Sole estivo: come sfruttare al massimo i suoi benefici

sole estivo, donna al sole, sole d'estate

Il sole estivo fa bene, e questo è un dato di fatto. Le radiazioni del sole possono però causare problemi e malattie alla pelle. Meglio essere informati e sapere come sfruttare al massimo i benefici dei raggi solari.

Benvenuto sole estivo, amico della pelle

Tutti gli anni prima di ogni estate si moltiplicano le raccomandazioni su come proteggere la pelle dal sole estivo.  È indubbio che la foto-esposizione sia una delle cause dell’invecchiamento cutaneo, ma è importante affrontare questo problema in modo approfondito.

Non mi dilungo sulle correlazioni tra raggi UVa  e degradazione delle fibre del derma, raggi UVb ed eritema. Qui invece la mia intenzione è di focalizzare il ragionamento sulle metodiche più usate prima, durante e dopo l’esposizione solare.

L’importanza della melanina

Annuncio pubblicitario

Sappiamo che ci si abbronza perché la pelle si difende dai raggi solari. La melanina mediatore tra la nostra pelle e la luce solare, riveste sempre più un ruolo primario per la nostra salute.

Dove la pelle si ammala di più e perché

I dati OMS indicano come siano i paesi nordici, quelli più colpiti dal melanoma, mentre in coda ci sono le nazioni che si affacciano sul Mediterraneo.

Inquinamento e buco dell’ozono, potrebbero essere fattori climatici responsabili di tale aumento, ma da soli non giustificano la cosa.

L’utilizzo dell’abbronzatura artificiale è componente importante per dare una spiegazione al perché nei paesi nordici, c’è stato un incremento maggiore di problematiche alla pelle rispetto all’Europa del sud. Entrano in gioco il fototipo e quindi si torna alla melanina.

I filtri solari

I dottori Cedar e Frank Garland dell’università della California e diversi autorevoli ricercatori Australiani sono tra i maggiori fautori dell’uso dei filtri solari naturali.

Essi affermano che proteggono meglio la pelle dalle pericolose scottature solari e allo stesso tempo, svolgono un’azione antiossidante.

I filtri solari chimici sono formulati per assorbire principalmente la radiazione UVB e lasciano passare gran parte dei raggi UVA che penetrano più in profondità nella pelle.

L’esposizione ai raggi UV ha benefici sia per la nostra psiche che per la struttura ossea, grazie al rilascio di endorfine e alla produzione della vitamina D.

Anche la pelle è soggetta alle regole del benessere

Come per tante altre patologie, anche quelle della pelle vanno affrontate in un concetto olistico, che tenga conto di alimentazione, stile di vita, stress. Mi spiego meglio.

Si parla tanto di antiossidanti, ne conosciamo un bel numero, ma andrebbe prescritto un protocollo per il loro utilizzo, specifico a seconda del tipo di pelle.

Ti può interessare anche: Abbronzatura: come evitare i danni alla pelle

L’alimentazione dell’estate

L’alimentazione dovrebbe essere basata nei mesi precedenti l’esposizione al sole, su alimenti che preparino la pelle, quindi ricchi di Omega 3 e 6, vitamine dei gruppi A/B/C/E, oligoelementi come Manganese e Rame. In estate è utile consumare grandi quantità di frutta di stagione, in particolare anguria e albicocche. La stessa raccomandazione vale per le verdure di stagione, tutte!

E i cosmetici dell’estate?

In estate il prodotto cosmetico è utile, ma deve fornire alla pelle la giusta protezione dai raggi UV, aiutare l’idratazione e rigenerare la cute.

Le sostanze funzionali più utilizzate e consigliate sono le staminali vegetali da Uva e Utwiller Spatlauber, Aloe, Coenzima Q10, Gsh Glutatione, Sod Superossidodismutasi, Acido Lipoico. Consiglio di leggere attentamente le etichette.

Le emulsioni dovranno avere una texture leggera, preferibili quelle formulate con oli e burri vegetali. Sono ottimi i filtri solari naturali a base di Melone, Gammaorizanolo, Zinco.

Ti può interessare anche:Star bene al gran caldo estivo: 5 consigli

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.