Latte o latte vegetale: scegli quello più giusto per te

0
827
latte, natura, latte vegetale

Latte vaccino o latte vegetale? Facciamo alcune premesse.

Il latte materno e successivamente quello vaccino è l’alimento che ci inizia al nutrimento ed alla crescita. Ha delle componenti nutritive importanti ma recentemente è stato oggetto di molte discussioni in campo medico, della nutrizione e del benessere.
Pare che l’uomo sia l’unico animale che si nutra di latte dopo lo svezzamento e molti medici hanno scientificamente provato quanto sia inutile e spesso dannoso il latte vaccino in età adulta.

Colin Campbell nel noto libro The China Study spiega come il latte non preservi dall’osteoporosi ma ne aumenti il rischio e informa su una possibile correlazione tra consumo di latte e derivati e cancro alla prostata.
Inoltre, sono in continuo aumento le intolleranze al latte in età adulta.

Cos’è l’intolleranza al latte e come si manifesta

Annuncio pubblicitario

L’intolleranza al latte è una reazione fisica, solitamente da parte dell’apparato gastrointestinale, a tutti i tipi di latte vaccino e suoi derivati ( mozzarella, formaggi freschi, yogurt).
L’intestino non riesce a scomporre il lattosio ai fini della digestione e non è in grado di assorbire le proteine. Nell’intestino manca la lattasi, l’enzima deputato alla digestione del lattosio, lo zucchero del latte. Il lattosio resta così nell’intestino fermentando e procurando fastidiosi e dolorosi disturbi. Questo enzima è solitamente presente nei bambini ma crescendo tende a diminuire.
L’intolleranza si manifesta con dolori e spasmi intestinali, diarrea, tensione e gonfiore, flautolenza e meteorismo.
Il grado di intolleranza al lattosio varia a seconda dell’individuo, in ogni caso è bene cercare diminuire se non eliminare il latte vaccino e tutti i cibi contenenti lattosio, che non sono solo i derivati del latte ma anche in alcuni cibi preconfezionati o insaccati (che sconsigliamo se optate per un’alimentazione sana), in qualche integratore, in alcuni prodotti da forno, in alcuni surgelati ed anche in qualche farmaco.

Se al latte non vuoi rinunciare, prova il latte vegetale

Oggi in commercio troviamo delle ottime alternative al latte vaccino. Sono bevande estratti da elementi presenti in natura, comunemente chiamate latte vegetale, ricche dinutrienti e molto diversi tra loro per gusto e diverso apporto nutritivo. Scopriamo insieme i più diffusi:

Latte di avena

Amico del colesterolo, è poco calorico ricco di fibre , vitamina E, acido folico e sali minerali. E’ ricco di zuccheri semplici che forniscono un buon apporto energetico ed ha un sapore delicato. A volte è diluito con olio di girasole, ma in commercio se ne trova di ottima qualità al naturale. Vi invitiamo a leggere sempre l’etichetta per verificare che non vi siano aggiunti ingredienti chimici.

Latte di mandorle

Il latte di mandorle è ricco di sali minerali (ferro, potassio e magnesio), vitamine del gruppo B, vitamina E e grassi polinsaturi. Ha proprietà antiossidanti e mantiene in salute il sistema cardiovascolare. E’ di facile digestione ed ha un sapore dolce ed intenso.

Latte di riso

Tra tutti è il latte vegetale meno grasso, ricco di vitamina A, vitamine del gruppo B, vitamina D, fibre e sali minerali. Anch’esso è leggero e digeribile e concorre al buon funzionamento dell’intestino. Ha un sapore molto dolce tanto che spesso è utilizzato nella preparazione di dolci. Se avete voglia di sperimentare potete provare anche il latte di riso basmati.

Latte di soia

Anche il latte di soia, come il latte di avena, riduce il colesterolo LDL. E’ ricco di sali minerali tra cui una buona quantità di ferro, fibre, vitamina A, vitamine del gruppo B e vitamina E ed acido folico. Ha un sapore dolce ed abbastanza delicato ed è per questo usato per preparare formaggi di soia, tra cui il famoso tofu e dei gustosi gelati.

Latte di cocco

Il latte di cocco è ricco di vitamine del gruppo B e vitamina C, sali minerali tra cui potassio e fosforo ed oligoelementi. Contiene un elemento prezioso, l’acido laurico una sostanza antibatterica ed utile per la salute delle ossa. Inoltre, il latte di cocco aiuta la digestione ed è antiossidante. E’ molto calorico rispetto agli altri latti vegetali ma dona senso di sazietà. E’ molto gustoso ed ottimo da consumare come bevanda dissetante e nutriente.

Consigli utili

I latti vegetali si trovano oramai nella maggior parte dei supermercati e ve ne sono molte altre varietà : latte di farro, di miglio, di kamut, di quinoa. Questi tipi di latte sono indicati per chi è intollerante al latte ed alcuni anche per chi è intollerante al glutine ma vi invitiamo a leggere sempre le etichette per verificare che non siano stati aggiunti sale, zuccheri raffinati, olio di palma o altri grassi.
Il nostro suggerimento è di optare per prodotti non dolcificati e da agricoltura biologica.

Una precisazione sul termine Latte vegetale

I termini “latte di riso”, “latte di soia”, “latte di avena” e più in generale latte vegetale sono entrati nel linguaggio comune. Tuttavia i prodotti i commercio riportano, per legge, la dicitura “bevanda di…”.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.