Mani e piedi: il significato delle dita

dita mani e piedi

Dita delle mani e dei piedi, vi siete mai chiesti cosa rappresentano ? Vi invito a fare un breve viaggio in questo affascinante mondo.

Cosa rappresentano i piedi

I piedi rappresentano il nostro avanzare nella vita e il nostro modo di porci nel mondo. In India si venerano i piedi dei grandi maestri: in effetti viene onorato il loro cammino spirituale! Venerare i piedi dei grandi Guru è riconoscere l’evoluzione che hanno raggiunto. Sono simbolo di libertà perché permettono di muoversi, ma rappresentano anche il nostro progresso.

Cosa rappresentano le mani

Le mani servono, invece, a eseguire un ordine, una funzione; rappresentano la nostra abilità così come la capacità di donare e di ricevere. L’abilità delle mani è detta scolasticamente motricità fine proprio perché con le mani si possono eseguire lavori sopraffini e particolari, dal cucito all’uncinetto, dal dipingere al suonare uno strumento musicale, dal decupage a lavoretti fatti con carta, cartone plastica, vetro o altro materiale. Anche i cibi prelibati e ricercati si preparano grazie alluso delle mani!

L’ estremità di ciascun dito delle mani è anche un “punto sorgente” o “punto Primavera” punti della potenziale rinascita energetica, grazie alla quale una vecchia dinamica può rigenerarsi e cambiare polarità. I piccoli grandi traumi alle dita delle mani indicano che stiamo eseguendo tali processi di rinnovo energetico.

Dolori alle mani

Dolori alle mani possono indicare insicurezza nel compito che si sta svolgendo; non ci si sente all’altezza di quanto si sta facendo. La mano destra in un destrimane e sinistra per il mancino, è quella che esegue gli ordini. Riguarda pertanto quello che si fa, mentre la sinistra, sempre per un destrimane e la destra per il mancino, è quella che aiuta l’altro. Un problema alla mano che aiuta potrebbe essere legato alla paura di chiedere aiuto in ciò che si sta facendo.

In psicosomatica cosa rappresentano le dita dei piedi

Se i piedi sono il nostro avanzare nella vita, le dita dei piedi sono il nostro avanzare verso il futuro. I dolori alle dita rappresentano le nostre preoccupazioni per il futuro e le ferite, invece, il sentirsi in colpa per progetti e dettagli da realizzare in futuro.

Ci sono poi le dita a martello, come l’artiglio di un gatto: segno di insicurezza nel nostro desiderio di avanzare nella vita. Mi sento insicuro.

Alluce o primo dito del piede

E’ il nostro sostegno relazionale, rappresenta ciò che siamo.  E’ anche il dito che rappresenta le capacità intellettuali: un alluce di dimensioni rilevanti rispetto alle altre dita indica una personalità molto sveglia, intuitiva, capace, perspicace. Rappresenta la nostra intelligenza, la nostra mente la ragione, la nostra “testa”.  I traumi e le tensioni qui sono indice di una certa tensione con il mondo sia sul piano materiale (lato interno del piede) che su quello affettivo (lato esterno). Da qui si dipartono due meridiani energetici: milza – pancreas e fegato.

Collegato all’alluce c’è talvolta il famigerato alluce valgo che colpisce parecchie persone, in particolare più donne che uomini: chiamato volgarmente “cipolla” è una deviazione verso l’esterno del primo metatarso situato tra caviglia e primo dito. Tale patologia si riscontra in molte donne che hanno avuto difficoltà ad assumersi il proprio ruolo nel timore di dispiacere alle persone circostanti o perché fermate dalla paura del giudizio altrui.

Secondo dito del piede

E’ il dito che rappresenta le nostre capacità leader! Se è più lungo rispetto alle altre dita significa che la persona ha capacità dirigenziali, manageriali. E’ il dito della volontà, della leadership. Qui termina anche il meridiano dello stomaco, cioè quello che governa il nostro rapporto con la materia, il nostro digerire situazioni e persone. Infatti vesciche, duroni, malattie o traumi di questo dito indicano la difficoltà a digerire quanto fa parte della nostra vita.

Terzo dito del piede

Rappresenta i valori, i principi che abbiamo ricevuto. E’ il dito centrale, dell’equilibrio e della coerenza dei nostri atteggiamenti relazionali. Se il dito è diritto significa che abbiamo ricevuto valori forti e significativi, solidi. Altrimenti le malattie a questo dito indicano la difficoltà ad equilibrare le nostre relazioni, soprattutto riguardo al futuro. Indica paura di procedere e in modo adeguato. Questo dito non è attraversato da alcun meridiano, ma è in relazione indiretta con il triplice riscaldatore.

Quarto dito del piede

Rappresenta il legame con i nostri famigliari, con le persone a noi più vicine. E’ il dito dell’affettività e della creatività.  Rappresenta le nostre relazioni con gli altri, nel senso di ciò che è giusto e ingiusto, nella ricerca della perfezione. Tensioni, crampi o dolori a questo dito indicano che si sta vivendo una situazione relazionale difficile, insoddisfacente: non si sa più ciò che è giusto e ciò che non lo è. Qui confluisce il meridiano della cistifellea.

Quinto dito del piede o mignolo

Rappresenta la nostra sessualità, la parte più istintuale, l’eros. E’ qui dove termina il meridiano della vescica, il meridiano dell’eliminazione dei liquidi organici e degli “antichi ricordi”. Quando urtiamo questo dito e diventa dolente cerchiamo di eliminare antichi schemi relazionali, tentiamo di cambiare abitudini standardizzate; cerchiamo nuove modalità di relazione con gli altri. Il trauma, la ferita, la distorsione stimolano le nostre energie a eliminare antiche modalità da rimpiazzare con altre più nuove e più adeguate a noi.

Quando le dita dei piedi sono diritte e di lunghezza abbastanza omogenea, senza cioè troppe diversità da una all’altra significa che la persona è in equilibrio, le sue diverse componenti sono in armonia, dalla sfera affettiva a quella relazionale a quella istintuale.

Piedi Sani, Corpo SanoPiedi Sani, Corpo Sano
La salute olistica del piede, senza solette, farmaci o interventi chirurgici
Carsten Stark
Compralo su il Giardino dei Libri

Le dita delle mani in psicosomatica

Le dita delle mani rappresentano i dettagli, la destrezza. I perfezionisti hanno sovente problemi alle dita, come ferite, bruciature, tagli: sono piccoli incidenti riferiti a sensi di colpa per dettagli di cose che si fanno tutti i giorni. Si è scontenti di se stessi per essere andati troppo in fretta, per essere in ritardo, per non aver utilizzato lo strumento giusto, per non aver fatto di meglio.

I crampi alle dita corrispondono a tensione causata dall’idea di voler tutto perfetto fin nei minimi dettagli.

Il prurito alle dita esprime impazienza verso se stessi per dettagli insignificanti e siamo poco tolleranti anche verso gli altri se non fanno le cose come vogliamo noi.

L’intorpidimento delle dita può esprimere la voglia di rendersi insensibili a dettegli per noi non importanti.

Pollice

E’ il dito della protezione, della difesa e della reattività in rapporto al mondo esterno. I bimbi piccoli, infatti, succhiano il pollice quando hanno bisogno di sentirsi rassicurati. Rappresenta anche la tristezza e la sconfitta; i traumi a questo dito indicano bisogno di protezione per paura reale o immaginaria di un’aggressione esterna oppure anche come protezione da un vissuto triste e demotivante.

Indice

Rappresenta l’evacuazione delle emozioni e della loro espulsione all’esterno. E’ il dito dell’accusa, dell’autorità, della minaccia. L’indice ordina, dirige, indica la direzione minacciata. I mali a questo dito indicano eccessiva tendenza al comando e all’autoritarismo che ha, appunto, bisogno di essere espulsa perché troppa, in abbondanza, quasi inaccettabile.

Medio

Rappresenta la sessualità, la strutturazione interiore, il governo interiore delle cose e della propria istintualità. E’ la soddisfazione del vissuto e dell’azione che abbiamo sul mondo; le tensioni qui ci parlano, pertanto, di insoddisfazione nei confronti dell’accadere degli eventi e verso il nostro modo di gestire la vita.

Anulare

E’ il dito della coesione, dell’unione e dell’assimilazione. Infatti è il dito dove si porta la fede simbolo di unione. Gli antichi Romani dicevano che la fede si mette all’anulare sinistro perché è direttamente collegato con il cuore, sede dei sentimenti e delle emozioni. Traumi e patologie a questo dito indicano la nostra difficoltà a unire, unificare in noi o attorno a noi; difficoltà anche a trovare una coerenza tra tutte le parti che compongono il nostro essere, difficoltà, di conseguenza, a dare un senso alla nostra vita.

Mignolo

E’ il ditino di ciò che è sottile, elaborato, raffinato, elegante. Pensiamo che le dame dell’800 quando bevevano il loro tè, tenevano in mano la tazza o tazzina sollevando il mignolo. Tutt’oggi si usa dire di donne che tengono sollevato il dito mignolo mentre sorseggiano il tè o il caffè, che sono nobili, di discendenza patrizia!

Le tensioni a questo dito indicano il bisogno di esteriorizzare una tensione di natura emotiva oppure una superficialità che non ci appartiene di fatto, ma che manifestiamo per nascondere qualcos’altro.

Leggere le Dita dei Piedi
Leggere le Dita dei Piedi
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.