Silene: proprietà e usi in cucina

0
217
silene, carletti,

Da maggio fino a settembre nei nostri campi, prati e lungo le nostre strade compaiono i fiori di Silene (Silene vulgaris o italica), chiamati anche fiori della luna. Sono molto particolari perché sembrano dei calici rosa con alla sommità dei fiori bianchi. La Silene appartiene alla famiglia delle Cariofillacee ed è una pianta erbacea spontanea perenne e commestibile molto buona. Non tutti la chiamano Silene, è anche chiamata “strigoli”, “sonaglini” o “carletti” soprattutto in ambito locale. È moto diffusa in Italia ma anche in Spagna e Portogallo.

La storia racconta che il nome Silene ha origine dalla mitologia greca. La forma del fiore richiama il ventre rigonfio di  Silenus essere semidivino per metà uomo e metà cavallo compagno del dio Dionisio.

Le proprietà

Non è una pianta inserita nell’elenco delle piante officinali, pertanto non vi sono studi approfonditi. In ogni caso è nota fin dall’antichità per le sue proprietà depurative. Fornisce buon apporto di vitamina C, sali minerali, acidi grassi essenziali e saponine. Ha proprietà diuretiche, favorisce il transito intestinale concorrendo al benessere dell’intestino, può essere utilizzata per alleviare i disturbi agli occhi. Ha proprietà emollienti ed è pertanto utilizzata nella preparazione di cosmetici, dai saponi alle creme.

La silene in cucina

Si utilizzano i germogli, tagliati a una lunghezza di circa 5 centimetri e le foglie, il sapore è delicato leggermente amorognolo. Può essere consumata cruda nelle insalate, ma la maggior parte delle ricette la utilizza appena scottata in padella o bollita per preparare frittate, torte salate, ma anche minestre e risotti.

Risotto depurativo curcuma e silene

Se volete depurarvi con gusto, ecco una ricetta davvero sana e gustosa.

Ingredienti per due persone:

  • 160 gr. di riso integrale
  • 100 gr. di germogli di silene
  • un pezzo di porro
  • ½ litro di brodo vegetale
  • 30 gr di grana grattuggiato (facoltativo)
  • un cucchiaino scarso di curcuma

Preparazione (45 minuti circa, a seconda della qualità di riso)

In un tegame fate rosolare il porro tagliato fine, appena dorato aggiungete il riso. Tostatelo per qualche minuto e aggiungete il brodo, lasciatelo cuocere e quando manca qualche minuto alla fine della cottura aggiungete i germogli di silene e la curcuma. Se di vostro gradimento aggiungete un pizzico di grana e servite.

Ti può interessare anche:“Frittata con asparagi e carletti”

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.