Metabolismo lento: cause, rimedi naturali e alimentazione corretta

0
1087
metabolismo lento, mangiare spuntini, alimentazione sana

Metabolismo lento: un problema che affligge molte persone. Quali sono le cause e i rimedi? Scopriamoli insieme.

Cos’è il metabolismo

Il metabolismo è un processo biochimico del nostro corpo che ha la funzione di prendere energia dagli alimenti e renderla disponibile per tutte le attività e le funzioni vitali del nostro organismo.

Normalmente, in uno stato di buona salute, introducendo una quantità corretta di alimenti e svolgendo lavori non troppo pesanti, il metabolismo riesce ad adempiere a tutte le sue importanti funzioni dandoci l’energia necessaria per vivere e permettendo agli organi di svolgere al meglio tutti i loro compiti. Tuttavia, non è sempre così.

Talvolta il metabolismo fatica a trasformare il cibo in energia, i processi metabolici sono rallentati e si parla quindi di “metabolismo lento”.

I sintomi del metabolismo lento

Il primo campanello d’allarme di un rallentamento del metabolismo è certamente l’accumulo progressivo di adipe e l’aumento di peso.

Si noterà quindi che si fatica a perdere peso anche durante una dieta ben strutturata e tutto ciò creerà una situazione di stasi e di frustrazione psicologica.

Inoltre, poiché l’energia del cibo viene accumulata e trasformata in grasso anziché in energia disponibile, solitamente si ha anche un calo della concentrazione, della forza, della resistenza e della vitalità personale. Si avrà la sensazione di essere sempre stanchi, affaticati, senza risorse, inoltre è spesso presente una condizione di ipotensione (pressione bassa) e di costante sensazione di freddo.

Le cause

Escludendo patologie alla tiroide e altre fattori patologici che portano a squilibri ormonali che non affronteremo in questo articolo, il metabolismo ad un certo punto può rallentare per i seguenti fattori:

  • Vita sedentaria: meno attività facciamo, meno il corpo brucia
  • Menopausa: è fisiologico che con la menopausa gli ormoni tiroidei diminuiscano e ciò influenza negativamente il metabolismo determinando un fisiologico aumento di peso
  • Stress eccessivo: spesso quando stressiamo troppo il nostro corpo e la nostra mente, l’organismo va in “autoconservazione”. Lo fa cercando di risparmiare energia e accumulando grasso e peso che il corpo percepisce come riserve energetiche. Inoltre, quando siamo stressati tendiamo a mangiare troppo o troppo poco e soprattutto a non prestare attenzione a ciò che mangiamo. Il rischio è quello di cibarci soprattutto di cose gratificanti, ma non nutrienti e sane
  • Diete troppo restrittive, saltare i pasti o digiunare in modo scorretto
  • Energia della milza bassa: se la milza è stanca e ha una bassa energia non riusciremo mai a dimagrire perché il metabolismo perde forza.

Come far ripartire il metabolismo lento

Se non ci sono patologie particolari che compromettono il regolare processo metabolico, per riattivare il metabolismo lento è necessario agire su 3 fronti:

  • Correggere l’alimentazione
  • Fare attività fisica
  • Integrazione di piante e rimedi naturali che aiutino ad attivare il metabolismo

La prima cosa da fare: correggere l’alimentazione

Un alimentazione corretta, sana equilibrata deve essere a base di verdura, frutta, proteine, cereali integrali, oli e grassi buoni, niente zuccheri raffinati ne grassi saturi.

Ma la cosa veramente importante è la regola del “mangiare poco e spesso”.

Il nostro metabolismo infatti può essere paragonato ad un fuoco che brucia se viene alimentato spesso, altrimenti si spegne. Mangiare poco e spesso significa fare almeno due spuntini di frutta o frutta e verdura tra la colazione e il pranzo e tra il pranzo e la cena. Questo accorgimento consente di mantenere sempre vivo il fuoco del metabolismo, oltre a permettere allo stomaco una digestione breve e facile perché non introduciamo troppi alimenti nello stesso tempo. Fare due spuntini al mattino e due il pomeriggio aiuta anche ad arrivare alla soglia del pranzo e della cena non troppo affamati. Di conseguenza arriviamo al pasto capaci di ingerire la giusta quantità di cibo senza abbuffarci, come succede invece dopo lunghe ore di diguno.

La seconda cosa da mettere in atto: praticare attività fisica

Il nostro corpo è programmato per muoversi, per fare attività fisica. Quando conduciamo una vita troppo sedentaria non solo perdiamo tono muscolare e tendiamo ad accumulare grasso, ma tutti i processi metabolici rallentano e si “impigriscono” creando una “stasi” metabolica.

Non è necessario fare sport troppo stressante o protratto per troppo tempo, è sufficiente una mezz’ora al giorno, ma costante, tutti i giorni o perlomeno a giorni alterni, basta una camminata a passo veloce, una corsa o, meglio ancora, un’ora di yoga o pilates.

Con l’attività fisica insieme al nostro corpo, alle nostre ossa e muscoli riparte anche il metabolismo che si attiva per bruciare calorie allo scopo di produrre l’energia necessaria per sostenere lo sforzo fisico. Inoltre dopo l’attività fisica il metabolismo rimane attivo per circa 12 ore.

Rimedi naturali per svegliare il metabolismo

Una volta corretta l’alimentazione e abbandonata la vita sedentaria, si può aiutare il metabolismo a risvegliarsi con alcuni rimedi naturali integrativi come ad esempio:

  • Alga Fucus
  • Zenzero e Curcuma
  • Piperina
  • Guaranà e Ginseng
  • Caffè verde e Thè verde
  • Oligoelementi zinco e manganese
  • Omega 3

Per avere un’azione più mirata, questi integratori andrebbero presi in sinergia. Esistono in commercio prodotti contenenti due o più di questi integratori, ad esempio caffè verde, zenzero e guaranà a cui poi si può aggiungere le fiale monodose di zinco e le perle di omega 3.

La Dieta Secondo Il Metabolismo
Marcello Mandatori, Beatrice Savioli
Tecniche Nuove Edizioni
macrolibrarsi, metabolismo

L’importanza della depurazione

E’ sempre consigliabile prima di assumere integratori per riattivare il metabolismo, fare una buona depurazione del fegato e ridare energia alla milza con integratori a base di erbe amare, carciofo, tarassaco, cardo mariano, fumaria e bardana. Questo perché con la milza senza energia e un fegato intasato di tossine tutti i processi sono rallentati e i rimedi naturali non vengono ben assimilati. Per questo può capitare che molti degli sforzi che si fanno per riaccendere la macchina metabolica siano vani.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.