Santoreggia: benefici, usi e proprietà

0
169
santoregga, erba aromatica

La santoreggia chiamata anche erba acciuga o falso timo è una pianta annuale che appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. Ne esistono specie differenti:

  • Satureja montana,
  • Satureja alpina,
  • Satureja hortensis,

ma tutte hanno le medesime proprietà benefiche.

Si utilizza sia come erba aromatica che sotto forma di olio essenziale o fitoterapico. È un’ottima alleata dell’apparato gastrointestinale e non solo…scopriamo tutte le sue proprietà.

Santoreggia, proprietà  e indicazioni

Annuncio pubblicitario

Contiene vitamina A, vitamina C, sali minerali tra cui potassio, fosforo, magnesio, zinco e selenio. Grazie al suo olio essenziale fornisce apporto di tannini, canfora, terpeni, borneolo, carvacrolo, timolo.

È indicata in caso di disturbi gastrointestinali come cattiva digestione, nausea e vomito, dissenteria, infezioni dell’apparato digerente. Ha proprietà antispasmodiche, carminative, antisettiche e vermifughe. Stimola l’appetito, allevia la stanchezza e lo stress e gli stati febbrili. È un buon espettorante utile in caso di bronchiti.

Fin dall’antichità le sono riconosciute anche proprietà afrodisiache tanto da essere battezzata anche ”erba dell’amore”. 

Uso esterno

Per uso esterno ha proprietà antisettiche: placa il dolore di ferite e punture di insetti, ulcere e piaghe. antisettico, disinfettante e calmante del dolore nella cura delle piaghe, ulcere.

Usi della Santoreggia

Si utilizzano foglie, fiori e olio essenziali. Le foglie e i fiori sia freschi che essiccati. Potete aromatizzare e rendere digeribili i vostri piatti di verdure, insalate, pesce, legumi o salse.

Potete preparare un buon infuso quando vi sentite stanchi e stressati o per alleviare i disturbi gastrointestinali. Va lasciata in infusione per circa 20 minuti e potete berne due tazze al giorno.

L’infuso frizionato sul cuoio capelluto lo rinforza e lo purifica. Inoltre, può essere utilizzato anche come antinfiammatorio orale per combattere infiammazioni orali o mal di gola oppure per bagni astringenti, purificanti e tonificanti.

Per questi ultimi potete utilizzare la santoreggia anche sotto forma di olio essenziale ed utilizzare 6-7 gocce nella vasca da bagno.

L’olio essenziale è utilizzato per la preparazione di creme cosmetiche e profumi.

Santoreggia - 15 gr
Santoreggia – 15 gr
Rocca dei Fiori
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.