Libera la tua strada dai giudizi

0
418
asino, villaggio, strada, la tua strada

la tua strada è libera? Quante volte lungo il nostro cammino ci facciamo influenzare da una parola, uno sguardo, un consiglio. E spesso queste parole, sguardi e consigli ci fanno allungare la strada e ci fanno perdere un sacco di tempo…

Leggete questa storia sufi che con un sorriso vi farà comprendere questo concetto una volta per tutte!

Una storia sufi

Un giorno, Nasreddin Hodja e suo figlio andavano al mercato. Il figlio cavalcava l’asino, e lui, lo accompagnava a piedi.

Annuncio pubblicitario

Un passante brontolò : – Ecco la nostra gioventù moderna : lasciarsi portare tranquillamente dall’asino, obbligando il suo vecchio padre, con il suo pesante turbante, a seguirlo a piedi! – Padre , te lo avevo detto! mormorò il figlio. Andiamo, non indugiare e prendi il mio posto.

Nasreddin Hodja acconsentì. Essi fecero così un pezzo di strada fino a che si sentirono interpellare da un gruppo di paesani : – Ehi Hodja, le tue ossa si sono indurite, sei rotto dal ricordo degli anni, perché costringi quest’adolescente, nel fiore degli anni, a zoppicare leggermente dietro di te! A queste parole, Hodja non trovò meglio che far montare suo figlio dietro di lui, sulla groppa dell’asino.

Non erano andati molto lontano che alcuni individui gli sbarrarono la strada, gridando : “Che gente spietata, due persone su di un povero asino. E dire che è il nostro famoso Hodja che tollera ciò! Se questa non è una vergogna!”

Questa volta, Nasreddin Hodja, fuori di sé, discese subito dal somaro, ed anche suo figlio, e tutti e due proseguirono andando dietro l’asino libero del suo carico.

Siccome ogni cosa ha una fine, subirono i rimproveri di alcuni mascalzoni che incontrarono poco dopo.

“Che idiozia! Vedere l’asino sgambettare e caracollare in libertà, mentre i suoi padroni, sfidando la polvere e l’intollerabile calore, fanno la strada a piedi! Non si è mai vista una cosa simile!”

“Vedi, figlio mio”, disse Nasreddin Hodja, al culmine della pazienza,

ammiro le persone che si sono liberate delle malelingue! Tu, fai come ti sembra meglio e che la gente dica ciò che più desidera, perché le bocche degli uomini non sono un sacco che si possa chiudere!

 

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.