La forza della gratitudine e la debolezza della lamentela

0
976
gratitudine, donna che ringrazia

La forza della gratitudine e la debolezza della lamentela

Il sentimento della gratitudine ci permette di stare in contatto con la realtà, con ciò che c’è e con l’abbondanza che ci circonda. È molto facile entrare nello stato di lamentela, quella lamentela che non ci fa osservare con equità ciò che siamo e abbiamo. I nostri nonni che vivevano in condizioni meno agiate di noi sentivano vivo nel cuore il sentimento della gratitudine mentre noi oggi, con tutti le evoluzioni attuate, tendiamo a mettere l’attenzione su ciò che ci manca.

Paradossalmente scegliamo la debolezza della lamentela che ci conduce ad uno stato d’animo triste e frustrato piuttosto che la forza della gratitudine che ci regala gioia e benessere.

Una questione di responsabilità

Questo accade perché, apparentemente, è più facile lamentarsi e dare quindi la colpa e la responsabilità di ciò che siamo e abbiamo fuori da noi.

Ringraziare presuppone riconoscere ciò che c’è, accoglierlo e accettarlo.

Presuppone anche prendersi la responsabilità della propria vita e…diventare forti! Significa che come dice una famosa frase: “non ti fa soffrire ciò che ti accade, ma come tu reagisci a ciò che ti accade”. Quando ci prendiamo la responsabilità della nostra vita e ci accorgiamo che siamo noi a scegliere come affrontarla, non possiamo fare altre che ringraziare. Sia per i doni e gli accadimenti positivi, sia per le lezioni e le prove difficili. Ecco perché il sentimento della gratitudine ci porta una forza immensa.

La forza della gratitudine: io ti vedo

La gratitudine nella relazione ci permette di vedere l’altro, di riconoscerlo e riconoscere ciò che sta facendo per noi.

Annuncio pubblicitario

In tutti i sensi: se ci fa arrabbiare o soffrire ci sta permettendo di imparare una lezione; se ci sta donando gentilezza, comprensione e amore ci permette di viverle. Ringraziare significa dire “io ti vedo come parte della mia vita”.

Effetti collaterali della gratitudine: forza, benessere e buon umore

Gli effetti collaterali della gratitudine sono: una grande forza interiore poiché ringraziando attiviamo la capacità di scegliere e discernere ciò che è bene per noi; benessere poiché l’animo vive la vita in uno stato di pace e serenità; buon umore perché possiamo accorgerci di quanto siamo e abbiamo nella nostra vita.

Ricordiamoci di ringraziare

Ricordiamoci di ringraziare sia per le piccole cose che per le grandi, per i successi e gli insuccessi, per ogni istante di questa vita.

La gratitudine crea pienezza e abbondanza, ci mette in contatto con il cuore e, come ci racconta un grande uomo Omraam Mikhael Aivanhov, alleggerisce le prove della vita.

Ecco qualcuno che si considera molto infelice e viene a spiegarmi perché.
Gli chiedo: “Ha ringraziato oggi?
– Ringraziato…? Ma chi? E perché?
– Può camminare? Può respirare? – Sì.
– Ha fatto colazione? – Sì.
– E può aprire la bocca per parlare? – Sì.
– Ebbene, ringrazia. Ci sono persone che non possono né camminare né mangiare né aprire la bocca. Lei è infelice perché non ha mai pensato a ringraziare. Per cambiare il suo stato, dovrebbe anzitutto riconoscere che nulla è più meraviglioso del fatto di essere vivi, di poter camminare, guardare, parlare”. Gli esseri umani avrebbero migliaia di ragioni per ringraziare, ma non le vedono. Sono ingrati. Ecco perché il Cielo li fa passare attraverso varie prove: semplicemente per insegnare loro ad essere finalmente riconoscenti.

Omraam Mikhael Aivanhov

Pensieri Quotidiani 2017
Omraam Mikhael Aivanhov
Prosveta Edizioni
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.