Lenticchie, proprietà dei legumi per star bene e sentirsi ricchi

lenticchie, abbindanza, ricchezza

Lenticchie da cucinare e mangiare il primo giorno dell’anno per augurare abbondanza e prosperità: infatti nelle tradizioni popolari questi legumi simboleggiano il denaro la ricchezza. Ma anche lenticchie da consumare in tutti gli altri periodi dell’anno grazie alle loro preziose proprietà nutrizionali.

Simbologia delle lenticchie

E’ interessante scoprirne la simbologia che ha significati a volte contrapposti: da un lato i noti significati di abbondanza, prosperità, ricchezza, buoni affari, e sazietà a dall’altro, nel mondo dell’interpretazione dei sogni, simboli meno positivi derivati da analogie con difficoltà di digestione, lunga cottura, preparazione elaborata, che suggeriscono una maggiore lentezza e riflessività, un’ accuratezza di quanto si sta progettando, o  difficoltà nell’elaborare o accettare aspetti del proprio essere o della propria vita.

In genere prevale la simbologia positiva, tant’è che le tradizioni ci hanno portato a concentrare il consumo nel periodo a cavallo con capodanno, tuttavia per le tante proprietà salutari sarebbe opportuno consumarle tutto l’anno.

Le lenticchie in breve

Questi legumi sono ricchi di proteine (fino al 23%, più della carne e del pesce!), sali minerali (ferro, magnesio, potassio), fibre, vitamine del gruppo B, in particolare acido folico, alias vitamina B9, e tiamina, alias B1, inoltre il contenuto elevato di vitamina PP  (niacina, o B3)  fa sì che abbiano anche la proprietà di potente equilibratore del sistema nervoso, in modo particolare sono utilizzate come antidepressivi naturali. Fonte di carboidrati complessi e proteine,  le lenticchie sono ben viste e consigliate sia da esperti di alimentazione naturale, che da cardiologi e dietologi.

Le lenticchie sono un alimento base in tutto il mondo e vengono spesso servite insieme a cereali, come l’orzo, il riso, o la pasta di grano duro. L’abbinamento lenticchie + cereale è consigliassimo dal punto di vista nutrizionale in quanto costituisce un insieme equilibrato degli otto aminoacidi essenziali.

In alcuni soggetti possono provocare problemi di flatulenza, per questo motivo è consigliabile un abbinamento a spezie come finocchio, cumino. In alternativa per chi soffre di disturbi intestinali sono disponibili le lenticchie decorticate, tipicamente di colore arancione. Sono un alimento utile combattere l’anemia (grazie alla presenza di ferro), la denutrizione, l’affaticamento e la cattiva digestione. Il loro consumo è ideale anche a chi soffre di diabete o di stipsi.

Lenticchie Variegrate
Lenticchie Variegrate
Antiche varietà
Podere Pereto

Quali scegliere

Per prima cosa tra le lenticchie in scatola e quelle secche consigliamo quelle secche, più naturali. Se avete fretta potete optare per delle ottime lenticchie lessate biologiche, meglio se conservate in confezione di vetro.

Tra le diverse qualità, dopo aver verificato che siano di produzione recente, la scelta è molto ampia e spazia tra quelle classiche di colore verde-marrone di dimensioni più grandi e spesso di importazione e di prezzo basso, ci sono poi le lenticchie con la denominazione di origine o IGP che vengono vendute in piccoli sacchetti, più care di quelle comuni ma anche più gustose, generalmente sono più piccole.

Le lenticchie arancioni sono quelle decorticate, di piccole dimensioni, anch’esse più saporite di quelle comuni, e decorticate, quindi più digeribili. Anche questa qualità ha un prezzo più elevato.

I vantaggi: perché consumarle

  • Sono facili da preparare
  • Hanno un basso contenuto calorico
  • Sono ricchissime in preziosi nutrienti,
  • Stabilizzano i livelli di glicemia grazie alla fibra che rallentando lo svuotamento dello stomaco rende i carboidrati disponibili meno velocemente
  • Hanno un alto potere saziante
  • Sono ideali per il controllo del peso grazie al loro bassissimo indice glicemico
  • Sono il legume perfetto da abbinare a piatti con cereali (riso, pasta)

La nostra ricetta: lenticchie e riso integrale

Per il capodanno vi consigliamo il classico piatto di lenticchie (noi lo gusteremo al naturale, senza aggiunte di cotechino e zampone, voi…scegliete secondo il vostro gusto), ma per il resto dell’anno vi suggeriamo un ottimo primo piatto degno rappresentante della vera dieta mediterranea.

Ingredienti per 4 persone

  • Lenticchie: 180 grammi
  • Riso integrale: 180 grammi
  • Un porro fresco
  • Olio extravergine bio
  • Brodo vegetale bio granulare: 2 cucchiaini
  • Sale marino integrale q.b.
  • Un rametto di rosmarino fresco

Preparazione

Sciacquate lenticchie e riso. Mettete 2 cucchiai di olio EVO in padella, aggiungete il porro tagliato a rondelle sottili e scaldare per qualche minuto. Mettere tutto in una pentola e aggiungete gradualmente del brodo vegetale caldo. Portate ad ebollizione ed aggiungete. Lasciate cuocere a fuoco basso per almeno 40 minuti, aggiungendo ogni tanto del brodo, a meta cottura aggiungete del sale se necessario ed il ramo di rosmarino. Servire tiepido con un po’ di olio EVO.

Ti può interessare anche la nostra ricetta: Lenticchie rosse in verde

Lenticchie Rosse Decorticate
Lenticchie Rosse Decorticate
Ricche di proteine, fonte di fibre
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.