La schiena, i colori delle emozioni ed il massaggio metamerico

mal di schiena, infiammazione, massaggiom massggio metamerico

La funzione della Schiena

La schiena è la pianura dove dipingiamo tutti gli sforzi, le tensioni che accumuliamo durante la giornata. Ha l’importante funzione di sostenere il peso della testa, del busto ed aiutare le gambe a scegliere in che direzione andiamo. Altro importante compito è quello di avvolgere e proteggere la struttura ossea superiore composta dalla colonna vertebrale ( nostro albero maestro ) e la cassa toracica ( scrigno delle principali funzioni vitali ).

Affollamento di tensioni

Il mal di schiena è una delle patologie più frequenti, di cui ne soffre la maggior parte di noi, con svariate motivazioni e cause ( sforzi fisici, posture errate, lavori logoranti dal punto di vista fisico ).

A causa del mal di schiena siamo “obbligati” a spostare impegni, rimanere bloccati in casa, disdire appuntamenti e disertare il lavoro.
Nonostante sia motivo di imprecazioni e sbuffi, il mal di schiena è un prezioso segnale che il corpo ci comunica per invitarci a “sostare presso noi stessi”. Il corpo non fa che rispondere ad un input arrivato dalla mente, quindi ad un pensiero di rabbia, con conseguente tensione emotiva, corrisponderà un dolore localizzato con precisione in un punto particolare della schiena.

Che ruolo possiamo avere?

Noi siamo i pittori! Siamo gli artisti che scelgono con quale colore dipingere la nostra schiena; abbiamo a disposizione 5 colori base con i quali effettuare infinite combinazioni:

  • Colore verde: rabbia -> fegato / cistifellea
  • Colore rosso: gioia   -> cuore / intestino tenue
  • Colore giallo: pre-occupazione – > milza-pancreas / stomaco
  • Colore bianco/azzurro: tristezza -> polmoni / intestino crasso
  • Colore nero: paura -> reni / vescica

Con quali pennelli possiamo dipingere? Con il Massaggio Metamerico

Il pennello che è fermo sulla nostra tavolozza, in attesa di essere utilizzato, è il massaggio metamerico. I metameri sono fasce immaginarie attraverso le quali il corpo viene suddiviso. Ad ogni metamero ( associabile in una certa misura ai meridiani ) corrisponde ad una particolare funzione / specificità che andrà ad influenzare anche la schiena.  Il funzionamento è molto simile a quello dei meridiani, però anziché svilupparsi in maniera per lo più verticale, i metameri si sviluppano lungo tutto il corpo, partendo dalla schiena.

Visto che tutto nel nostro corpo è connesso ed indissociabile, sfruttando il massaggio metamerico sulla schiena, siamo in grado di riequilibrare la funzione associata ad una specifica fascia longitudinale ( metamero ). Ad esempio nella zona lombare è presente la coppia reni/vescica; il metamero connesso a questa coppia yin/yang opportunamente stimolato attraverso il massaggio metamerico è in grado di irradiare benessere in tutte le parti del corpo chiamate in causa: ossa, orecchie, denti, retto del colon.

La schiena, scala dei colori/metameri

Partendo dal collo fino ad arrivare al coccige, la schiena viene suddivisa nei seguenti metameri, cui associamo una funzione ed un’emozione.

 

Zona della schiena Organo o viscere Funzione Emozione
Cervicale Tiroide-polmoni-cuore Ossigenazione Gioia-Tristezza
Dorsale Fegato- Cistifellea – Milza/Pancreas – Stomaco Assimilazione Rabbia – Preoccupazione
Lombo-sacrale Reni – Intestino Crasso – Intestino Tenue – Vescica Eliminazione Paura – Tristezza – Gioia – Paura
Coccigea Apparato genitale Riproduzione Tristezza

 

Il quadro più bello

I colori e le infinite combinazioni rendono il quadro sempre diverso e ricco di nuove sfumature, ma nulla può scalfire la nostra bellezza ed il nostro desiderio quotidiano di gioia.

Abbiamo tutti gli strumenti per dipingere capolavori ma qualora dimenticassimo dove lo abbiamo riposti, ricordiamo sempre a noi stessi che lo strumento più prezioso ed importante è sempre presente: noi stessi!

 

Stefano Intintoli

 

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.