Lievito di birra: proprietà, benefici e controindicazioni

Lievito di birra, lievito, prodotti da forno

Lievito di birra: come si ottiene

Il lievito di birra si ottiene dalla selezione di microrganismi viventi, funghi microscopici unicellulari, coltivati e fatti poi fermentare in appositi fermentatoi, dove si moltiplicano tante volte. Si chiama ”lievito di birra” perché è un residuo della fermentazione della birra, ma si trova anche sulla buccia di alcuni frutti.

I tipi di lievito di birra

Esistono quattro tipi di lievito di birra: fresco, secco, istantaneo, in scaglie.

Fresco

  • Quello fresco è disponibile in panetto nei banchi frigo dei supermercati e va usato dopo averlo sbriciolato e disciolto in acqua tiepida. Va conservato sempre in frigorifero e utilizzato entro la data di scadenza.

Secco

  • Quello secco, essiccato che si trova in barattoli o bustine, usato per preparare pizza o pane e anche alcuni dolci. Non va tenuto in frigorifero e va disciolto in acqua tiepida prima di consumarlo.

Istantaneo

  • Il lievito istantaneo è un lievito secco che permette una rapida lievitazione.

In scaglie

  • E’ usato per insaporire e non per la lievitazione. Usato anche come integratore alimentare, di vitamine, minerali e aminoacidi essenziali, consigliato nelle diete dei vegetariani e dei vegani.

Poi c’è un quinto tipo di preparazione: il lievito in compresse, capsule o tavolette usato come supplemento di vitamine e minerali (integratore alimentare), per problemi di unghie, capelli e per il soggetto sportivo.

Annuncio pubblicitario

Proprietà del lievito di birra

Il lievito di birra è ricco di potassio, calcio, fosforo, magnesio, ferro, zinco, selenio, cromo, vitamine del gruppo B, soprattutto B1 e B2.

Contiene molte proteine ad alto valore biologico e tutte quelle del gruppo B come sopra accennato. Ricco di minerali, ha azione remineralizzante e aiuta a combattere l’astenia.

È un ottimo disintossicante del fegato ed è alleato dell’apparato tegumentario, quindi capelli, unghie, pelle e ciglia. Utile anche per combattere inestetismi cutanei, come l’acne e le dermatiti. Sostiene il sistema cardiovascolare e metabolico perché contribuisce a tenere pulite le arterie e facilita l’azione dell’insulina. Aiuta, inoltre, a ripristinare la flora batterica intestinale.

Gli alimenti con utilizzo del lievito di birra sono validi in presenza di anemia e carenza nutrizionale, poiché sono presenti proteine e vitamine che favoriscono la formazione di globuli rossi e minerali.

Alcune persone nelle loro diete beneficiano dell’assunzione del lievito di birra. Ad esempio se ne consiglia l’uso nella dieta dello sportivo, grazie alla presenza di minerali. Così pure durante l’allattamento perché aumenta la produzione di latte materno.

Ha anche un effetto cicatrizzante in caso di lievi ustioni, è antinfiammatorio e antidolorifico, in caso di dolori di varia natura, così pure è utile nell’igiene orale per la sua azione protettiva contro la carie.

Controindicazioni

Il lievito di birra fa male in caso di micosi e candida; abbassando il pH della pelle favorisce la proliferazione dei funghi. Evitarlo anche in caso di colite, gonfiore addominale, problemi articolari ed emicrania.

Anche chi soffre di insufficienza renale o gotta dovrebbe evitarlo poiché contiene sostanze azotate che si trasformano in acido urico, composto dannoso a chi soffre di tali patologie.

Attenzione

Comunque, vale per tutti il non assumere lievito di birra in elevate quantità e a lungo per non alterare la flora batterica intestinale e la parete intestinale stessa.

Carboidrati sì o no?

Alla luce di quanto scritto e considerato che il lievito di birra si trova ampiamente in molti alimenti, come il pane, il rischio di un consumo troppo elevato è frequente.

Molte persone, avendo un’alimentazione sbilanciata sui carboidrati, abusano del lievito di birra, facendo emergere, seppur involontariamente, tutti gli effetti negativi che possono danneggiare la salute.

Occorre, pertanto, seguire un’alimentazione equilibrata e bilanciata, includente tutti i nutrienti, cibi sani e freschi, rispettando la stagionalità degli alimenti.

Curiosità: lievito di birra per la cosmesi naturale

Il lievito di birra è perfetto per la preparazione di maschere naturali, sia per la pelle del viso che per i capelli. Basta versare un cucchiaino di lievito in polvere in mezzo vasetto di yogurt naturale.

La maschera ottenuta sarà cremosa e si metterà sulla pelle tendenzialmente grassa del viso, lasciandola in posa per circa 10 minuti. Poi risciacquare con acqua tiepida.

I segreti del Lievito di Birra
I segreti del Lievito di Birra
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Articolo precedenteGiornata mondiale dello yoga e solstizio: 21 giugno
Articolo successivoDestino: decidiamo noi o è tutto già scritto?
Dr.ssa Federica Zanca
Laureata all’Università degli studi di Verona con una laurea magistrale in Pedagogia ad indirizzo filosofico-psicologico nel 1997. Vincitrice di concorso per la scuola dell’infanzia, primaria e per le scuola superiori è entrata di ruolo nel 1990 e ha insegnato con passione per 25 anni continuativi. Ad un certo punto della sua vita, a 39 anni per la precisione, decide di realizzare il suo sogno nel cassetto: diventare naturopata! Madre di 2 figli a quel tempo abbastanza autonomi anche se ancora bambini, si iscrive al triennio parauniversitario dell’Istituto Riza del Dott Morelli, diplomandosi a pieni voti nel 2012 e seguendo i master di specializzazione per i quali si sentiva portata, imparando così tecniche di terapie olistiche con le quali tutt’ora opera. Decide perciò di lasciare l’insegnamento per dedicarsi completamente ad un’altra professione completamente diversa anche se sempre di aiuto agli altri! Lavorare come Naturopata psicosomatico . Nel 2013 consegue il master di operatore del benessere con più di 1193 ore di corso. È stata in questi anni ed è tuttora assistente ai corsi del naturopata Luigi Dragonetti. Si interessa di medicina ; infatti segue i corsi del Dott Penzo sulla medicina del dottt. Hammer. Segue corsi di Igor Sibaldi su tematiche diverse che vanno dall’analisi della personalità all’angelologia. Ha seguito corsi sull’ipnosi regressiva con Manuela Pompas e Brian Weiss. Partecipa a sedute di costellazioni familiari a Mantova tenute dal Dott Silvestri. Tiene serate informative su benessere salute alimentazione e su tematiche altre riguardanti l’aspetto psicologico della persona( autostima, come rielaborare i traumi del passato…) Ha la sua pagina fb Dottssa e Naturopata psicosomatico Federica Zanca dove è possibile vedere gli articoli che scrive e le attività da lei promosse.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.