Mangiato troppo? Come tornare in forma dopo le feste? 10 consigli per ripartire con più energia

mangiato o bevuto troppo, ripartire, tornare in forma, brindisi, cibo, troppo cibo

Penttone, cioccolato, zucchero, dolceNel periodo delle festività natalizie e di fine anno avete mangiato troppo? Vi sentite appesantiti, forse gonfi,  oppure in questi giorni la bilancia ha segnato qualche chilo in più della media ? Avete passato giornate in casa con amici e parenti, magari davanti ad un bel film, ma il movimento che avete fatto era quello dello spostamento tra tavolo e divano, oppure dalla casa all’auto e dal parcheggio al cinema, al ristorante o a casa di amici?
Il consiglio è di correre ai ripari prima che sia troppo tardi e prima che quei chili si di troppo accumulino inesorabilmente.  Fermo restando che il problema dell’eventuale accumulo di peso è solo un aspetto esteriore della diminuzione dello stato di benessere, che inevitabilmente andrà ad impattare anche sul piano psico-emotivo.

1 Cosa NON fare: una dieta

La soluzione non è una dieta restrittiva, che probabilmente vivrete come una restrizione o un sacrificio, ma un cambio di stile alimentare e di vita che consentirà da un lato una necessaria blanda depurazione del fisico, e dall’altra un graduale recupero di energie e di sensazione di benessere. Visto che siamo all’inizio di un nuovo anno, cosa c’è di meglio di qualche cambiamento – o buona intenzione – a favore del nostro benessere?

2 Alimenti da eliminare

Latte, latticini, salumi, altri alimenti salati (acciughe, baccala, formaggi stagionati), bibite e bevande zuccherate, cibi pronti (tipo primi surgelati o zuppe in scatola).

3 Alimenti di cui ridurre il consumo

Carne, sale, zucchero, prodotti da forno dolci e salati, bevande alcoliche, caffè (non più di 2/3 al giorno).

4 Cose da evitare (almeno nelle prossime 2/3 settimane)

Gli aperitivi a buffet, i superalcolici, gli ammazzacaffè, pizza-birra e limoncello.

5 Cosa mangiare

Frutta e verdura fresca e di stagione. Gli ortaggi preferibilmente crudi o con cottura al vapore. Cereali preferibilmente integrali (pasta , riso, miglio, grano saraceno), pesce 2 volte a settimana, carne, se proprio vi piace, non più di 2 volte a settimana, uova 2/3 volte al mese. Formaggi freschi 1 volta a settimana. Pane integrale con lievito naturale (pasta madre), reperibile in negozi di alimenti naturali e bio. Frutta secca e semi oleosi (es. semi di girasole, di miglio, di sesamo, di canapa) come snack, a colazione, o per condire le insalate. Olio extravergine di oliva, unito ad altri oli spremuti a freddo (olio di semi di lino o di canapa). Legumi: lenticchie, ceci, fagioli. Pasta e legumi è un ottimo abbinamento.

6 A colazione

Una buona e sana abitudine, appena svegli per 15 giorni un bicchiere di acqua tiepida con il succo di un limone. Se il gusto non è di vostro gradimento potete unire mezzo cucchiaino di miele per dolcificare. Vivetelo come un rito dedicato a voi stessi.
15 minuti dopo circa preparate una colazione possibilmente varia che comprenda qualche mandorla o qualche noce, un frutto, e la bevanda che piu preferite: the, orzo, latte vegetale (riso, soia, avena), se vi piace insieme a qualche biscotto, meglio se con farine integrali e non dolcificato con sciroppi vari (fruttosio-glucosio, glucosio, ecc) ne con zucchero bianco. L’importante è variare e non abituare il fisico tutti i giorni alla stesso menù. Bandita l’abitudine del classico cappuccino con brioche, ma se proprio vi piace riservatevi questo piacere come trasgressione una volta a settimana. Non fatevi prendere dalla voglia di terminare panettone e pandoro avanzati, oppure offerti in promozione a prezzi molto appetibili.

7 A pranzo

Un primo piatto con della verdura di stagione, in insalata o al vapore. Poco pane, meglio se integrale.

8 A cena

Una cena leggera con una pietanza tra quelle suggerite sopra, accompagnata da verdura di stagione. Magari preceduta da un brodo con verdure (vi potete sbizzarrire), o da una zuppa di miso. Possibilmente senza pane.

9 Centrifugati, succhi e tisane

Se siete determinati ad intraprendere un periodo di purificazione e recupero delle vostre energie e del vostro benessere, l’ideale è inserire nella vostra alimentazione giornaliera: 1 centrifugato (o succo estratto) di frutta e verdura al giorno, a colazione o come spuntino, ed una tisana, meglio se depurativa o detox (ad esempio….)  la sera prima di andare a dormire.

10 Attività fisica e movimento

Il movimento è importante, ma non significa solo  pianificare sessioni  in palestra, oppure di corsa, o di nuoto: anche questo importante aspetto è uno stile di vita. Muovetevi a piedi quando potete, lasciate l’auto nel parcheggio. Oppure riscoprite la bici. Anche se fa freddo è una soddisfazione muoversi in tempi brevi senza il problema del parcheggio. Leggi anche l’articolo Attività fisica per migliorare il tuo benessere.

Considerazioni finali

Prendete questi consigli come un orientamento, provate a seguirli se sentite l’esigenza di stare meglio. Imparate ad ascolare i segnali del vosstro corpo, e noterete benefici in tempi brevissimi, intendo nell’arco delle 2/3 settimane. L’ideale a cui tendere è un’alimentazione costituita prevalentemente prodotti della terra, meglio ancora del nostro territorio, freschi, di stagione, naturali, integrali. Frutta, verdura, legumi, cereali, frutta secca e semi oleosi. Con una drastica riduzione del consumo di sale e zucchero, sia aggiunto sia contenuto negli alimenti, e se proprio non potete farne a meno, di cibo animale (in particolare carne, latte, latticini e formaggi stagionati), di cibi raffinati e preparati industrialmente.

Altre informazioni nell’articolo Cibo e malattie: The China Study, una pietra miliare.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.