Perdersi per ritrovarsi: l’unico modo per conoscersi davvero

0
479
perdersi per ritrovarsi, libertà, montagna

Perdersi… quel tempo in cui non sai più chi sei e cosa vuoi.

È come se qualcuno avesse spento la luce dentro di te. Quello che fino a ieri ti piaceva e ti entusiasmava non ti interessa più. Le tue certezze lentamente sfumano via e tu ti guardi allo specchio e non ti riconosci, il “vestito” che indossi ti va stretto e non riesci a trovare una spiegazione a questo strano stato d’animo.

Dall’incredulità allo stupore

Inizialmente il senso di smarrimento e incredulità può essere davvero forte. Puoi anche arrivare a dubitare della tua sanità mentale 😊: “Ma come è possibile che fino a ieri ero convinto di me e di come vivevo la mia vita e oggi non lo sono più?”.

Può essere positivo cambiare idea su qualcosa di poco importante, ma cambiare idea su chi siamo e dove vogliamo andare è difficile da accettare. Soprattutto perché ci lascia di fronte al “nulla e non so”. Un nulla e un non so che possono pesare per un certo tempo ma che se accolti, anche perché altro non si può fare, possono trasformare l’incredulità in piacevole stupore.

Il vestito stretto

Quando questo accade, puoi accorgerti che il vestito che indossi inizia ad andarti stretto. Ti rendi conto, percepisci che

c’è molto altro oltre a ciò che fino a quel momento hai pensato di essere e di poter fare.

Altre curiosità, abilità e talenti hanno bussato alla tua porta. È arrivato il momento di aprirti a ciò che di te ancora non conosci.

La pazienza che richiede il perdersi per ritrovarsi

Il perdersi per ritrovarsi richiede tempo e pazienza. Il tempo di lasciar andare ciò che non si è più, ciò che non è più in sintonia con noi, ciò che non ci va più bene e ci sta stretto. Talvolta le circostanze della vita ci portano a restare dove siamo: per abitudine, per motivi economici o famigliari, per la paura di affrontare i cambiamenti. Ma arriva il giorno in cui, il nostro cuore, la nostra anima decide per noi e ci fa perdere.

La scoperta del ritrovarsi

Solo perdendoci possiamo ritrovarci:

il nuovo può arrivare se c’è abbastanza posto e spazio.

Se ti sei perso, non disperare, preoccupati con pazienza di fare posto e vai alla scoperta del nuovo te stesso.

Dentro ognuno di noi c’è una ricchezza immensa che chiede solo di poter essere espressa.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.