Verbena, Vervain: rimedio per corpo e anima

verbena, campo di fiori

Verbena, una meravigliosa pianta con tante proprietà di benessere. E’ anche uno dei 38 fiori di Bach selezionati dal dott. Bach, Vervain, il fiore degli entusiasti. L’ho studiata a fondo e vi voglio raccontare tutte le sue caratteristiche, utilissime anche per in olio essenziale o come rimedio fitoterapico.

Il Don Chisciotte dei fiori di Bach

Don Chisciotte VervainQuando mi viene chiesto di descrivere il soggetto che richiama il fiore di Bach Vervain (Verbena officinalis) mi viene sempre in mente Don Chisciotte paladino utopista, appassionato e trascinatore per ideali che solo lui riesce a vedere in modo nitido. Probabilmente l’immagine di questo personaggio può essere utile anche a voi lettori per individuare le situazioni che possono trovare un supporto in questo fiore.

La personalità Vervain

Chi ha una personalità di tipo Vervain si riconosce per l’entusiasmo, per l’utopia, per la voglia di coinvolgere il prossimo. Per la coinvolgente enfasi con cui parla delle sue idee, per la capacità carismatica propria dei trascinatori di folle.

Ma non misura il passo e spesso chi aveva iniziato convintamente a seguire le sue orme si sente sfiancato o intimorito dall’entusiasmo stesso con cui Vervain cerca di fare proselitismo.

I vari Sancho Panza sentono di non avere le energie di seguire l’impeto del loro faro. E va a finire che i nostri Vervain si stroncano da soli contro i mulini a vento.

Eccessivo entusiasmo

Il soggetto Vervain si riconosce proprio dall’eccessivo entusiasmo, dall’eccitamento, dalla foga, direbbe qualcuno. E’ caratterizzato da una fede incrollabile sulla validità delle sue idee. Forza di volontà, impulsività e coraggio certo non gli mancano. Ma neanche la tenacia. Né il carisma. L’idealismo e il fanatismo lo portano ad essere calorosamente in prima fila. Vuole assolutamente convincere gli altri della validità delle sue idee.

La pianta: Verbena officinalis

Domestica quanto le occorre e selvaggia quanto le piace, non è nata per terreni inospitali. Può accettare di vivere anche su terreni meno congeniali, purché la luce del sole sia sempre presente.

Se sottoposta all’ombra solitamente non è in grado di fiorire. Questo mi fa pensare che nonostante Verbena officinalis sia perfettamente consapevole di cosa sia la vita a agiata, sa accettare con coraggio, costanza, tenacia, incrollabile zelo, anche le situazioni impervie che a pelle meno le corrispondono, a patto che la consapevolezza spirituale mai la abbandoni: ha bisogno di restare, nell’agio come nella difficoltà, in contatto con la propria fede (il sole).

La sua forte radice è fusiforme e penetra in profondità nel terreno. S’irrobustisce anno dopo anno, tanto che gli esemplari più anziani sono quasi impossibili da sradicare. Ciò denota grande responsabilità, cerca nel profondo l’essenza delle cose.

Tuttavia la radice si presenta un po’ tutta d’un pezzo ed è priva di radichette di secondo grado denotando, alla fin fine, relazionalità scarna a livello delle emozioni. Infatti se pensiamo al soggetto Vervain si può notare che tutto sommato, anche se è un entusiasta trascinatore non si sofferma ad ascoltare il prossimo, il suo punto di vista, la sua modalità esistenziale.

Al primo anno di vita la pianta produce un unico gambo. L’anno successivo ripercorre la strada fatta, premurandosi d’irrobustire il fusto centrale che, difficile da credere viste le dimensioni minute della pianta, diventa legnoso.

Verbena officinalis di anno in anno è sempre più convinta della propria moralità. Si osserva anche un indurimento nella fedeltà alla propria morale (stelo o tronco) ma anche una chiusura acritica e preventiva agli stimoli esterni (corteccia).

I rami sono quadrati in sezione e inclinati in maniera geometrica di 45°.  Ha una forte geometria interna che esprime anche all’esterno. Il pensiero è preciso e non mette assolutamente in discussione l’orientamento (angolazione) delle sue idee (rami).

Altri utilizzi della verbena

Verbena è molto frequente da incontrare nelle campagne e nelle periferie. Profumatissima da lei si ricava anche un prezioso olio essenziale.

Olio essenziale di Verbena

Elettivo del quinto  Chakra, quello che presiede alla capacità comunicativa e creativa artistica, l’olio essenziale di verbena è in grado di liberare le emozioni e modula le capacità verbali è rilassante e migliora la concentrazione.

Verbena in erboristeria, rimedio fitoterapico

In erboristeria viene usata come

  • sedativo della tosse (lenitivo del 5 chakra),
  • antinfiammatorio (eccessiva reattività),
  • epatoprotettore (rabbia) e
  • blando tonico nervino (tensione emotiva).

Le sue foglie ed i suoi fiori contengono molte sostanze antiossidanti, utilissime a contrastare anche nevralgie, emicranie e problemi oculari di varia natura.

E’ sorprendente e  forse, a ben pensarci commovente, constatare come, in qualsiasi forma la si voglia assumere la pianta sembra dirci: ‘Centrati, comunica con gentilezza e armonia, non esagerare, rilassati..’

Nota della redazione

Per approfondire la conoscenza delle piante e le loro caratteristiche, vi consigliamo il bellissimo libro di Irene Valeriani Incontri con le piante dei fiori di Bach in vendita su Macrolibrarsi.it, oppure sul sito di GUNA.

Incontri con le Piante dei Fiori di Bach
Incontri con le Piante dei Fiori di Bach
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.