Karkadè o infuso di ibisco: i benefici

Karkadè

Il Karkadè è un infuso così ricco di proprietà che può essere definito anche rimedio naturale. Si ricava dai meravigliosi fiori essiccati dell’Ibisco (Hibiscus sabdariffa ) che appartiene alla famiglia delle Malvaceae. Proviene dall’ Africa ma oggi è coltivato nelle zone calde di tutto il mondo.

Come il tè Rooiobs e il tè Pu erh anche il Karkadè è chiamato tè rosso, per via del suo colore intenso. Attenzione a non fare confusione, proprietà e sapori sono molto differenti!

Proprietà del Karkadè

I fiori di Ibisco sono ricchi di vitamina C, polifenoli, antociani, fitosteroli e flavonoidi, importanti sostanze dalle proprietà antiossidanti.

L’infuso di Karkadè non contiene caffeina ne calorie.

Ha proprietà antinfluenzali: è, infatti, indicato per combattere tutti i disturbi del tratto respiratorio come raffreddore, tosse, infiammazioni alla gola.

Protegge l’apparato cardiocircolatorio e favorisce l’abbassamento della pressione sanguigna ed ha un’azione positiva sul controllo dei livelli di colesterolo.Si ritiene che i benefici per la salute del cuore associati al tè all’ibisco siano dovuti a dei composti antiossidanti chiamati antociani, le stesse sostanze chimiche presenti in natura che danno alle bacche il loro colore rosso.

Favorisce la digestione è un ottimo tonico ed è leggermente lassativo.

Ha proprietà diuretiche e antinfiammatorie, particolarmente indicato per i disturbi dell’apparato urinario e per depurare l’organismo.

Usato come impacco l’infuso di Ibisco è un ottimo disinfiammante della pelle.

Controindicazioni

È controindicato nei soggetti che soffrono di pressione bassa, nelle donne in gravidanza e va consumato con moderazione (non più di due o tre tazze al giorno) date le sue proprietà lassative.

Infuso di Ibisco: come prepararlo

I benefici del Karkadè si possono sfruttare tutto l’anno poiché si presta ad essere consumato sia come bevanda calda nelle stagioni fredde che come bevanda rinfrescante nelle stagioni calde.

Si prepara come gli altri infusi: un cucchiaio di infuso in acqua bollente per 5/7 minuti. Il tempo di infusione varia anche a seconda dei vostri gusti.

Il Karkadè ha un sapore particolare leggermente aspro, potete aggiungere un cucchiaio di miele di acacia o di rododendro che grazie al loro sapore leggero, ne esaltano l’aroma.

D’estate con l’aggiunta di qualche goccia di limone e delle foglie di menta è un’ottima bevanda rinfrescante.

Karkadè - Infuso
Rocca dei Fiori

I fiori del Karkadè possono essere uniti anche ai fiori della malva per una bevanda dalle proprietà medicinali ideale per contrastare i sintomi influenzali. Si ottiene un ottimo rimedio depurativo e digestivo unendo il karkadè all’infuso di zenzero.

Fonti scientifiche

Ti può interessare anche:“Tè Rooibos antiossidante, depurativo, digestivo, dimagrante. Tutte le virtù del Tè Rosso”

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.