Oli vegetali per una alimentazione sana ed equilibrata

0
2271
Oli vegetali

Per garantirci una buona ed equilibrata alimentazione è importante assumere oli vegetali ottenuti da semi, cereali, frutti e legumi possibilmente biologici, extra-vergini e  spremuti a freddo e non industriali e raffinati.

Oli vegetali fonte di acidi grassi benefici per la salute

Gli oli vegetali sono una fonte ricchissima di Acidi grassi insaturi importantissimi per la nostra salute. Gli acidi grassi sono assolutamente indispensabili poiché costituiscono uno dei componenti principali delle membrane di tutte le cellule del corpo oltre a fungere da veicolo per le vitamine liposolubili, la vitamina A, D, E, K. La loro carenza porta disturbi cardiocircolatori, disturbi ormonali, deficit cerebrali e invecchiamento precoce, eczemi, psoriasi, artriti, reumatismi, allergie e molti altri.
Gli oli vegetali fanno parte dei lipidi ovvero dei grassi. I lipidi sono divisi in due grandi categorie: grassi saturi (di origine prevalentemente animale si trovano nella carne, nei formaggi, nel burro) e grassi insaturi (di origine prevalentemente vegetale). A costituire la qualità del grasso è il tenore di acidi grassi essenziali che contiene.
Gli acidi grassi saturi, detti anche grassi “cattivi” vengono accumulati dal nostro organismo e si depositano nei vasi, nelle arterie portando problemi cardiocircolatori e aumentando il colesterolo. I grassi insaturi invece sono benefici e si trovano in abbondanza negli oli vegetali (sia di semi che di frutti), in noci e nocciole, nelle olive e nel pesce. Nelle giuste dosi, oltre ad effetti positivi sul cuore e sulla circolazione, potrebbero avere un ruolo nella prevenzione di alcuni tumori. Comprendono i monoinsaturi e i polinsaturi. Gli Acidi Grassi più importanti sono l’Alfa-linolenico (Omega-3) e il Gamma-linolenico (Omega-6)

Come consumare gli oli vegetali

A prescindere dal tipo di olio prescelto, bisogna prestare molta attenzione a come si utilizza.
L’olio vegetale infatti andrebbe consumato sempre a crudo per assicurarsi l’integrità di tutti i suoi componenti. In caso di cottura è importante non raggiungere mai la soglia di temperatura critica che va dai 160° ai 220° a seconda del tipo di olio. Superare queste temperature oltre alla perdita delle sostanze benefiche dell’olio, comporta anche la produzione di sostanze tossiche.

Gli oli più importanti da inserire nella nostra alimentazione

Olio di oliva: è il simbolo della dieta mediterranea. Da preferire come extra-vergine e possibilmente aggiunto crudo sulle pietanze. Fonte di vitamine A, B ed E, grazie alla sua ricchezza di acido oleico monoinsaturo è un eccellente protettivo del sistema cardiovascolare e regolatore del colesterolo. Agisce anche sulla bile.

Olio di lino: quest’olio è uno dei più preziosi per il suo elevato contenuto di omega-3 e omega-6. Estremamente benefico è anche molto fragile e per questo va conservato in frigo, consumato in fretta e utilizzato solo a crudo. Antinfiammatorio, stimola il sistema immunitario e regola il sistema ormonale. Aiuta il transito intestinale.

Olio di semi di zucca: è un olio specifico come protettivo prostatico. Ricco di vitamina E, ha anche una buona azione remineralizzante, rilassante del tubo digerente e regolatrice del transito intestinale. Da usare esclusivamente a crudo.

Olio di sesamo: carente di omega-3, ma ricco di omega-6. Protegge il sistema cardiovascolare e il sistema nervoso.

Olio di soia: è un olio equilibrato, ma è necessario verificare sempre la qualità, la provenienza e il metodo di estrazione perché spesso non viene spremuto a freddo. Contiene lecitina e vitamine del gruppo A ed E.

Olio di girasole: molto ricco di omega-6, ma povero di omega-3. Ottima fonte di vitamina E. Ha funzioni benefiche sul sistema endocrino e sul sistema nervoso.

Olio di germe di grano: è la prima fonte vegetale di vitamina E, stimola l’intestino e aiuta a combattere l’affaticamento fisico e mentale. L’unica controindicazione è per i celiaci a causa della presenza di glutine.

Olio di mais: quest’olio è privo di omega-3, ma contiene una buona quantità di omega-6 e 9. Per questo motivo è un olio da utilizzare insieme ad altri che integrino il fabbisogno di omega-3. Utile in caso di colesterolo, arteriosclerosi e dermatosi. Contiene vitamina E.

Altri oli benefici

Olio di borragine: estratto dai semi di Borragine, è particolarmente ricco di acido gamma-linolenico e di omega-3. Utile per contrastare l’invecchiamento della pelle e di tutti gli organi in genere. Si può consumare a crudo sui cibi o assumere in capsule.

Olio di noci: quest’olio è tra i più equilibrati. Ha un’azione riequilibrante sul sistema nervoso, protettivo del sistema cardiovascolare, regola il colesterolo.

Olio di cartamo: ricchissimo di acidi grassi insaturi omega-6, ma privo di omega-3. Se si utilizza quest’olio è necessario integrare con un altro olio che fornisca omega-3. Fornisce una buona percentuale di vitamina E.

Bibliografia: “Gli oli vegetali per la nostra salute” di Nathalie Cousin

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.