Perché ci ammaliamo ?

0
141
salute e malattia, malattia, ammalarsi, franco berrino, dott. berrino, malattia, salute

Salute e malattia: perché ci ammaliamo?

Il nostro organismo è stato progettato nel corso di milioni di anni e poi costruito in nove mesi per ritrovare l’equilibrio in qualunque situazione, ma va incontro a deterioramenti che dipendono dalle difficoltà in cui lo mettiamo.

Franco Berrino

Il dott. Franco Berrino  è medico, epidemiologo, già direttore del Dipartimento di Medicina Preventiva e Predittiva dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Nella sua attività quarantennale di ricerca e prevenzione ha promosso lo sviluppo dei registri tumori in Italia. Ha inoltre  coordinato i registri tumori europei per lo studio della sopravvivenza dei malati (Progetto EUROCARE).

Annuncio pubblicitario

Ha coinvolto decine di migliaia di persone in studi sulle cause delle malattie croniche (Progetti ORDET e EPIC). I risultati gli hanno consentito di promuovere sperimentazioni per modificare lo stile di vita allo scopo di prevenire l’incidenza e la progressione dei tumori (progetti DIANA).

E’ autore di diverse pubblicazioni tra cui il libro “Il cibo dell’uomo” pubblicato a Marzo 2015 che spiega il legame tra alimentazione e salute con parole semplici e abbondanza di studi scientifici.L’obiettivo del libro è rivalutare il cibo semplice e trasmettere poche ma importanti raccomandazioni preventive.

Più cereali integrali, legumi, verdura e frutta, meno zuccheri e cereali raffinati, carni e latticini.

 

 

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.