essere consumate per limitare il rischio di ingerire batteri ed eventuali tossine. Sciacquatele bene con acqua fredda corrente, lasciate il ammollo qualche minuto dopo aver separato una ad una tutte le fogli ed aver rimosso la pare inferiore della foglia o del gambo. Dopo aver lavato accuratamente le mani con del sapone, strofinate le foglie sotto l’acqua corrente. Per disinfettare ulteriormente uno dei metodi più sicuri è quella di aggiungere alcune gocce (8/10) di Amuchina specifica per frutta e verdura a 2 litri di acqua. Successivamente fate 3 accurati risciacqui sempre con acqua fredda corrente. Asciugate con una centrifuga per insalata. L’uso dell’aceto bianco è controverso, perché alcuni esperti ritengono che per agire sui batteri sarebbe necessario un tempo di ammollo estremamente lungo.

Messaggio importante: ogni consiglio sull’alimentazione va verificato personalmente

In alimentazione cosi come nella scelta dei rimedi per problemi di salute, non ci sono leggi universali valide per tutti. Certo, ci sono alcune linee guida di cui parlo spesso nei miei articoli. Ma anche un consiglio come quello di questo articolo, relativo al consumo di verdure a foglia verde, deve essere verificato. Provate e cercate di capire come vi sentite dopo aver introdotto la novità nella vostra alimentazione. Se state meglio proseguite, altrimenti fermatevi e chiedete consiglio ad un esperto di alimentazione o ad un medico specializzato nell’alimentazione.

Ti può interessare anche: Clorofilla, ossigeno ed energia del sole 

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Articolo precedenteGelato artigianale, fate attenzione
Articolo successivoOlio essenziale di cisto, usi e proprietà
Claudio Monteverdi
Naturopata, esperto di alimentazione naturale, educatore alimentare. Convinto sostenitore della visione olistica e del vivere etico e sostenibile, curioso e studioso. È impegnato da anni nella divulgazione di tematiche su alimentazione e benessere. Ha frequentato il corso triennale di naturopatia alla scuola Riza Natura dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica (Milano). Ha frequentato corsi di perfezionamento su floriterapia alla scuola del Bach Center, tecnica Craniosacrale, Digitopressione Dinamica e Riflessologia Plantare Integrata® presso Riza. Ha frequentato il master Operatore del Benessere presso il Centro Studi di Perugia. Ha approfondito L’alimentazione naturale con alcuni riferimenti del mondo medico scientifico (Franco Berrino, Debora Rasio, Martin Halsey...) partecipando a numerosi convegni e workshop. Partecipa costantemente a convegni, eventi formativi e manifestazioni a tema alimentazione e benessere. Grazie alle passioni storiche per il web, il marketing e la comunicazione, derivate da una Laurea in Scienze dell'Informazione e da anni "da manager" in diverse aziende, dopo aver collaborato con importanti iniziative editoriali del mondo olistico e con alcune realtà di prodotti naturali, ha ideato e fondato il progetto BenessereCorpoMente.it. Mette a disposizione di aziende e privati la sua esperienza facendo anche attività di consulenza, in particolare sui temi dell'alimentazione naturale e dell'educazione alimentare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.