Peggio dello zucchero: parla il dott. Franco Berrino

dott. franco berrino, berrino, cancro, zucchero, berrino, dolcificanti artificiali, peggio dello zucchero

Lo zucchero fa male, si sa. Ma cosa c’è di peggio dello zucchero? Il dott. Franco Berrino ne parla spesso nelle sue conferenze. L’articolo che segue è tratto da uno dei suoi interventi. Vi consiglio di leggerlo fino in fondo, perché, nella sua semplicità, contiene consigli molto importanti per la nostra salute.

Lo zucchero non è un cibo dell’uomo

Lo zucchero non è mai stato, nella storia, un alimento dell’uomo.  È diventato un alimento comune nell’ultimo secolo. È vero, già da diversi secoli questo alimento veniva già importato dall’oriente, dove c’era la canna da zucchero, insieme ad altre spezie. Si scoprì poi che la canna da zucchero poteva essere coltivata anche nei Caraibi. E li iniziarono le coltivazioni da parte di alcune nazioni europee che, come noto, per coltivare la canna da zucchero fecero ricorso all’importazione degli schiavi dall’Africa.

Pur essendo poco usato, tra il 1700 ed il 1800 il mercato dello zucchero cresceva, seppur lentamente, fino a diventare un business importante. Fu così che all’inizio dell’800 Napoleone venne a conoscenza della possibilità di estrarre lo zucchero anche dalla barbabietola e promosse cosi la creazione e lo sviluppo dei primi zuccherifici.

Consumiamo troppo zucchero

Oggi siamo arrivati da un consumo  inferiore ai 5 chili all’anno dell’inizio del secolo scorso, ad un consumo di 70/80 chili all’anno dei giorni nostri. Questo perché lo zucchero “viene messo dappertutto”, nella stragrande maggioranza degli alimenti moderni.

La proprietà meravigliosa dello zucchero

Lo zucchero ha una meravigliosa proprietà: fa sembrare buoni anche cibi schifosi. Inoltre ha caratteristiche simili ad alcune droghe: crea dipendenza. Cosa ne pensate di questa premessa?

Lo zucchero fa ingrassare e ammalare

In passato si era cercato di dimostrare, mediante studi, ma senza successo, che lo zucchero fa ingrassare. Solo di recente con particolari studi chiamati studi prospettici, si è potuto dimostrare che lo zucchero fa ingrassare. In particolare lo zucchero liquido, quello contenuto nelle bevande zuccherate.

Un avvertimento: è drammaticamente importante evitare le bevande zuccherate.

Proteggiamo i bambini dallo zucchero!

Non facciamo assaggiare le bevande zuccherate ai nostri bambini!

Non facciamo assaggiare lo zucchero ai nostri bambini!

Avranno tempo di assaggiarlo quando cresceranno.

Sapete? Le prime cose che noi mangiamo nel corso della vita condizionano moltissimo il nostro gusto. Anche ciò che mangia la mamma in gravidanza condizionano il gusto del futuro bambino.

Ma ci sono anche altri ingredienti subdoli a cui va prestata attenzione…

Peggio dello zucchero: sciroppo di glucosio-fruttosio

Ebbene, c’è anche un ingrediente peggiore dello zucchero: lo sciroppo di glucosio-fruttosio.

Chimicamente lo sciroppo di glucosio-fruttosio è la stessa cosa, solo che le 2 molecole che compongono il saccarosio nel normale zucchero bianco, glucosio e fruttosio, sono staccate.

Lo sciroppo di  glucosio-fruttosio costa meno perché è ottenuto dall’amido (in genere di mais) attraverso un processo di conversione enzimatica ed è sempre più usato nell’industria, inoltre contribuisce a rendere più soffici i prodotti da forno.

Non compratelo!

Leggiamo le etichette: se c’è scritto sciroppo di glucosio-fruttosio non compriamo quel prodotto, non è un prodotto di buona qualità.

Facciamo attenzione quando facciamo la spesa, in particolare il panettone a Natale, la colomba a Pasqua, leggiamo le etichette.

I dolcificanti artificiali: l’illusione che non fanno ingrassare

È una illusione che i dolcificanti artificiali non facciano ingrassare e non creino gli stessi problemi causati dallo zucchero come il diabete e la sindrome metabolica.

È un’illusione perché quando mangiamo qualcosa che è 200 volte più dolce dello zucchero come molti di questi dolcificanti, il nostro organismo sente il gusto dolce anche nell’intestino e, attenzione, quando nell’intestino arriva un gusto così tanto dolce, l’intestino si predispone (“apre le porte”) per assorbire tutto il glucosio. Infatti:

  • l’aspartame è 170 volte più dolce dello zucchero
  • la stevia è 200 volte più dolce dello zucchero
  • il sucralosio è 600 volte più dolce dello zucchero.

Quali sono le conseguenze di tutto ciò? È pur vero che non c’è glucosio nel prodotto che stiamo assumendo, ma il glucosio è presente in abbondanza nella nostra dieta, cosi succede che ne assorbiamo ancora di più.

Bevande zero e malattie

I nostri studi dimostrano che anche chi consuma le cosiddette bevande zero sviluppa più facilmente malattie come diabete e sindrome metabolica ed è più predisposto all’obesità.

Video Corso - Il Potere del Cibo
Diete e nuove tendenze alimentari per curarsi e prevenire

Voto medio su 1 recensioni: Buono

Lo zucchero ed i dolcificanti sono anche associati allo sviluppo dei tumori, ma il reale motivo è che questi ingredienti causano obesità: le persone obese si ammalano più di cancro.

Ci sono sempre più indizi che ci dicono che è bene che i malati di tumore non mangino zucchero. Uno studio recente dell’Università di Harvard ha mostrato che i pazienti con il cancro del colon hanno un rischio doppio di sviluppare metastasi se bevono, ad esempio, 2 lattine di bevande zuccherate al giorno.

Le conclusioni del dott. Franco Berrino

Si possono fare ottimi dolci, senza zucchero.

Si può cucinare, senza zucchero.

Si può vivere, senza zucchero.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.