Non comprate cosmetici con paraffina

paraffina,paraffinum liquidum,cosmesi naturale, inci, paraffinum liquidum, petrolati
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis

Paraffina, chi sa veramente cos’è?

Paraffina: di cosa stiamo parlando

Su questo sito abbiamo pubblicato più di un articolo che riguarda l’INCI, ovvero la lista degli ingredienti contenuti nei cosmetici e riportata sull’etichetta. E’ tutto scritto, basta saper riconoscere i termini. Ma quanti di noi li leggono con attenzione?

Oggi parliamo di un ingrediente – Paraffinum Liquidum  – da cui stare alla larga. Innanzitutto vediamo come riconoscerlo, perché possiamo trovarlo indicato con diversi termini:

  • Paraffinum liquidum
  • Petrolatum
  • Vaselina
  • Mineral oil
  • Cera Microcristallina. Chimicamente non è esattamente la stessa cosa ma le caratteristiche sono simili.

Dunque che cosa è la paraffina?

Attenzione! Si tratta di un prodotto derivato dal petrolio, composto da una miscela di idrocarburi solidi, che si presenta come una massa cerosa, non solubile ne in acqua ne in acidi. Provate a immaginare la sua azione sulla nostra pelle.

Cosa c’è scritto sull’etichetta del prodotto che avete acquistato ?

Avete letto qualcuno dei termini che si riferiscono alla paraffina sull’etichetta del vostro prodotto cosmetico, dell’olio o dello shampoo che avete acquistato ?

Vi consiglio di prendere una saggia decisione: liberatevene. Fatevi coraggio e buttatelo nella spazzatura.

La paraffina viene regolarmente utilizzata in diversi settori industriali come quello del legno, del cemento o dei detersivi, ma è anche molto usata dall’industria cosmetica!

Per quale motivo? E’ semplice:  la paraffina costa poco, e viene anche usata, badate bene, nei prodotti per bambini. Un particolare olio per bambini molto famoso, di colore bianco, è usato ancora oggi con fiducia da molte mamme.

Quali sono le caratteristiche della paraffina ?

Riepilogo qui in una lista alcune delle più importanti caratteristiche e dei più importanti effetti della paraffina sulla pelle, giusto per cominciare.

  • Cancerogena
  • Inquinante ambientale
  • Non idrata
  • Non è dermocompatibile
  • Ostruisce i pori
  • Accelera il processo di invecchiamento della pelle
  • Ostacola la normale traspirazione della pelle
  • Favorisce la formazione di brufoli, punti neri, rughe, ecc
  • Più usate prodotti che contengono paraffina sulla vostra pelle, più il problema che desideravate risolvere peggiorerà

Molte creme famose contengono paraffina. Ma anche shampo e stick per labbra

Basta leggere le etichette per scoprire che l’affermazione qui sopra è verità.

Le più diffuse creme viso, creme per le mani, ma anche un famoso olio per bambini contengono paraffina.

Inoltre grazie alla caratteristica di donare elasticità e lucentezza alle chiome, anche molti prodotti per capelli ne contengono (shampoo, creme, maschere…), ma alla lunga gli effetti negativi si presentano sotto forma di capelli:

  • indeboliti,
  • danneggiati,
  • con doppie punte…

E poi anche:

  • fondotinta liquidi e
  • prodotti per le labbra

insomma, Paraffinum Liquidum ovunque.

Il paradosso delle labbra screpolate

E così: usate lo stick per idratare le labbra e vi ritrovate labbra secche, screpolate. E più usate il prodotto pensando di idratare, e più le labbra seccano e si screpolano. Avete mai notato donne che tengono in mano lo stick per le labbra e se lo applicano di continuo? Ora sapete la ragione. Diffidate dei prodotti a basso prezzo. Mettete in discussione i prodotti che usate da sempre e iniziate a leggere le etichette.

Stick per le Labbra
Stick per le Labbra

Non faccio nomi, ma …

All’epoca della prima stesura di questo articolo (anno 2014) era disponibile online un interessante articolo dal titolo “Io odio la paraffina!” di Carlitadolce, nota blogger esperta di cosmesi naturale, che ha ispirato questo nostro scritto relativo ad un argomento che ci sta molto a cuore: il benessere nostro e dei nostri bambini. Purtroppo, oggi 2020 l’articolo non è più disponibile, peccato perché conteneva i nomi di alcuni famosi prodotti.

Un consiglio: usate prodotti naturali

Scegliete prodotti

  • senza paraffina,
  • oli minerali,
  • petrolati,
  • siliconi (parabeni e PEG),
  • aromi.

Scegliete invece prodotti che contengono principalmente prodotti naturali:

  • oli e grassi vegetali naturali,
  • oli essenziali
  • conservanti e antiossidanti naturali.

Come riconoscere gli ingredienti che fanno male

Consultate il biodizionario: inserite il nome dell’ingrediente sospetto (qui) e scoprirete un semaforo rosso, giallo o doppiamente verde che vi dirà l’affidabilità per la vostra salute.

Cosa dicono le ricerche scientifiche

A onor del vero qui sotto vi riporto l’abstract di un documento presente su PubMed, l’autorevole database scientifico americano. Ovviamente riguarda un punto di vista in merito alla profondità di assorbimento di generici cosiddetti oli minerali, tra cui Paraffinum. Lascio a voi le considerazioni e la scelta. Io vi ho detto la mia opinione.

Gli oli minerali e le cere utilizzati nei prodotti cosmetici, detti anche “prodotti per la cura della persona” al di fuori dell’Unione europea, sono miscele di idrocarburi prevalentemente saturi costituiti da strutture a catena lineare, ramificata e ad anello con catene di carbonio di lunghezza superiore a C16. Sono utilizzati nei prodotti cosmetici per la cura della pelle e delle labbra grazie alla loro eccellente tolleranza cutanea, alle elevate prestazioni di protezione e pulizia e alle ampie opzioni di viscosità. Recentemente, sono state sollevate preoccupazioni in merito ai potenziali effetti negativi sulla salute degli oli minerali e delle cere derivanti dall’applicazione cutanea dei cosmetici.”

La valutazione dei rischi e le conclusioni

“Per poter valutare il rischio per il consumatore, è necessario valutare il potenziale di penetrazione cutanea di questi ingredienti. Lo scopo e l’obiettivo di questa recensione sono di identificare e sintetizzare la letteratura disponibile al pubblico sulla penetrazione cutanea di oli minerali e cere utilizzati nei prodotti cosmetici. A tal fine, è stata condotta una ricerca bibliografica completa. Sono stati identificati e analizzati 13 studi in vivo (umani, animali) e in vitro che hanno studiato la penetrazione cutanea di oli minerali e cere. La maggior parte delle sostanze è stata adsorbita dermicamente nello strato corneo e solo una frazione minore ha raggiunto strati più profondi della pelle. Nel complesso, non ci sono prove dai vari studi che gli oli minerali e le cere siano assorbiti per via percutanea e diventino sistemicamente disponibili. Pertanto, data l’assenza di assorbimento cutaneo, gli oli minerali e le cere utilizzati nei prodotti cosmetici non presentano rischi per la salute del consumatore.”

Fonte

PubMed, Review of data on the dermal penetration of mineral oils and waxes used in cosmetic applications

Articolo aggiornato il 5/2/2020

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Annunci pubblicitari e articolimacrolibrarsi, eshop, libri, shop online

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.