#svestilafrutta: la campagna contro l’abuso di plastica

frutta, abuso di plastica, lamponi, svestilasfrutta, svesti la frutta, greenme

Se come noi sei appassionato di benessere e attento alla salvaguardia del pianeta, siamo felici di informarti che ci sono molte idee e iniziative da prendere in considerazione, diffondere e sostenere. Idee utili, che stimolano tutti noi ad osservare il nostro stile di vita e a prestare attenzione a ciò che nel nostro quotidiano può essere migliorato e cambiato in ecosostenibile.

L’abuso di plastica

I nostri mari sono invasi dalla plastica, i fiumi che la trasportano hanno raggiunto un livello di inquinamento elevato. Sapete quanto ci vuole per smaltire la plastica? Decine, centinaia di anni!

La domanda sorge spontanea: perché auto-invaderci di plastica? Perché riempire ogni angolo del nostro pianeta di inutile plastica?

Che senso ha? Che senso ha utilizzarla in inutilmente per contenere alimenti che non ne hanno bisogno?

#svestilafrutta, la campagna di di Greenme contro l’abuso di plastica

Grazie a un’idea di Isabel Vincente blogger spagnola di “La hipótesis Gaia” chiamata #DesnudaLaFruta, Greenme, il sito d’informazione dedicato all’ecosostenibilità, ha appena lanciato una campagna social in versione italiana chiamata #svestilafrutta.

Ci invita ad osservare quanti imballaggi, soprattutto di plastica, sono utilizzati per avvolgere piccole quantità di frutta, verdura, spezie. In effetti, credo che ognuno di noi abbia notato questo notevole spreco e che almeno una volta si sia domandato:”che senso ha questa confezione?”.

Nonostante l’introduzione dei recenti sacchetti biodegradabili, gli involucri di plastica sono ancora molto presenti sui banchi dei supermercati.

Come partecipare

Per partecipare alla campagna è sufficiente fare la foto dell’alimento e caricarla sui social usando l’hashtag #svestilafrutta. Importante è inserire il nome del supermercato dove si trova la confezione, in modo che si sensibilizzi e cambi politica di scelta.

Partecipiamo alla campagna anche nelle nostre scelte quotidiane: l’alimentazione è il vero punto di partenza, partiamo da lì

L’alimentazione è uno degli aspetti della nostra vita che incide maggiormente sull’inquinamento per il packaging, per i trasporti, per il consumo di carne che impatta sul riscaldamento globale. Facciamo qualcosa di importante seguendo queste semplici regole:

  • Evitiamo di acquistare frutta e verdura fresca confezionata in inutili confezioni di plastica
  • Scegliamo cibi del territorio che non necessitano lunghi trasporti
  • Scegliamo il più possibile alimenti che non hanno subito una trasformazione industriale.
  • Riduciamo il consumo di carne, se proprio non possiamo farne a meno
  • Scegliamo i cibi di stagione che oltre a permettere a noi di seguire i ritmi della natura, permettono alla natura stessa, ai terreni coltivati, di seguire i propri ritmi e stagioni.
  • Quando possibile, acquistiamo dai contadini e dalle aziende agricole prodotti genuini e non confezionati!

Ti può interessare anche:“Riscaldamento globale: una scomoda verità”

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.