Nespole: proprietà e benefici della frutta di stagione

nespole, nespola, le nespole, frutta di primavera, frutta arancione

Nespole, frutti di primavera. La frase che ripeto spesso quando mi chiedono consigli sui cibi, è che la natura ci mette a disposizione il cibo di cui abbiamo bisogno, al momento giusto e nel luogo in cui ci troviamo.

In questa frase è racchiuso il segreto della scelta della maggior parte dei cibi. Ecco perché consiglio sempre di scegliere i frutti e gli ortaggi di stagione.

Tra i frutti tipici della primavera, più gustosi e succosi di quelli invernali, c’è la nespola, frutto meno diffuso di altri, ma un vero toccasana per la nostra salute.  Grazie alle vitamine, alla fibre solubili e alla parte acquosa le nespole  favoriscono la disintossicazione e ci regalano una sensazione di leggerezza e vitalità.

La pianta

Il nespolo appartiene alla famiglia delle Rosacee ed è originario dell’Oriente. Qui trovate ulteriori informazioni sulle caratteristiche di questa pianta.

Caratteristiche delle nespole

Le nespole sono frutti dal colore giallo-arancio che richiama quello dell‘albicocca, ma si raccoglie qualche mese prima . Crescono in grappoli, sono di  forma tondeggiante, la buccia è sottile di colore giallo-arancio.

Vengono fatte maturare, per lungo tempo, nella paglia, fino a gennaio, febbraio. All’interno si trovano alcuni semi (da uno a quattro) piuttosto grandi, lucidi, di colore marrone scuro, i quali  contengono  sostanze tossiche per il nostro organismo. Per questo motivo è necessario rimuoverli  e soprattutto controllare che i bambini non li ingeriscano.

Le proprietà delle nespole

Con  solo 47 calorie per 100 grammi le nespole sono ricche di acqua, fibre, vitamine e sali minerali, e più precisamente  le vitamina A, B (B6, acido folico e niacina), C e antiossidanti, il calcio, il fosforo, il magnesio, lo zinco e – soprattutto – il potassio, componente essenziale per cellule e liquidi dell’organismo, oltre ad altri oligoelementi. Nota fin dai tempi antichi la nespola nel medioevo veniva usata come febbrifugo e come regolatore delle funzioni intestinali e diuretiche.

Tra le fibre solubili contenute nella nespola cito  la pectina, che mantiene l’umidità nel colon e può funzionare come un lassativo naturale, e protegge le mucose del colon dalle sostanze tossiche. Inoltre pare  che la pectina delle  nespole riduca il livello di colesterolo nel sangue. A

Alcuni studi hanno rivelato che mangiare nespole con regolarità e in quantità, previene la formazione di cancro alla bocca e polmonare.

Una curiosità: al momento della raccolta la polpa della nespola è di colore bianco – rosato ma dopo alcune settimane di maturazione diventa morbida e il colore diventa giallo-arancio intenso.

Per l’intestino

Il frutto acerbo contiene maggiori quantità di tannini, molecole antiossidanti che danno una sensazione di asciutto in bocca (si dice “legano la bocca”) e svolgono un effetto astringente sull’intestino (un buon rimedio naturale in caso di diarrea). Il frutto maturo è più gradevole al gusto perchè i tannini si trasformano in zuccheri,  con questo processo  però l’effetto astringente si trasforma in effetto blandamente lassativo in quanto stimola il transito intestinale senza i fastidiosi effetti collaterali  dei lassativi chimici.

Per i reni

Sotto stress il nostro organismo reagisce stimolando le ghiandole surrenali a produrre ormoni, in particolare il cortisolo. Questi ormoni, quando sono in eccesso, determinano un aumento della ritenzione idrica, con possibile comparsa di cellulite. Il consumo regolare di frutti come le nespole può aiutare a eliminare i liquidi in eccesso, aumentando la diuresi in maniera naturale senza l’effetto collaterale dell’abbassamento della pressione arteriosa  che si manifesta con l’assunzione dei diuretici di sintesi.

Per gli sportivi

Grazie alla sua ricchezza di vitamine e minerali, la nespola è particolarmente consigliata a chi fa attività sportiva prolungata e che quindi necessita  di recuperare sali minerali, acqua e antiossidanti.

Nespole antifame

La nespola come già detto è molto ricca di fibra solubile; questa favorisce la distensione delle pareti dello stomaco, riempiendolo di acqua aumenta così il senso di sazietà. Per questo può essere un buon antipasto nei regimi ipocalorici. La ricchezza di fibre rende inoltre questo frutto  un ottimo spezza-fame e per le proprietà descritte si consiglia di mangiarlo fuori pasto accompagnato da un bicchiere d’acqua. Pratica normalmente sconsigliata con altri frutti e con i pasti in genere in quanto diluisce i succhi gastrici.

Anti-febbre ed altri malesseri

La nespola è adatta anche in caso di febbre come antipiretico naturale, aiuta a decongestionare le vie biliari e il fegato e a contrastare i danni dei radicali liberi e dell’invecchiamento, responsabili dell’insorgere di molte malattie anche gravi, come i tumori.

Acquistare le nespole mature, come riconoscerle ?

La nespola è matura quando la polpa è morbida e il colore è vivo. La buccia deve risultare liscia ed uniforme, possibilmente priva di ammaccature. Se la nespola viene acquistata acerba si consiglia di conservarla a temperatura ambiente per 3-4 giorni. Se la si acquista  già matura si conserva  in frigorifero per tre giorni non di più : essendo un frutto molto deperibile dopo questo periodo non è più buona.

Le varietà di nespole

Le nespole possono essere classificate per provenienza  in americana, giapponese,  italiana, come sempre consigliamo l’acquisto di prodotti del nostro territorio, possibilmente biologico. In funzione del periodo di raccolta esistono il  tipo precoce, il tipo medio e il tipo tardivo.

Come gustarle

Per gustare le nespole il consiglio è quello di consumarle al naturale, oppure in macedonia con poco miele e limone  [che fungono da disinfettanti della flora batterica, fonte: Riza]. Possono essere usate anche per preparare un dessert oppure una ottima colazione di primavera, ecco una semplice ricetta: frullare 500 g di nespole mature senza buccia e semi, mettere la purea in frigorifero per 2 ore. Aggiungere 200 g di yogurt bianco naturale e 1 cucchiaio di miele di acacia. Mescolare e servire.

In decotto per “sgonfiare la pancia

Il decotto di nespole è un buon rimedio naturale che depura, facilita la diuresi ed  aiuta l’intestino. La preparazione è semplice:

  • fai bollire 60 grammi di polpa e bucce in 300 ml di acqua per circa 20 minuti;
  • lascia raffreddare;
  • bevi 3 bicchieri al giorno per una settimana.
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.