Smartphone e tablet in cucina: un problema di sicurezza alimentare?

0
212
smartphone e tablet in cucina., smartphone in cucina, smartphone e cibo, igiene smartphine, contaminazione crociata

Smartphone e tablet in cucina e a tavola: i nostri dispositivi ci seguono ovunque, e ovunque li utilizziamo. Ad esempio, in cucina per cercare e leggere le ricette, oppure per fotografare i nostri piatti. Mi sono chiesto quali sono i problemi che possono derivare dal loro incessante utilizzo.

Smartphone, tablet e gli altri oggetti del desiderio

Natale si avvicina e con esso i classici pasti delle festività e numerosi oggetti che dal 25 dicembre in poi invaderanno le nostre case. I regali più desiderati di questa epoca storica sono certamente i dispositivi tecnologici, cellulari, tablet e quest’anno anche quegli “assistenti vocali” che si stanno facendo largo nelle nostre case e logicamente, nelle nostre cucine.

Smartphone e tablet in cucina: quali problemi?

Leggere o farsi dettare ricette dalle apparecchiature elettroniche è sicuramente più comodo che utilizzare un grande numero di libri o fogli scritti a mano.

Annuncio pubblicitario

Un problema però esiste, ed è quello delle potenziali contaminazioni crociate[1] dovute proprio all’utilizzo di strumenti per loro natura sporchi, in quanto sempre a contatto con le nostre mani e con le superfici.

Chi di voi si prende cura dell’igiene del proprio smartphone?

Laviamo e disinfettiamo mai i nostri cellulari?

Durante la preparazione dei cibi facciamo scorrere le pagine o digitiamo sui touch screen con mani pulite? E dopo che li abbiamo toccati, ci laviamo le mani?

La risposta è, generalmente,no.

Non esistono molti studi in merito, ma qualcuno[2] si è posto la domanda e sebbene i risultati non abbiano al momento identificato una diretta correlazione con le malattie a trasmissione alimentare, hanno però evidenziato come il rischio sia reale e per lo più sottovalutato.

La metà degli intervistati americani utilizza smartphone e tablet durante la preparazione di cibi, ma solo il 37% si lava le mani dopo averli toccati[3].

Il rischio di contaminazione

Cellulari e tablet ospitano un grande numero di germi[4]. Si parla di una contaminazione superiore di 10 volte a quella della tavola del water! Tra i batteri potenzialmente patogeni sono stati ritrovati soprattutto quelli dei generi

  • Staphiloccoccus,
  • Escherichia,
  • Klebsiella,
  • Bacillus,
  • Enterococcus.

Ora capite quali sono i potenziali rischi di utilizzare con poca attenzione smartphone e tablet in cucina.

Come può avvenire la contaminazione

Il rischio di contaminazione è in entrambe i sensi. Potremmo toccare il telefono sporco (o tablet o altro) e poi senza lavare le dita toccare il cibo, contaminandolo.

Oppure potremmo manipolare il cibo (magari anche molto “sporco” come ortofrutta o carne) e poi il telefono, rendendolo contaminato. Consideriamo anche il fatto che, in particolar modo gli smartphone, verranno a contatto col viso e portati alla bocca.

Pulire con disinfettanti non solo le mani ma anche gli strumenti tecnologici è sicuramente un primo passo, considerando anche il fatto che prima di essere un supporto per la cucina, ci hanno probabilmente seguito al lavoro, durante l’attività sportiva e probabilmente anche in bagno…

Le custodie sono inutili senza igiene

L’uso di custodie protettive, senza una accurata pulizia, non serve a molto e anzi, si possono creare aree difficili da raggiungere durante la disinfezione e questo può facilitare la formazione da parte dei microrganismi di biofilm protettivi.

La maggior parte delle persone non percepisce questo come un problema e se già non comprende il pericolo quando le mani sono effettivamente sporche e appiccicose dal contatto con carne o pesce (ma non sottovalutiamo la pericolosità dei prodotti ortofrutticoli!), figuriamoci di fronte a oggetti ormai divenuti così “personali” e “intimi”[5].

Alcuni consigli

Le indicazioni che mi sento di dare sono innanzitutto di buon senso, laddove gli stessi dispositivi vengano utilizzati in modo “promiscuo”.

  • Tenere fuori dal bagno telefoni e tablet per evitare potenziali contaminazioni da aerosol generati durante l’utilizzo dello sciacquone e pulire sia gli strumenti elettronici che le mani prima della manipolazione dei cibi.
  • Ricordarsi sempre di evitare, il più possibile, il contatto tra strumenti/superfici sporchi e cibo, nonché tra cibi differenti (soprattutto tra cotti e crudi). Cuocere i cibi accuratamente laddove possibile e conservare sempre al freddo gli alimenti, in modo tale che se anche non fossimo riusciti a controllare le contaminazioni, almeno impediremo ai microrganismi patogeni di crescere di numero e diventare così un pericolo per la nostra salute.

Note bibliografiche

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.