Prevenire le malattie con il fungo ABM

fungo abm, Agaricus Blazei Murril , funghi medicinali, micoterapia

Fungo ABM: il fungo della prevenzione, scopriamo insieme cos’è e quali sono le sue proprietà. ABM è l’acronimo di Agaricus Blazei Murril, un fungo che ha origine in Brasile, a Piedade, una cittadina di montagna a 200 km da San Paolo.
Soprannominato fungo del sole (cogumelo do sol in portoghese), ha un caratteristico sapore di mandorla e, a differenza degli altri funghi che crescono in ambienti ombreggiati e umidi, l’ABM predilige microclimi umidi (80% di umidità) e torridi, tipici della regione brasiliana.

La longevità dei nativi di Piedade e la ridotta incidenza di patologie degenerative in questa cittadina, suscitarono gli interessi di alcuni scienziati, che studiando le abitudini alimentari locali, giunsero alla conclusione che il consumo di Agaricus Blazei Murril nella dieta quotidiana, aveva rafforzato il sistema immunitario e aumentato l’aspettativa di vita.

Gli effetti della scoperta delle proprietà del fungo del sole

La scoperta venne resa pubblica sulla rivista “Science”, sancendo così la popolarità del fungo brasiliano tra la comunità scientifica.
Ne conseguì un aumento della richiesta esponenziale, tanto da determinare la scomparsa del fungo nella regione di Piedade, e a partire dagli anni Novanta è iniziata la coltivazione del fungo ABM.
La difficoltà a replicare il clima tropicale, l’elevata quantità di sostanze ad azione terapeutica e la presenza di acqua in percentuali alte, rendono l’ Agaricus Blazei Murril un fungo molto costoso:  servono 12 kg di fungo fresco per produrre 1 kg di estratto secco!

Agaricus Blazei Murril, fungo del sole, fungo ABM
Agaricus Blazei Murril

Le sostanze bioattive del fungo ABM

Annuncio pubblicitario

Tutti i funghi medicinali sono ricchi in β-glucani, che sono delle sostanza con azione immunomodulante, ovvero aiutano il sistema immunitario a funzionare meglio, difendendo l’organismo dagli attacchi esterni.

Proprietà Medicinali del fungo ABM

Le proprietà medicinali dell’ Agaricus Blazei Murril sono state studiate approfonditamente tra il 1967 e il 1980. E’ emerso che la quantità di β-glucani è notevolmente superiore a quella dei ben più noti funghi Reishi, Maitake e Shiitake.

Pertanto può essere considerato il fungo d’elezione nelle patologie tumorali (vedi Bibligrafia, 2).

Il fungo ABM si distingue per l’alto contenuto di proteine vegetali, fornendo all’organismo tutti gli 8 aminoacidi essenziali di cui ha bisogno. Inoltre, è ricco di vitamine del gruppo B, vitamina E ad azione antiossidante e sali minerali, come magnesio e potassio.

Altri interessanti componenti dell’Agaricus Blazei Murril

  • lipidi, tra cui i fosfolipidi ad azione antineoplastica e acido linoleico, fondamentale nella riduzione del rischio cardiovascolare, riducendo il colesterolo totale.
  • ergosterolo, precursore della vitamina D2, contrasta la crescita dei vasi sanguigni necessari al nutrimento dei tumori (inibizione dell’angiogenesi).
  • glucomannano, una fibra che ritarda l’assorbimento intestinale degli zuccheri, riducendo la glicemia

Agaricus Blazei Murril e coenzima Q10

Questo fungo è ricco di enzimi, tra cui quelle digestivi come le amilasi, che permettono una migliore scissione degli amidi e le proteasi, importanti per una digestione ottimale delle proteine (carne, pesce, uova, legumi…etc).
Inoltre, il fungo ABM è ricco di tirosinasi, un enzima che interviene nella sintesi della melanina. Favorisce, pertanto, la pigmentazione della pelle in presenza di problematiche cutanee.

La tirosinasi stimola anche la produzione di dopamina un neurotrasmettitore che

  • favorisce la vasodilatazione,
  • migliora la comprensione, l’apprendimento, l’attenzione,
  • è un mediatore del piacere
  • ha azione stimolante-antidepressiva.

Inoltre, la dopamina favorisce la sintesi del Coenzima Q10, sostanza fondamentale per la produzione di energia e il consumo di ossigeno, migliorando la risposta alle aggressioni virali, ai radicali liberi.

Il coezima Q10 è considerato una sostanza anti-age, ma svolge anche un ruolo nella riduzione dei lipidi plasmatici, in particolar modo il colesterolo.

Azioni terapeutiche dimostrate del fungo ABM

I numerevoli principi attivi presenti nell’Agaricus Blazei Murril, hanno spinto la comunità scientifica a studiarne gli estratti, comprovando le seguenti azioni terapeutiche (è possibile accedere ad uno dei tanti studi scientifici, cliccando sul link):

  • antitumorale: β-glucani e proteoglicani migliorano la risposta del sistema immunitario, inducendo morte cellulare
  • regolatoria del sistema immunitario: i polisaccaridi  inibiscono il rilascio di istamina e aumentano l’attività dei macrofagi e delle cellule NK, efficace in presenza di allergie e dermatite atopica
  • antidiabetica: alcuni esperimenti di laboratorio hanno evidenziato che l’ ABM determina una risposta immunitaria atta a protegge le cellule del pancreas dalla distruzione (diabete mellito tipo I), mentre in presenza di diabete mellito tipo II, l’azione di fibre,vitamine del gruppo B, pectina contribuiscono alla riduzione della glicemia e minor resistenza insulinica
  • ipotensiva: la presenza di tirosinasi rilassa i muscoli delle arterie
  • chelante: favorisce l’eliminazione di metalli tossici
  • bioriparatrice: alcuni studi dimostrano un effetto di ricostruzione dei filamenti del DNA, per danni causati da radiazioni UV
  • antiossidante: per la presenza di naturali enzimi che contrastano i radicali liberi , prevenendo la degenerazione delle cellule
  • epatoprotettiva: favorendo la detossificazione e la funzionalità del fegato.

Raccomandazioni

In presenza di patologie o terapie farmacologiche in atto, l’assunzione di Agaricus Blazei Murril e di qualsiasi altro integratore alimentare, deve essere effettuata sotto controllo medico. Evitare pertanto “cure fai da te”.
Quando si sceglie di utilizzareil fungo ABM o altri funghi medicinali, è sempre bene affidarsi ad aziende che garantiscano

  • una coltivazione biologica e
  • un’elevata concentrazione, standardizzazione e titolazione dei principi attivi.

Bibliografia

  1. The Medicinal Mushroom Agaricus blazei Murrill: Review of Literature and Pharmaco-Toxicological Problems, PubMed
  2. Recent developments in mushrooms as anti-cancer therapeutics: a review, PubMed

Nota della redazione

La foto principale dell’articolo è evocativa dell’argomento e non rappresenta fedelmente il fungo ABM.

 

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.