Persone arroganti: 3 passi per affrontarle con serenità

0
277
persone arroganti, arroganza, capo arrogante

Tutti prima o poi nella vita ci troviamo ad affrontare persone arroganti.

Molto spesso cadiamo nella loro “trappola” e dopo aver dialogato con loro ci sentiamo svuotati, arrabbiati o frustrati.

Questo perché l’arroganza si evita e, come tutte le cose che si evitano, non si conosce.

Cos’è l’arroganza

L’arroganza è un senso di superiorità rispetto al prossimo. Una superiorità che fa sì che denigra e disdegna, giudica e non ascolta. Le persone arroganti si sentono migliori di tutte le altre e, soprattutto, pensano di sapere tutto loro e di essere i possessori della verità ultima.

Le persone arroganti credono troppo in sé stesse? Non proprio…

Questa domanda mi è stata posta di recente e mi ha fatta molto riflettere sull’argomento. Per esperienza personale mi sento di dire che:

l’arroganza in realtà nasconde una grande insicurezza e un grande bisogno di riconoscimento e affermazione.

Altrimenti non sarebbe necessario imporsi sugli altri, denigrandoli e facendoli sentire inferiori. L’arroganza è una maschera che nasconde una grande debolezza che le persone che la vivono non sono in grado di affrontare.

Come evitare la “trappola” delle persone arroganti

Quando incontriamo le persone arroganti per la prima volta, cadiamo nella loro trappola. Ovvero, cerchiamo di farci valere, spesso ci arrabbiamo, altrettanto spesso restiamo frustrati e senza parole quando ci accorgiamo di trovarci di fronte ad una battaglia persa.

Questa trappola non è utile né alla persona arrogante che continua ad esserlo anzi esce vittoriosa nel suo intento di affermare sé stessa e nutrire il suo bisogno di riconoscimento, né a noi che ne usciamo stressati.

Ecco perché è importante sapere alcune cose ed adottare delle strategie utili.

Come affrontare le persone arroganti

Se ti trovi ad affrontare o a dover convivere con una o più persone arroganti puoi:

Farti le giuste domande

Mentre ti parla con arroganza puoi chiederti: “cosa mi sta dicendo veramente?”.

In quel momento puoi accorgerti che dietro al suo atteggiamento c’è una forma di debolezza oppure un ego smisurato.

Quindi puoi chiederti: “parla la sua debolezza o il suo ego smisurato?”.

Se parla la sua debolezza potrai sentire la sua frustrazione, se parla il suo ego smisurato potrai sentire la sua solitudine, tipica delle persone che non sono in grado di creare relazioni alla pari.

Accorgerti della loro fragilità

Dopo esserti posto queste domande probabilmente la persona che ritenevi arrogante ha cambiato aspetto ai tuoi occhi. E sebbene l’arroganza non sia facile da gestire, poterne scorgere tutta la fragilità può aiutarti ad affrontarla con meno rabbia e soprattutto può aiutarti a non cadere nella famosa “trappola”.

Gestire il dialogo con serenità

A questo punto ti relazionerai con la persona arrogante in modo diverso e, soprattutto, la guarderai con occhi diversi. Già questo può cambiare la situazione poiché anche il linguaggio non verbale influenza la relazione. Le persone sono diverse e uniche quindi non c’è una ricetta un solo modo di essere arroganti.

Sicuramente affrontare il dialogo con la serenità di non poter cambiare l’altro ma con la consapevolezza di poter cambiare la tua reazione all’altro è un passo molto utile.

E poi, a seconda della situazione, si può scegliere di cercare di fare qualcosa per far sì che l’altro tolga la maschera dell’arroganza, oppure imparare a lasciar andare.

Se sai di essere una persona arrogante

Se sai di essere una persona arrogante molto probabilmente non starai leggendo questo articolo. Ma poiché tutto può succedere, spero di:

  • averti fatto riflettere sul tuo modo di relazionarti all’altro
  • averti mostrato quanto il tuo atteggiamento ti fa rimanere solo
  • averti fatto voglia di condividere ed arricchirti anche dell’esperienza di chi incontri.

 

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.