Spezie in cucina: come usarle, benefici, scala di aromi

spezie in cucina, spezie, spezie in povere, spezie intere, come usare le spezie

Spezie in cucina, le conoscete e le utilizzate? Vi spiego perché ve le consiglio.

I vantaggi dell’uso delle spezie in cucina

Le spezie sono ottimi ingredienti in cucina: esaltando il sapore dei piatti,  consentono un minor uso del sale e permettono di limitare i grassi da condimento.

La sana alimentazione infatti suggerisce di limitare il più possibile il sale da cucina il cui abuso nel tempo è direttamente associato all’aumento del rischio di ipertensione e delle patologie correlate.

Le spezie sono molto utili alla conservazione dei cibi: pepe negli insaccati, cannella e chiodi di garofano per non fare irrancidire i grassi, sono solo alcuni esempi. In tutto il mondo esistono centinaia di varietà di queste sostanze aromatiche.

Le spezie sarebbero anche in grado di potenziare gli effetti antiossidanti degli ortaggi.

Gran parte di esse sono considerate vere e proprie sostanze antiossidanti, ad esempio la curcuma. Ogni problematica di salute potrebbe trovare un rimedio in queste sostanze: una spezia per ogni esigenza. Per regolare la risposta glicemica che segue all’introduzione di zuccheri l’ideale è la cannella, il pepe favorisce invece la digestione; molto utile il loro impiego nella preparazione di infusi, tisane e decotti utili per contrastare sindromi influenzali e malanni di stagione (cannella, rafano, zenzero), singhiozzo (aneto), flatulenza e perdita di appetito (cardamomo), ecc.

Come vanno usate correttamente le spezie in cucina

Si consiglia di tenere sempre nella dispensa della propria cucina una scorta di spezie.

Nell’uso di queste preziose sostanze occorre fare però attenzione a non eccedere nella quantità per non sovrastare i sapori del piatto.

Una leggera tostatura

Per esaltarne le proprietà alcune spezie si prestano ad essere leggermente tostate: si fanno saltare in poco olio prima di aggiungerle al piatto che devono aromatizzare, in questo modo se ne esalta il profumo e si sfruttano completamente gli oli volatili che si sviluppano dalla macinatura. Questo trattamento è specialmente indicato per cumino, coriandolo, cardamomo e zenzero.

Cotte intere

Macis e cannella invece, difficili da macinare vengono cotti aggiunti interi, messi in un sacchetto di garza o lino o legati assieme insieme agli altri ingredienti della ricetta e poi tolti prima di servire, così come il baccello di vaniglia viene utilizzato per profumare creme, bevande e dessert.

A freddo, aggiunte prima

Affinché sviluppino il loro aroma nei piatti freddi come insalate, macedonie di frutta, le spezie vanno aggiunte un po’ di tempo prima del consumo.

Intere o macinate? Un consiglicuci

Aggiungere spezie intere nelle cotture prolungate e spezie macinate in quelle rapide.

Anche se l’aroma e l’intensità di una spezia è molto soggettiva esistono delle classificazioni a riguardo.

La Cucina del Buonsenso
La Cucina del Buonsenso

Scala di aromi delle spezie elaborata dall’Università di Delaware

Aroma forte o dominante

Da dosare in modestissime quantità, pizzichi

Aroma medio

Da usare con parsimonia, un pizzico a porzione

Aroma delicato

Si possono usare quantità più abbondanti, si possono mischiare alle spezie anche erbe

Aroma dolce

Queste spezie aggiunte alle ricette dolci consentono di ridurre l’apporto di zucchero

Aroma saporito

Non richiedono particolari precauzioni, sempre meglio assaggiarle prima di aggiungerle in quantità

Aroma piccante

Da usare con parsimonia

Scala che gradua l’intensità delle spezie da 1 a 10

  • 0 neutro

  • 1 delicato

  • 2 dolce

  • 3 medio

  • 4 leggermente pizzicante

  • 5 piccante

  • 6 pizzicante

  • 7 bruciante

  • 8 incandescente

  • 9 incendiario

Approfondisci i temi dell’alimentazione con i libri dell’autrice Dott.ssa Marina Cecchetti.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.