Lezione di Yoga: come si svolge e cosa portare

lezione di yoga, tappetino yoga

Lezione di yoga per chi è?

La lezione di yoga è per tutti. Per chiunque cerchi un miglioramento psicofisico, un percorso di crescita spirituale, una spinta per cambiare le proprie abitudini, migliorare la propria salute, prendersi cura di sé. Basta scegliere il tipo di yoga giusto per noi.

I diversi tipi di lezione di yoga

I corsi di yoga possono essere molto diversi tra loro, alcune lezioni sono molto fisiche, altre più meditative, trovare lo stile più adatto permette di perseguire i propri obiettivi e godere dei benefici della pratica.

Lo yoga è adatto a tutte le età e si può praticare anche se ci sono patologie in corso o limitazioni motorie. In questi casi sarà necessario farsi seguire da un medico specialista ed eventualmente concordare le tecniche e le pose da praticare con l’insegnante di yoga. Quindi lo yoga è per tutti, con le dovute cautele.

Lo yoga su misura per noi

Spesso chi si avvicina allo yoga teme di non essere sufficientemente flessibile. Non è necessario essere flessibili, la flessibilità migliora con il tempo e non è lo scopo principale dello yoga che mira invece ad un miglioramento del benessere della persona sotto tutti gli aspetti.

Ogni persona è differente, con obiettivi differenti e otterrà risultati differenti, per questo la pratica è personale e dobbiamo evitare paragoni con chi occupa il tappetino accanto a noi.

Come si svolge una lezione di yoga?

Diciamo che generalmente le lezioni durano un’ora e mezza, iniziano con una fase preparatoria di riscaldamento, per attivare il corpo e prepararlo alla sequenza di Asana, il cuore della lezione, per poi concludere con la fase di rilassamento.

Ma, come dicevamo, ci sono diversi stili e questo schema è più che altro una traccia. Anche la durata della lezione può variare, molti centri propongono mini classi da 30 o 45 minuti per venire incontro alle esigenze di chi vive con i minuti contati.

I diversi tipi di yoga

Vediamo i principali stili di Yoga, in modo da farci un’idea e scegliere il più adatto a noi:

Hatha Yoga

Classico, adatto a tutti, consigliato ai principianti e amato dagli esperti. Le posizioni vengono mantenute per un certo periodo di tempo (che aumenta con la pratica e varia da Asana ad Asana) permettendoci di effettuare tutti gli aggiustamenti necessari, seguire le indicazioni dell’insegnante, percepire le sensazioni del corpo, lavorare attivamente con il respiro.

Vinyasa Yoga

Stile dinamico, lega il movimento al respiro, si passa da una posizione all’altra cercando armonia e fluidità. E’ creativo, le sequenze variano ogni volta.

Ashtanga Yoga

Stile dinamico intenso, rinforza il fisico e l’apparato cardiocircolatorio. Non ci sono pause tra le Asana. Le sequenze sono prestabilite e si ripetono allo stesso modo.

Yin Yoga

Ritmo lento e respiri profondi, ideale per eliminare lo stress. Porta grande attenzione ai flussi energetici, ai chakra, predispone all’ascolto del corpo ed al relax.

Kundalini Yoga

Asana, esercizi dinamici, respirazioni intense, esercizi mirati al risveglio dell’energia Kundalini, stile che porta l’attenzione ai canali energetici.

Iyengar Yoga

Stile con grande focus alla biomeccanica, per la pratica delle Asana usa molti supporti, oltre ai classici mattoncini e cinghie si impiegano corde, sedie, cuscini di diverse dimensioni, tutto per ottenere i migliori risultati in tempi brevi, evitando lesioni fisiche.

Rocket Yoga

Tecnica Ashtanga Vinyasa Yoga, un metodo dinamico che riprende le sequenze Ashtanga eliminando la rigidità dell’Ashtanga.

Anusara Yoga

Stile con tre punti focali: pelvi, cuore, bocca. Cura l’allineamento e l’equilibrio mente – corpo – azione.

Bikram Yoga

26 posizioni e 2 Pranayama che si ripetono per 90 minuti in una sala con temperatura a 40°, per sciogliere il corpo ed eliminare le tossine.

Power Yoga

Variante dell’Ashtanga, con esecuzione veloce, forse il più intenso fisicamente, super energico.

Sivananda Yoga

Sequenza di 12 Asana che si ripetono allo stesso modo, si propone di trovare il benessere sia fisico che mentale.

Indicazioni per la tua pratica

  • Non forzare.
  • Ascolta il tuo corpo,rispettane i limiti ed i messaggi.
  • Mantieni l’attenzione sul momento presente. Qui e ora.
  • Pratica senza competizione (anche con te stesso) e aspettative.
  • Fermati prima di sentire dolore, e comunque fermati o diminuisci l’intensità ogni volta ritieni sia opportuno.
  • Scegli le Asana nelle varianti più adatte a te, al tuo corpo ed al momento che stai vivendo.
  • Respira con il naso (salvo indicazioni differenti).
  • Pratica a stomaco vuoto e non mangiare subito dopo la lezione.

Cosa portare a lezione di yoga

Utilizza un abbigliamento comodo per te. Leggins, pantaloni comodi in cotone, niente che stringa il punto vita o impedisca i movimenti.

Scegli il tappetino adatto a te e allo stile di Yoga che hai scelto. Antiscivolo per sequenze dinamiche, soft con spessore più alto per Hatha e pratiche più rilassanti, supersottile da portare ovunque, in microfibra per assorbire il sudore.

Per iniziare basta così, potrai poi integrare ed ampliare il tuo kit yoga man mano che avanzi con la pratica e scopri cosa serve a te: mattoncini, cinghie, cuscini…

Ora non devi far altro che cominciare!

Buona pratica

Tappeto Yoga Studio Arancione
Tappeto Yoga Studio Arancione
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.