Ipersensibilità e paura immotivata: come convivere con sensazioni e presentimenti

0
1120
ipersensibilità, paure immotivate, aspen, fiori di bach

L’ipersensibilità è un’indole caratteriale molto particolare: si tratta di una sensibilità molto accentuata che si avverte sia a livello interiore che fisico. Chi nasce con questa indole spesso ha la sensazione che stia per accadere qualcosa di brutto, si sente impaurito e spaventato e, poiché non è in grado di comprendere la causa delle sue sensazioni, non ne parla con nessuno.

Vive con questa vaga sensazione di paura e di pericolo e non è sereno.

Senza pelle

Ognuno di noi può vivere momenti di ipersensibilità. Può accadere dopo un momento molto stressante, uno shock, un evento che ci ha costretti a mostrare la nostra intimità.

Ci si sente “senza pelle”, ovvero fragili, vulnerabili e iper-ricettivi a ciò che ci circonda.

Una paura immotivata e indefinita ci accompagna: sobbalziamo per un nonnulla, rumori e movimenti altrui si fanno più intensi alla nostra percezione facendoci tremare dentro. Se entriamo in contatto con luoghi o persone non positive, viviamo sensazioni molto fastidiose. Il corpo trema, facendoci venire la pelle d’oca, i brividi oppure irrigidendosi.

Come affrontare l’ipersensibilità e la paura immotivata

L’ipersensibilità, se non siamo in grado di controllarla, ci conduce in un mondo che spesso non rispecchia la realtà poiché ciò che avvertiamo è solo una nostra sensazione.

Non c’è nessuna causa, né sta accadendo nulla di ciò che sentiamo. Siamo in stato di allerta senza un motivo preciso.

Cosa può esserci di aiuto in questo caso? Tutto ciò che ci permette di trovare forza ed equilibrio, di radicarci, di sentire la terra sotto i piedi che ci sostiene.

L’aiuto del corpo

Possiamo farci aiutare dal corpo, poggiando le mani sulla pancia, due dita sotto l’ombelico, dove risiede l’Hara il centro del nostro corpo. Hara è un termine giapponese che significa pancia, il luogo dove risiede la nostra forza vitale.

Poggiare le mani sul nostro centro vitale e fare tre respiri profondi quando ci sentiamo in ipersensibilità può essere di grande aiuto (tecnica utile durante qualsiasi tipo di stress emotivo: rabbia, tristezza, agitazione).

In alternativa potete concentrarvi sui piedi e sentirli ben poggiati a terra muovendo le dita e respirando profondamente.

Il fare che riporta nel qui e ora

Nei momenti di maggior fragilità è molto utile fare qualcosa di manuale: riordinare, cucinare, scrivere. L’azione consapevole ha la capacità di riportarci nel presente, permettendoci di togliere energia alle sensazioni che ci creano disagio.

L’ aiuto dei fiori di Bach: Aspen

Il fiore di Bach Aspen può esserci di supporto nei momenti di ipersensibilità e di sensazioni d’ansia generati da paura immotivata.  Il Dott. Bach lo descrive così:

“Paure vaghe, sconosciute, per le quali non si sa dare alcuna spiegazione, né una ragione. Eppure, il paziente può essere spaventato dalla sensazione che stia per accadere qualcosa di terribile, ma non sa che cosa. Queste paure vaghe e inspiegabili possono tormentare di notte o di giorno. Chi ne soffre spesso prova timore a parlare agli altri del proprio turbamento.”

aspen, fiori di bach, guna

L’archetipo Aspen ci stimola a sviluppare la capacità di radicamento e centratura permettendoci così di trovare il nostro equilibrio fisico, emotivo e spirituale. In questo modo possiamo vivere la nostra ipersensibilità essendo consapevoli anche dei vantaggi che porta: la capacità di cogliere tutte le sfumature da ciò che ci circonda.

L’affermazione positiva mentre ci lasciamo ispirare da Aspen è:

“Posso chiudere le porte dei miei sensi cosi come sono in grado di aprirle. Torno al mio centro e mi radico saldamente a Madre terra.”

Il Fiore di Bach Aspen è anche contenuto in Guna Resource Good Night, la combinazione ottimale di archetipi floreali, ai quali ispirarsi mentre se ne assume l’essenza, per evocare un sonno tranquillo, sereno e ristoratore. Il fiore Aspen, in particolare, rappresenta la serenità desiderata in fase di addormentamento, quando questa è turbata da paure e presentimenti angoscianti che rendono ostico prender sonno.

 

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.