Psoriasi: come trattarla

psoriasi, cure per la psoriasi, psoriasi e pelle, pelle, cura della pelle

La psoriasi è una patologia cronica della pelle a carattere infiammatorio. Generalmente, si pensa che si tratti di una semplice patologia transitoria, ma non bisogna mai sottovalutarla. I sintomi della psoriasi, infatti, possono causare anche danni psicologici per via dell’impatto estetico di questa malattia. I soggetti che ne soffrono possono avere dei problemi a livello sociale, in quanto spaventati dal giudizio degli altri.

Non giovano alla situazione le difficoltà nel trovare una cura efficace, né la scarsa informazione in merito a questa forma infiammatoria. In molti, non a caso, pensano che si tratti di una malattia infettiva: in realtà non può essere trasmessa, in quanto frutto di una reazione alterata del sistema immunitario. È dunque il caso di vedere come trattare la psoriasi.

Riconoscere il problema

Per riconoscere il problema bisogna prima sottolineare che esistono diversi tipi di psoriasi, e che ciò può complicare la diagnosi. Ecco l’elenco delle tipologie di psoriasi:

Psoriasi a placche:

è la più frequente e causa la formazione di rigonfiamenti sulla pelle denotati da una superficie desquamata.

Psoriasi guttata:

le lesioni sono più piccole rispetto alla precedente, dato che somigliano a vere e proprie macchie.

Psoriasi invertita:

questa forma di psoriasi tende a colpire le pieghe della pelle e gli interstizi delle dita, con placche traslucide.

Psoriasi pustolosa:

provoca la comparsa di pustole sulla pelle, ricche di pus. Non sono comunque portatrici di infezione.

Psoriasi eritrodermica:

è una forma di infiammazione cutanea che copre vaste aree della cute, arrossandole.

I sintomi generici della psoriasi includono la formazione di placche dure e pruriginose. Anche la desquamazione della cute, come detto, è una caratteristica tipica di questa patologia della pelle. Da sottolineare che la psoriasi può colpire anche il cuoio capelluto e le unghie.

Trattamenti per la psoriasi

Il trattamento corretto per la psoriasi dovrebbe essere sempre prescritto da un medico.

La diagnosi è infatti necessaria per comprendere

  • la natura del problema,
  • il tipo di infiammazione
  • le relative procedure.

Di solito i medici consigliano l’uso di farmaci per la psoriasi ad applicazione topica: si tratta dei metodi più efficaci per far recedere lo stato infiammatorio della pelle, dato che la psoriasi oggi non può essere curata del tutto.

Anche la fototerapia viene impiegata contro questo problema, insieme all’assunzione di farmaci per via orale. Fra i rimedi naturali per la psoriasi, invece, troviamo le applicazioni di fanghi e di oli naturali come quello di jojoba o di mandorle dolci.

Nuove terapie per la psoriasi

La psoriasi è una patologia complessa, ancora oggi al centro di diversi studi di settore e sperimentazioni in ambito scientifico. La medicina moderna, dunque, sta provando a realizzare un nuovo set di farmaci in grado di potenziare le terapie contro questa infiammazione cronica.

Fra i prodotti al momento in fase di test, troviamo l’Ixekizumab: un farmaco che ha già permesso a 3mila persone di combattere il problema della psoriasi. Questo farmaco non è ancora accessibile in Italia, ma non è escluso che possa esserlo presto.

La psoriasi è un problema molto impattante, difficile da curare. La medicina, però, sta ottenendo dei risultati tali da proporre prospettive ottimistiche per chi ne soffre.

Ti può interessare anche questo articolo che affronta l’aspetto psicosomatico della malattia.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.