Karma e Dharma: le leggi del destino secondo gli orientali

Sono fermamente convinta che la storia della nostra religione con tutta la sua fragilità, ci abbia permesso di aprire il nostro cuore e la nostra mente anche ad altri credo e religioni. Molte persone hanno iniziato così una ricerca interiore per comprendere il senso della vita, del destino e di quella sensazione che ci sia “altro” in ciò che sentiamo e viviamo. Dalle antiche religioni indiane esploriamo Karma e Dharma.

Per entrambi i concetti di Karma e Dharma si potrebbe scrivere un libro tanto sono estesi, ma proverò comunque a spiegarne il significato e come possono aiutarci nel nostro cammino evolutivo.

Il Karma

Karma è una parola sanscrita che significa “azione”. Questa parola descrive una legge di vita e di equilibrio poiché si basa sul concetto della reincarnazione e considera che ogni azione compiuta nelle vite precedenti ed in questa vita dà origine ad un risultato.  Per spiegarla meglio: ogni effetto della nostra attuale vita ha una causa data da un’azione compiuta da noi anche in una vita precedente. Gli Indù affermano che ogni essere vivente, compresa la madre terra, è soggetto alla legge del karma.

Il Dharma

Dharma in sanscrito significa “legge religiosa e morale, virtù“. Indica “ la conformità alla legge o alla giustizia naturale, il dovere insito nelle circostanze in cui un uomo si trova in un determinato momento” (P. Yogananda). A seconda della religione (Induismo o Buddhismo) assume significati apparentemente diversi ma approfondendoli si comprende ben presto che il Dharma è il concetto secondo il quale ognuno di noi è qui con uno scopo, un “dovere interiore” da esprimere nella sua vita. Quello che oggi chiamiamo talento e quella forza chiamata daimon che ci guida a realizzarci. (Per approfondire leggi l’articolo Il Daimon: l’altra parte di te che conosce la tua vocazione e il tuo talento).

 Come Karma e Dharma influenzano la nostra vita

Queste due leggi naturali sono in atto sempre: ogni forma di vita dall’uomo alle piante ha un suo “dovere interiore” che chiama, che cerca di realizzarsi. Nel contempo subiamo l’influsso di pensieri e azioni fatte nella vita precedenti ed in questa vita. Se crediamo nel fatto che siamo fatti anche di energia e che tutto nell’universo sia permeato da questa energia che scambia informazioni, sappiamo che oltre alle azioni, anche pensieri e parole creano. Quando ci troviamo in situazioni in cui ci domandiamo “perché?” ricordiamoci del Karma e cerchiamo, almeno in questa vita, di stare in contatto con la nostra anima e il suo compito qui sulla terra.

Karma e Dharma: la semplice via della responsabilità

Considerare Karma e Dharma, a prescindere dal nostro credo o religione, ci fa riflettere su un concetto semplice e molto attuale: la responsabilità. Queste antiche leggi dell’anima ci ricordano che siamo interamente responsabili della nostra vita, di tutto ciò che ci accade: con le nostre parole, i nostri pensieri, le nostre azioni e reazioni. Forse non possiamo tornare indietro nel tempo per sistemare le cose, anche se qualcuno con l’ipnosi ci ha provato, ma possiamo responsabilmente agire nell’amore ed accettare anche gli eventi “negativi” come espiazione del karma. Che nient’altro vuol dire che comprendere che se oggi, per esempio, stiamo male per il caldo o per l’inquinamento è perché qualcosa noi abbiamo pur fatto! Consapevolmente possiamo iniziare a cambiare parole, pensieri e azioni verso una via positiva e di guarigione di questa vita che oggi, dando uno sguardo generale al mondo, presenta così tante sofferenze, blocchi e conflitti.

Guarire il Karma attraverso il Dharma

Con tutto il rispetto e l’umiltà verso queste le leggi di Karma e Dharma arrivate a noi da delle religioni così antiche e profonde, mi sento di affermare che scoprire e seguire con amore il proprio Dharma, il nostro dovere interiore, può guarire o per lo meno migliorare il nostro Karma che è collegato a tutti gli altri…proprio come la storia dell’effetto Farfalla: “Si dice che il minimo battito d’ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo”.

Ricordiamoci ogni giorno della nostra responsabilità, del nostro libero arbitrio e della grande possibilità e libertà che abbiamo, spesso senza saperlo!

Bibliografia

“Autobiografia di uno Yogi” – Paramhansa Yogananda

“L’oceano della Teosofia”  – William Q. Judge

 

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

Newsletter

Diana Cordara
Consulente Fiori di Bach certificata BFRP, Counselor individuale e di coppia, Reiki. Partner e consulente di redazione di BenessereCorpoMente.it. Riceve a Monza e a Milano.
Contatti
Email: diana@benesserecorpomente.it
Telefono: +39 327 4745778
Website: http://www.dianacordara.it
Facebook: https://www.facebook.com/IlPercorsodiDiana
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
↑ Torna su