Piedi freddi: quali sono le cause e come riscaldarli

piedi nudi, piedi freddi

Il sintomo dei piedi freddi affligge molte persone. Chi ne soffre avverte il freddo ai piedi anche nella stagione primaverile ma autunno e soprattutto inverno sono una vera tortura. Scopriamo anzitutto le cause e poi i rimedi utili per alleviare il freddo e riportare il caldo ai piedi e di conseguenza uno stato di benessere in tutto il corpo.

Piedi freddi: cause e conseguenze

Una delle cause principali è sicuramente una cattiva attività della circolazione sanguigna.

Piedi freddi: cause secondarie

La cattiva circolazione del sangue può essere a sua volta causata da

  • sedentarietà,
  • cattiva alimentazione,
  • utilizzo di vestiti troppo stretti.

Anche lo stress e gli stati di ansia e tensione possono essere causa di piedi freddi oppure se si soffre di anemia o di squilibri ormonali. Anche se non è la prima causa, la coesistenza di piedi freddi e ansia è una delle situazioni possibili.

Cosa possono causare i piedi freddi

I piedi freddi a loro volta possono essere causa di cefalea, cattiva digestione, disturbi da raffreddamento.

Come sempre tutto dentro di noi è collegato e prenderci cura di un disturbo può permetterci di alleviarne anche molti altri.

Come riscaldare i piedi freddi

Chi ha sperimentato questo disturbo sa bene che indossare un paio di calze pesanti a volte non basta, soprattutto se la causa è data da altri sintomi fisici. I piedi richiedono proprio tutta la nostra attenzione ed un po’ di impegno per essere riscaldati davvero e in modo da poter restare caldi a lungo.

Ecco qualche suggerimento utile.

Pediluvio a temperatura crescente

Preparate in un catino 10 cm di acqua calda, circa 37° ed immergetevi i piedi per qualche minuto poi aggiungete lentamente dell’acqua a temperatura superiore fino a raggiungere i 41°. Togliete i piedi dall’acqua e metteteli sotto la doccia fredda per 10 secondi. Asciugateli vigorosamente e camminate per qualche minuto sulle punte prima e poi sui talloni.

Pediluvio con lo zenzero

Preparate un catino per il vostro pediluvio con dell’acqua calda a cui aggiungere una tazza di infuso di zenzero ed una manciata di sale grosso integrale. Lasciateli immersi nell’acqua calda per 10 minuti, passateli sotto l’acqua fredda per mezzo minuto e ripetete l’operazione finché non sentirete riattivarsi la circolazione e un buon grado di calore. Potete fare i pediluvi più volte durante il giorno e la sera prima di coricarvi.

Automassaggio riscaldante

Munitevi di un olio naturale riscaldante come può essere l’olio di sesamo, massaggiate i piedi per qualche minuto risalendo anche verso il polpaccio. Quando sentite che la circolazione riprende e si inizia a diffondere il calore indossate delle calze di lana che sono preferibili a tutte le sintetiche che ci sono oggi in commercio.

Suggerimenti alimentari

È importante ridurre il consumo di sale, di caffè e alcolici.

È bene sfruttare invece tutti i benefici dello zenzero sia sotto forma di tisana che aggiunto alle vostre ricette. Se vi piace potete utilizzare più spesso anche il peperoncino, riscaldante per definizione. Inoltre può essere utile scegliere alimenti che possano  aumentare l’apporto di vitamina C, come ad esempio:

  • kiwi,
  • limoni e arance,
  • fragole,
  • ribes,
  • spinaci,
  • broccoli,
  • cime di rapa.
  • rucola.

Altri consigli per prevenire i piedi freddi

Ricordatevi di prestare attenzione ad abiti stretti o scarpe con il tacco troppo alto e di fare attività fisica, il primo vero alleato della nostra salute.

Ti può interessare anche:“Zenzero fresco, candito, in polvere: quale scegliere”

Olio di SesamoOlio di Sesamo

Acquistalo su SorgenteNatura.it

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.