Il nuovo Codice europeo anti cancro. I 12 pilastri della prevenzione. Dott. Berrino

cancro, codice anti cancro, franco berrino, nuovo codice europeo anticancro

Prevenzione dal cancro. Oggi è una giornata importante, a Milano il prof. Berrino ha presentato il nuovo codice europeo contro il cancro. Stamattina Mercoledi 5 Novembre 2014, in conferenza stampa con i giornalisti, stasera al pubblico, come sempre nell’aula magna gremita di gente dell’Istituto dei Tumori di Milano.

Il dottor Franco Berrino infatti, epidemiologo noto al grande pubblico come uno dei massimi esperti del rapporto tra alimentazione e tumori, ha collaborato con l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro di Lione (IARC) per la revisione del Codice europeo anticancro, giunto alla 4a edizione (abbiamo scritto della precedente edizione in questo articolo).

12 modi per ridurre il rischio di ammalarsi di cancro

Il dott. Berrino ha introdotto ed  approfondito i 12 punti del nuovo Codice Europeo contro il cancro, di cui ha rilasciato una versione in italiano che trovate all’interno dell’articolo, e che potete comunque scaricare in originale  a questo link del sito benesserecorpomente.it

Annuncio pubblicitario

I nostri lettori abituali noteranno che molti dei temi citati sono stati trattati da questo portale di informazione, alcuni link sono stati collegati alle parole chiave.

  1. Non fumate. Evitate ogni tipo di tabacco.
  2. Non consentite che si fumi in casa vostra.
  • sostenete le misure contro il fumo nel vostro ambiente di lavoro.

3 Impegnatevi a mantenere un peso corporeo sano.

4 Fate quotidianamente esercizio fisico.

5 Mantenete una dieta sana:

6 Se consumate bevande alcoliche, di qualunque tipo, limitatene la quantità.

  • per la prevenzione del cancro è meglio non bere alcol.

7 Evitate esposizioni prolungate al sole, specialmente da bambini.

  • Usate protezioni solari. Non esponetevi a lampade abbronzanti.

8 Nei luoghi di lavoro proteggetevi da sostanze cancerogene rispettando le regole di sicurezza.

9 Controllate se nella vostra abitazione c’è un’alta concentrazione di radon e nel caso procedete a opportune modifiche strutturali.

10 Per le donne:

  • allattare al seno riduce il rischio di cancro. Se puoi, allatta il tuo bambino.
  • la terapia ormonale sostitutiva (TOS) aumenta il rischio di alcuni tipi di tumore. Limitare l’uso della terapia ormonale sostitutiva (TOS).

11 Fate partecipare i vostri bambini ai programmi di vaccinazione per:

  • l’epatite B, per i neonati.
  • il papilloma virus (HPV), per le ragazze.

12 Partecipate ai programmi organizzati di diagnosi precoce per i tumori seguenti:

  • intestino.
  • mammella.
  • cervice uterina.

I commenti al Codice Europeo contro il cancro 2014

Anche se la lista non è stata stilata con un ordine di priorità, il fumo ed il tabacco in generale rappresenta la prima causa di rischio. Alla conferenza stampa di oggi è intervenuto anche il dott. dottor Roberto Boffi, pneumologo della Fondazione IRCCS, che ha raccontato i risultati di diversi studi sugli effetti del fumo e dell’inquinamento ambientale. Tra le notizie di maggior effetto abbiamo rilevato:

1) che diversi test hanno evidenziato un maggior potere inquinante di polveri sottili di una unica sigaretta accesa in confronto ad un motore diesel in attività nello stesso luogo (box);

2) che l’effetto dell’inquinamento da fumo passivo si manifesta anche quando il fumatore si reca all’esterno del locale (ufficio o casa) e rientra senza aver atteso almeno 180 secondi;

3) che gran parte delle sigarette elettroniche contengono inferiori quantità di inquinanti contenuti nelle sigarette con tabacco, anche se in alcuni casi è stata rilevata una quantità sensibilmente maggiore di alcuni metalli pesanti.

Latte e derivati, alcuni chiarimenti

Per ciò che concerne l‘alimentazione (argomento che mi sta particolarmente a cuore) la cosa che colpisce è che non c’è menzione di alcun tipo in merito a latte e derivati (che molti esperti sconsigliano da tempo), pare in assenza di prove scientifiche che colleghino direttamente il loro consumo allo sviluppo di patologie tumorali (ad eccezione del cancro alla prostata).

Tuttavia il dott. Berrino, come in altre occasioni, raccomanda di limitare fortemente il consumo di latte e derivati. Tale raccomandazione è dettata soprattutto dalla pessima qualità del latte odierno, un alimento, che a causa degli allevamenti intensivi,  e delle lavorazioni a cui viene sottoposto, non assomiglia più  al latte che si beveva fino a 50 anni fa.  Berrino ha inoltre ribadito nuovamente che il consumo di latte NON previene l’osteoprosi e NON rafforza le ossa. Anzi, alcuni studi dicono esattamente il contrario.

Alcuni giornalisti e medici presenti alla conferenza hanno rilevato, e concordo, che le raccomandazioni presentano alcune lacune, ed oltretutto contengono solo indicazioni di tipo “personale” e nessun riferimento alla salvaguardia dell’ambiente, in particolare ai temi di inquinamento ambientale.

Le dimenticanze del Ministero della Salute

Il sito del ministero della salute ha prontamente pubblicato la propria traduzione del nuovo codice europeo contro il cancro (che trovate a questo link ) , con 2 piccole “dimenticanze” che vi segnaliamo: nella traduzione non si menziona il consumo abbondante di cereali integrali (punto 5) ma solo di generico “riso”. Non è neanche citata la raccomandazione di evitare le carni conservate ed i cibi ricchi di sale.

Processo alla Carne Franco Berrino Processo alla Carne
Tutto quello che non ci hanno mai detto sul rapporto tra cibo e cancro (e non solo)
Franco Berrino, Michele EmilianoCompralo su il Giardino dei Libri

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

Articolo precedenteI tuoi figli
Articolo successivoDormire bene per essere pienamente se stessi  
Claudio Monteverdi
Naturopata, esperto di alimentazione naturale, educatore alimentare. Convinto sostenitore della visione olistica e del vivere etico e sostenibile, curioso e studioso. È impegnato da anni nella divulgazione di tematiche su alimentazione e benessere. Ha frequentato il corso triennale di naturopatia alla scuola Riza Natura dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica (Milano). Ha frequentato corsi di perfezionamento su floriterapia alla scuola del Bach Center, tecnica Craniosacrale, Digitopressione Dinamica e Riflessologia Plantare Integrata® presso Riza. Ha frequentato il master Operatore del Benessere presso il Centro Studi di Perugia. Ha approfondito L’alimentazione naturale con alcuni riferimenti del mondo medico scientifico (Franco Berrino, Debora Rasio, Martin Halsey...) partecipando a numerosi convegni e workshop. Partecipa costantemente a convegni, eventi formativi e manifestazioni a tema alimentazione e benessere. Grazie alle passioni storiche per il web, il marketing e la comunicazione, derivate da una Laurea in Scienze dell'Informazione e da anni "da manager" in diverse aziende, dopo aver collaborato con importanti iniziative editoriali del mondo olistico e con alcune realtà di prodotti naturali, ha ideato e fondato il progetto BenessereCorpoMente.it. Mette a disposizione di aziende e privati la sua esperienza facendo anche attività di consulenza, in particolare sui temi dell'alimentazione naturale e dell'educazione alimentare.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.