Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Tristezza e malinconia: come superarle e trasformarle in amore

tristezza e malinconia, malessere. coronavirus, covid19, donna triste

Tristezza e malinconia sono due emozioni che si richiamano l’un l’altra.

La tristezza ci porta in uno stato di malessere, talvolta dolore; la malinconia ci porta anch’essa un lieve malessere spesso accompagnato da una sensazione di mancanza e nostalgia.

I cambiamenti che causano tristezza e malinconia

Nella nostra vita viviamo molti eventi e cambiamenti che ci rendono tristi e malinconici: litigi, mancanze, incomprensioni, relazioni che finiscono, abbandoni, lutti, perdite.

In questi ultimi tempi, nonostante la ripresa e la riapertura delle attività quotidiane, c’è nel cuore di ognuno di noi tristezza per tutto il dolore a cui abbiamo assistito e ancora assistiamo.

Le storie di chi ha perso una persona cara, di chi ha perso il lavoro, dei negozi con le saracinesche abbassate. Eventi come questo possono suscitare emozioni e sentimenti negativi e dolorosi.

L’importanza delle emozioni

Le emozioni rivestono un ruolo importante nella nostra vita, ci permettono di conoscerci a fondo e di attingere a nuove risorse.

È importante accoglierle e lasciarle fluire senza cercare di reprimerle e cacciarle via. Tristezza e malinconia, se accolte, ci permettono di entrare in contatto con la parte profonda e sensibile di noi stessi, ci invitano a riflettere sul senso della vita.

Permettiti di essere triste.

Il senso del vuoto

Tristezza e malinconia arrivano quando avvertiamo il senso del vuoto e della mancanza. Quando ci sentiamo soli, smarriti, deboli, feriti.

Talvolta, in presenza di queste emozioni cerchiamo di riempire questo vuoto con il cibo, l’alcool, lo smartphone o con la maschera del “va tutto bene”.

La maggior parte delle volte non funziona e terminato l’effetto di ciò che abbiamo usato per riempirlo, il vuoto torna più forte di prima.

Come trasformare tristezza e malinconia in amore: la vicinanza agli altri

Quando invece accogliamo il vuoto e le emozioni che lo accompagnano possiamo sentire una sensazione diversa. La vicinanza alle altre persone che soffrono ed il desiderio di aiutare e farci aiutare, consolare, supportare da chi ci è vicino.

Durante questi momenti di solito accade qualcosa di speciale. Si entra in un particolare stato di empatia che ci avvicina gli uni agli altri, che abbatte le barriere nelle relazioni e ci avvicina all’amore.

Ed ecco allora che anche queste tristezza e malinconia, come tutte le altre emozioni, arrivano per raccontarci qualcosa di noi e per condurci all’amore.

Le emozioni come la febbre

Mi piace associare l’intensità delle emozioni alla febbre.

Se è bassa può essere lasciata sfogare per poi andarsene, se è alta ha bisogno del medico!

La tristezza se intensa e prolungata può trasformarsi in depressione. La malinconia in melancolia. In questi casi è bene rivolgersi ad un medico specializzato.

Addio Tristezza!
Michel Lejoyeux
Dalle neuroscienze un nuovo approccio per guarire dalla “depressione moderna”
Vallardi

INFORMAZIONI UTILI

Un e-book per te!

Acconsento al trattamento dei miei dati e dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy

Attiva il tuo coupon sconto

Categorie

Condividi su:

Potrebbe interessarti anche