Tisane calde per l’inverno, bevande di salute

Tisane, infusi, decotti,drenanti,disintossicanti,rilassanti,relax

Il semplice gesto di sorseggiare una tisana calda, soprattutto in questa stagione, non è solo offrirsi una pausa piacevole e corroborante, ma può essere il modo più naturale e semplice per veicolare ed assumere tutti i principi attivi della pianta, apportando salute al nostro organismo. Il nome non è un caso Ti sana = cioè rende sana la persona.

Come si prepara una tisana calda

Parliamo anzitutto della preparazione di una buona tisana, che è facile e alla portata di tutti, basta seguire alcune semplici indicazioni.

Infuso

Si prepara con un cucchiaio di erba essiccata lasciata riposare in una tazza di acqua bollente per 5/10 minuti (coperta per non disperdere i preziosi oli essenziali)e poi filtrata. Questo metodo è indicato per tisane ottenute da fiori e foglie.

Decotto

Si mette un cucchiaio di erba essiccata per una quantità pari a una tazza di acqua fredda e poi si porta a ebollizione per 3/5 minuti, si lascia riposare coperto altri 5 minuti, poi si filtra e si beve. Questo metodo è indicato per tisane ottenute da radici e cortecce.

Dolcificare o no?

In entrambi i casi si può bere al naturale o dolcificata con un po’ di miele (in questo caso si avrà l’accortezza di mettere il miele nella tazza quando la temperatura non è troppo elevata, per non rendere inutilizzabili le sostanze attive del miele quali enzimi, vitamine e sali minerali). Ci sono abbinamenti particolari tra erbe differenti per creare una sinergia che lavora a più livelli, potenziando gli effetti delle singole piante.

Quali tisane scegliere?

Ci sono tisane adatte per ogni situazione, ve ne propongo alcune con le relative ricette.

Tisana antinfluenzale

Una buona tisana (proprio buona anche di sapore!) con ottime proprietà anti-influenzali, che è la mia preferita in inverno, si ottiene mettendo in acqua bollente

  • circa un cm di radice di zenzero tagliata a fettine sottili,
  • un pezzetto di scorza di limone biologico,
  • due chiodi di garofano,
  • un pezzetto di cannella,
  • un pizzico di curcuma (facoltativo anche anice stellato):

aiuta a velocizzare la risoluzione dell’influenza e a potenziare le difese immunitarie.

Tisana drenante, disintossicante, rilassante

Per esempio, dopo gli eccessi alimentari e ‘stress’ da festività consiglio sempre una tisana che unisce al tempo stesso proprietà:

una tisana a base di tarassaco, bardana e camomilla.

Aiuta il fegato a depurarsi, rigenera la pelle e oltre a distendere, aiuta le difese immunitarie (tutti conoscono gli effetti rilassanti della camomilla ma pochi sanno del suo potente effetto antivirale; fare attenzione a non tenere in infusione oltre i 5 minuti, onde prevenire “l’effetto paradosso” che la camomilla può dare se tenuta in infusione troppo tempo, sovraeccitando anziché rilassare.

Tisana per l’apparato respiratorio

Per aiutare i polmoni e i bronchi, disintossicarli, ripulirli dalle tossine accumulate e favorire la respirazione e l’efficienza di questo organo messo a dura prova d’inverno è eccellente un mix di erbe in proporzioni diverse.

  • eucalipto foglie 15 gr.
  • timo foglie 5 gr.
  • lavanda fiori 10 gr.
  • menta foglie 10 gr.

La tisana si ottiene mettendo le erbe in acqua bollente e lasciando in infusione coperta per 10 minuti. Un cucchiaino di miele di tiglio ne potenzia l’efficacia.

Tisana per lo stomaco

Per uno stomaco affaticato, spesso sofferente a causa di alimentazione disordinata frequente in questi periodi, è opportuno preparare un mix sfiammante, che toglie acidità e drena, con malva foglie e fiori, melissa, radice di liquirizia e rizoma di zenzero.

Quante tisane al giorno?

In generale consiglio di consumare circa 3 tazze al giorno di tisana per ottenere un effetto curativo e drenante.

Se invece si desidera semplicemente beneficiare di una tisana gradevole e rilassante che aiuti a prendere sonno nelle serate invernali (quando diventa difficile scaricare i pensieri accumulati durante la giornata con una bella passeggiata all’aperto a causa del clima sfavorevole) è sufficiente una tazza di tisana bevuta alla sera preparata con un mix di tiglio, passiflora, biancospino, arancio dolce: ci coccola e ci distende offrendoci anche un ottimo profumo e un buon sapore.

Quando si bevono le tisane calde?

Come regola si può dire che quelle diuretiche e depurative andrebbero assunte a digiuno o prima dei pasti, mentre a stomaco pieno quelle digestive e antifermentative; prima di coricarsi quelle sedative e lassative.

Leggi anche “Il potere di una calda tisana al miele

Tisana Classic con Tazza Ceramica
Tisana Classic con Tazza Ceramica
Yogi Tea
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.