Riflessologia plantare per i bambini, amore e benessere

riflessologia plantare, riflex, bambini, piedini, trattamenti

La riflessologia plantare è una delle tecniche di benessere che si stanno diffondendo maggiormente e sempre più persone ne verificano l’efficacia. Molto spesso viene però equiparata, erroneamente, ai massaggi e forse per questo la si considera una tecnica per gli adulti.

In realtà si tratta di una tecnica adatta a tutte le età e, a volte, si trascura l’efficacia che può avere anche per i bambini. I piedi sono una parte del corpo dotata di migliaia di terminali nervosi e la loro stimolazione può essere una piacevole fonte di benessere.

Un contatto che è amore

Fin dai primi giorni di vita il contatto fisico tra adulti e bambini è un elemento vitale di amore, di presenza, di  rassicurazione. Nei confronti dei bambini può essere un modo per dimostrare affetto, per accompagnare lo sviluppo e la crescita, per aiutare il bambino a sviluppare una consapevolezza del proprio corpo, per utilizzare un rimedio naturale ai disturbi che possono presentarsi. Col tempo, è possibile insegnare ai bambini le tecniche di autotrattamento, cosa che aiuta ad accrescere la fiducia in se stessi.

Annuncio pubblicitario

Grande importanza, inoltre, dovrebbe essere data al fatto che la riflessologia plantare può essere utilizzata come strumento complementare speciale per bambini speciali. Permette di stimolare l’organismo anche quando non è possibile una piena motilità o un corretto funzionamento fisiologico.

Una tecnica che deve adeguarsi al bambino

La riflessologia per i bambini si differenzia da quella che si pratica per gli adulti. Del resto i bambini nulla hanno a che fare con il modo di vivere degli adulti. O meglio, gli adulti non sanno vivere come i bambini ma questo ci porterebbe a riflessioni che si farebbero assai profonde… Bisognerà quindi concentrarsi su tempi più brevi, anche pochi minuti per i neonati, arrivando alla mezz’ora per gli adolescenti.

Importante è “guadagnarsi la fiducia” dei bambini, che potrebbero essere restii a concedere i propri piedini. Molti bambini poi sono in movimento quasi costante e quindi bisogna armarsi di tanta pazienza. Un elemento fondamentale per entrare in rapporto con loro è il gioco. Il trattamento di riflessologia deve essere un gioco da cui si devono sentire attratti e divertiti.

Riflessologia plantare, un’opportunità per i genitori

Imparare i principi di base della riflessologia plantare e alcune tecniche da mettere in pratica, può essere una bella opportunità per i genitori. In alcune nazioni, non solo orientali, queste tecniche sono diffuse e praticate anche in ambito familiare, offrendo una fonte di benessere naturale e uno strumento di accudimento molto piacevole. Gesti e tecniche che instaurano un contatto che è fisico, energetico e che sa arrivare in profondità, alle emozioni.

Una sensazione destinata ad accompagnarci a lungo…

La sensazione che un bambino prova nel sentire le mani del genitore sui propri piedi, la cura e l’affetto che possono essere trasmessi con la riflessologia, è destinata a fissarsi nell’inconscio per il resto della vita.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.