Scorzonera, proprietà nutrizionali di una radice da riscoprire

radice, amara. radice amara

Scorzonera,  ancora poco conosciuta con tante interessanti proprietà

La scorzonera è originaria dell’Europa orientale, appartiene alla famiglia delle Asteraceae, la stessa del carciofo, del radicchio e del topinambur.  Si tratta di una pianta perenne che da noi cresce spontanea nel nord Italia, tuttavia viene anche coltivata, in particolare in Piemonte e in  Liguria. In cucina si utilizzano le radici, la cui raccolta si effettua da ottobre fino alla fine dell’inverno. Esistono tantissime specie di questa pianta, ma una delle più diffuse in Italia Scorzonera Hispanica (o Scorzonera Orticola) che in  molte regioni è conosciuta anche come “Asparago d’inverno

La radice di scorzonera, cibo dell’inverno

Come abbiamo più volte ribadito, nutrirsi con i cibi di stagione ha molti vantaggi da molti punti di vista:

la natura ci mette a disposizione il cibo di  cui abbiamo bisogno nel momento in cui ne abbiamo bisogno, nel luogo in cui ci troviamo.

Claudio Monteverdi

La reperibilità è semplice, e c’è anche un vantaggio dal punto di vista economico.  Non solo: il prodotto stagionale è più genuino in quanto cresce nel suo tempo, e per questo racchiude in sè il massimo delle proprietà energetiche e  nutritive. Il periodo che va da Ottobre a Dicembre è il periodo delle radici (pensate a ravanelli, rape, daikon, carote…), e la scorzonera è uno degli ortaggi da non dimenticare.

Annuncio pubblicitario

Proprietà e composizione della scorzonera

Pradice, scorzonera, amaraoco calorica come molti ortaggi (25 Kcal/100 g) e ricca di fibre, la scorzonera vanta notevoli proprietà salutari, per questo è molto più di una verdura da mettere in tavola:  la sua pianta viene usata anche in erboristeria come pianta medicinale. La scorzonera contiene diverse vitamine del gruppo B:  B1 (tiamina), B2 (riboflavina), B3 (niacina), B6 (piridossina), la  vitamina A, la  vitamina C, vitamina E. Tra i minerali segnaliamo la presenza di calcio,ferro, fosforo, potassio e zinco, mentre è povera di sodio. La scorzonera è inoltre ricca di due importanti sostanze: l’inulina e la levulina, che la rendono  adatta al consumo anche da parte di persone diabetiche e che devono seguire regimi ipocalorici. Grazie ad un discreto contenuto di fibre, regola molto bene il transito intestinale. Il decotto della radice ha invece proprietà diuretiche ed è per questo indicato per i disturbi alle vie urinarie.

Semplice da preparare, alcuni consigli

Il nostro consiglio è di assaporarla al naturale con dell’olio di oliva extravergine di oliva bio, del sale marino integrale, qualche goccia di succo di limone e se gradite, del pepe nero macinato.

Preparazione

Lavate la scorzonera in abbondante acqua, pelatela con un pelapatate, meglio se con lama di ceramica per evitare l’ossidazione. Cuocetela al vapore per 20 minuti circa, tagliatela in piccoli pezzi oppure a rondelle, servite con il condimento descritto sopra (olio evo, sale, limone, pepe).

Se durante il pasto consumate altre verdure, tenete la scorzonera alla fine del pasto.

Perché la consigliamo

Le principali proprietà della scorzonera descritte le consentono di espletare le seguenti azioni:

  • drenante,
  • disintossicante come tutti gli ortaggi dal gusto amaro,
  • regolatrice del transito intestinale.

Come sapete sono promotore di scelte alimentari favorevoli a salute e  benessere per noi e per il pianeta. In questo contesto consiglio una alimentazione prevalentemente vegetale, con un importante apporto di frutta e verdura fresca, di stagione e possibilmente del nostro territorio. Inoltre una delle parole d’ordine è “variare”.

Che significa: mettere nel piatto, a rotazione, il più alto numero di cibi possibile. La scorzonera è uno dei cibi che spesso viene dimenticato. Inoltre costa poco ed è buonissima, provare per credere.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Articolo precedenteRafforzare il sistema immunitario: astragalo, sambuco e aglio
Articolo successivoMudra e autostima: ritrova la fiducia in te stesso in 7 gesti
Claudio Monteverdi
Naturopata, esperto di alimentazione naturale, educatore alimentare. Convinto sostenitore della visione olistica e del vivere etico e sostenibile, curioso e studioso. È impegnato da anni nella divulgazione di tematiche su alimentazione e benessere. Ha frequentato il corso triennale di naturopatia alla scuola Riza Natura dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica (Milano). Ha frequentato corsi di perfezionamento su floriterapia alla scuola del Bach Center, tecnica Craniosacrale, Digitopressione Dinamica e Riflessologia Plantare Integrata® presso Riza. Ha frequentato il master Operatore del Benessere presso il Centro Studi di Perugia. Ha approfondito L’alimentazione naturale con alcuni riferimenti del mondo medico scientifico (Franco Berrino, Debora Rasio, Martin Halsey...) partecipando a numerosi convegni e workshop. Partecipa costantemente a convegni, eventi formativi e manifestazioni a tema alimentazione e benessere. Grazie alle passioni storiche per il web, il marketing e la comunicazione, derivate da una Laurea in Scienze dell'Informazione e da anni "da manager" in diverse aziende, dopo aver collaborato con importanti iniziative editoriali del mondo olistico e con alcune realtà di prodotti naturali, ha ideato e fondato il progetto BenessereCorpoMente.it. Mette a disposizione di aziende e privati la sua esperienza facendo anche attività di consulenza, in particolare sui temi dell'alimentazione naturale e dell'educazione alimentare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.