Sindrome premestruale: disagi e rimedi naturali

Sindrome premestruale, disturbi femminili, donna, donne, femminilità

Sindrome premestruale o PMS, facciamo chiarezza.

Le statistiche ci dicono che negli ultimi 10-15 anni i disturbi femminili legati al ciclo mestruale sono in forte aumento. La sindrome premestruale in particolare colpisce sempre più donne, con sintomi psicofisici che durano anche dieci giorni per mese.

Nelle prossime righe vedremo quali sono i sintomi e quali i rimedi naturali che possono alleviare questo disagio. Per la redazione di questo articolo mi sono avvalso del supporto informativo di Natural Point, azienda con una lunga e solida storia nell’ambito della produzione e vendita di rimedi ed integratori naturali preparati con cura meticolosa, a partire dalla scelta degli ingredienti di origine naturale.

La sindrome premestruale (PMS), di cosa si tratta

Per sindrome premestruale si intende una situazione di disagio fisico e psicologico i cui sintomi principali sono cambiamenti d’umore e irritabilità, dolori localizzati al seno e all’addome, una maggiore ritenzione di liquidi. Diversi studi hanno evidenziato che questo disturbo riguarda il 40-50% delle donne in età fertile e, in forme severe, tra il 3 e 8% della popolazione femminile. I sintomi della sindrome premestruale, hanno un andamento ciclico in relazione con il periodo post ovulatorio del ciclo mestruale, possono essere molto eterogenei e variabili anche tra cicli mestruali della stessa donna.

Come individuare la presenza della sindrome premestruale

L’American College of Obstetricians and Gynecologists ha elaborato una classificazione, secondo la quale è essenziale che la donna riporti uno o più sintomi, durante i cinque giorni, che precedono il ciclo. Nell’elenco messo a punto sono presenti sintomi di depressione, ansia,  confusione, irritabilità, scoppi di collera, ritiro dalla vita sociale, dolore al seno, meteorismo, cefalea, ritenzione idrica in mani e piedi.

Uno squilibrio tra ormoni

Recenti studi hanno messo in luce che la sindrome premestruale potrebbe essere legata ad uno squilibrio tra due diversi ormoni, secreti in quantità eccessiva: estrogeno e progesterone. Si tratterebbe, quindi, di una sorta di reazione “auto-allergica” in grado di scatenare una fluttuazione ormonale responsabile di vari effetti sul benessere della donna, proprio nei giorni che precedono il ciclo mestruale.

Nuovi studi condotti da diversi ricercatori hanno dimostrato che anche alcuni fattori nutrizionali potrebbero favorire la comparsa di specifici sintomi legati alla sindrome premestruale. In particolare, una carenza di vitamine (soprattutto B6, A, C, E), di minerali (magnesio, zinco, calcio, ferro) e di amminoacidi, potrebbe essere correlata a questo stato di malessere esteso.

La sindrome premestruale e lo stile alimentare

Le indisposizioni legate alla PMS portano spesso ad adottare una scorretta condotta alimentare. Spesso infatti, in risposta a stati d’ansia e di malessere psico-fisico, si è portati al consumo eccessivo di cibi ipercalorici, smisurato consumo di alcolici o sigarette. La conseguenza è un peggioramento dello stato di benessere psico-fisico.

La natura a supporto: Lady Care di Naturalpoint

Lady Care è un integratore alimentare a base di ingredienti naturali, studiato per sostenere il benessere psico-fisico della donna durante la fase premestruale: si tratta di un concentrato bilanciato di numerosi estratti vegetali, vitamine e minerali, dalle importanti proprietà benefiche.  Lady Care supporta l’organismo femminile, soprattutto in presenza di alcune carenze nutrizionali, contribuendo a contrastare la sensazione di stanchezza tipica di quei giorni.

natural point, lady care, pms, sindrome premestrualeVedi la scheda prodotto sul sito Natural Point

I casi in cui è consigliata l’assunzione di Lady Care

  • Benessere dell’apparato urogenitale femminile
  • Aiuto in fase premestruale e menopausa
  • Supporto del benessere psico-fisico

Cosa contiene: fitoestratti

Calendula e zenzero: l’accoppiata perfetta per i disturbi legati al ciclo mestruale in quanto contribuiscono a dare sollievo ai fastidi più comuni. La calendula sostiene il trofismo della pelle e la funzionalità del sistema digerente. Lo zenzero contrasta gli stati di tensione localizzata, esercita una marcata azione anti nausea sostenendo la funzione digestiva, regola la motilità gastrointestinale e l’eliminazione di gas.

Bardana: utile per favorire le azioni drenanti e depurative dell’organismo. E’ composta per il 50% a base di inulina, fibra solubile dalle molteplici proprietà benefiche, aiuta la digestione, contribuisce a diminuire la produzione di gas intestinali, favorisce un accrescimento selettivo dei “batteri buoni” e promuove l’eliminazione delle tossine generate come scarto delle reazioni metaboliche. Il risultato è un miglioramento del drenaggio corporeo che si traduce nel potenziamento dell’attività epatica e biliare, della diuresi, del transito intestinale e della regolazione della secrezione sebacea, con possibili effetti benefici a livello di acne cutanea.

Centella asiatica_ ricca di flavonoidi, fitosteroli e tannini, sostiene la funzionalità del microcircolo alleviando la pesantezza delle gambe. Svolge azione di supporto per l’elasticità delle pareti dei vasi sanguigni, aiuta ad alleviare il senso di pesantezza a gambe e caviglie, contribuisce a ridurre le alterazioni adipose localizzate. Può, inoltre, essere di supporto per ridurre gli inestetismi della cellulite oltre che ridurre i crampi notturni.

Biancospino: favorisce il rilassamento, il benessere mentale e allevia irritabilità e insonnia.

Cosa contiene: minerali e vitamine

Tra i minerali presenti nella formulazione, il magnesio riveste un ruolo fondamentale perché aiuta a favorire il normale funzionamento della muscolatura, compresa quella uterina e perché contribuisce a ridurre stanchezza ed affaticamento.

Alcune ricerche hanno riscontrato che le fluttuazioni ormonali caratteristiche della sindrome premestruale, potrebbero influenzare il metabolismo del magnesio, generando la necessità di integrarlo correttamente per alleviare i fastidiosi sintomi della sua carenza.

Anche lo zinco offre molteplici campi d’azione: sostiene la normale funzione del sistema immunitario e contribuisce alla normale fertilità. Inoltre è utilissimo nell’azione del trofismo della pelle, contribuendone al normale mantenimento.

I bioflavonoidi, conosciuti anche come vitamina P, sono rinomati alleati delle donne che soffrono di disturbi del ciclo mestruale. In azione sinergica con la vitamina C, sostengono la normale funzione dei vasi sanguigni.

La vitamina B6 o piridossina, potenzia l’azione del magnesio, contribuendo alla regolazione dell’attività ormonale. Alcune evidenze sostengono che potrebbe anche essere coinvolta nei processi che aiutano ad alleviare ritenzione idrica, sbalzi d’umore e fastidi al seno.

La vitamina B2 o riboflavina e la vitamina B9 o acido folico lavorano simultaneamente per ridurre la sensazione di stanchezza e affaticamento, fornendo “gli strumenti” per il benessere mentale e psicologico. La vitamina A interviene nel mantenimento della salute cutanea e nella regolazione del sistema immunitario.

Campi d’azione di Ladycare di Naturalpoint

  • Sindrome premestruale
  • Crampi
  • Irritabilità
  • Mal di testa
  • Tensione nervosa
  • Spossatezza
  • Ritenzione idrica
  • Tensione al seno

Punti di forza

  • Non contiene eccipienti
  • Non contiene coloranti, edulcoranti e conservanti
  • Prodotto nel pieno rispetto di elevati standard qualitativi
  • Adatto a vegetariani

Bibliografia

Bibliografia:
1. Firoozi R et al. (2012). The Relationship between Severity of Premenstrual Syndrome and Psychiatric Symptoms; Iran J Psychiatry
2. Panfili A (ed. 1995). Medicina Ortomolecolare; Una terapia a misura d’uomo.
3. Unfer V and Buffo S (2011). Approccio complementare alla sindrome premestruale e al disturbo disforico; Phytogyn, Vol. II, n.1
4. Reg. UE n.432/2012
5. Ministero della Salute. Decreto 9 luglio 2012. Disciplina dell’impiego negli integratori alimentari di sostanze e preparati vegetali (G.U.21-7-2012 serie generale n. 169). ALLEGATO 1 aggiornato con Decreto 27 marzo 2014.
6. Campanini E (ed. 2013). Dizionario di fitoterapia e piante medicinali
7. Kelly G (2008). Inulin-type prebiotics. A Review: part 1; Altern Med Rev.
8. Menditto A and Menditto P (2009). Ansia, sindrome premestruale e disturbi ginecologici
9. ACOG (American College of Obstetricians and Gynecologists) (2000). Premenstrual Syndrome; ACOG Practice Bulletin

La Sindrome Premestruale
La Sindrome Premestruale
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.