Il movimento e la meditazione in acqua

0
1369
Ai Chi, meditazione in acqua, movimento in acqua
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis

Meditazione in acqua: avete letto bene, ma non si tratta di una nuova pratica brevettata. Vi spieghiamo tutti i benefici del movimento in acqua.

Durante la stagione invernale si riducono inevitabilmente le attività fisiche all’aria aperta. Per non sprofondare in uno stato di pigrizia, sedentarietà e stress, che non fa bene ne al corpo ne alla mente, può essere utile e piacevole dedicarsi al movimento in acqua.

Dal movimento in acqua alla meditazione in acqua

Il movimento in acqua è un’attività relativamente blanda che però allena tutti i gruppi muscolari e tonifica l’apparato cardiovascolare, sfruttando contemporaneamente le proprietà rilassanti dell’acqua, e unisce i vantaggi dell’esercizio fisico o delle arti marziali ai benefici effetti che l’acqua esercita sul corpo in movimento, modellandolo in modo particolarmente piacevole.

Alcune tecniche tra quelle proposte hanno l’effetto di un momento di meditazione. Semplicemente possono avere l’effetto di fermare i pensieri. Ovviamente dovete essere in un ambiente favorevole e non troppo rumoroso.

Il movimento in acqua è adatto a tutte le età e quasi a tutte le condizioni fisiche, dal momento che i movimenti vengono eseguiti quasi in assenza di gravità (il peso del corpo si riduce a circa un decimo), evitando così qualunque sforzo delle articolazioni o della colonna vertebrale. L’allenamento in acqua ha efficacia doppia (lo sforzo muscolare necessario per alzare o abbassare una gamba è in pratica lo stesso) ed esercita un vigoroso massaggio generale. In più non si suda, ci si sente freschi, rilassati allegri e pieni di energia.

Le migliori pratiche in acqua con effetto meditazione

Acqua Walking

La passeggiata in acqua sollecita bene tutti i muscoli ed è l’esercizio perfetto per chi necessita un aiuto a perdere i chili superflui in modo facile e piacevole.

Acqua Jogging

La corsa leggera in acqua affatica come salire le scale, mantenendo però i muscoli morbidi ed elastici.

Acqua Pilates

La ginnastica acquatica con il metodo Pilates punta non solo al miglioramento della fluidità dei movimenti e della forza in tutto il corpo, ma anche al coordinamento e al controllo fisico e mentale per sviluppare nuove energie vitali.

Un esercizio da provare: allungamento di una gamba (rafforza addominali e gambe, aiuta a lenire i problemi della zona lombare della colonna vertebrale). Nell’acqua che vi arriva al petto, state in piedi con la schiena appoggiata alla parete, inspirando afferrate il ginocchio destro e portatelo al petto. Mantenete la posizione per 3-4 respiri, poi espirando lasciate andare il ginocchio e allungate in avanti la gamba tesa, mantenendola ad una altezza vicino alla superficie dell’acqua per 3-4 respiri. Espirate e portate alla posizione iniziale, ripetete 10 volte alternando le gambe

Al Chi (Tai-Chi in acqua)

L‘acqua sembra il mezzo ideale in cui eseguire i movimenti lenti e circolari, delicati e leggeri, dell’antica arte marziale cinese, una danza silenziosa, che in realtà mira alla lotta con un avversario immaginario, ritemprando il corpo e lo spirito.  

Ai Chi è un esercizio corporeo completo, che unisce il lavoro sul respiro al movimento consapevole, alla meditazione e all’ascolto profondo di se stessi. E’ una pratica facile e piacevole, adatta a tutti.

Un esercizio da provare: ascoltare il respiro – immergetevi nell’acqua in silenzio e lentamente, tutta l’attenzione va alla pianta dei piedi, che si “radicano” saldamente sul fondo vasca. Le gambe sono allargate e leggermente piegate, la colonna vertebrale è diritta, l’acqua arriva al mento. Dovete essere comodi e ben in equilibrio, l’acqua deve essere tiepida per accarezzarvi delicatamente il corpo. Lasciate galleggiare le braccia liberamente davanti. Inspirando con il naso, ruotate il palmo delle mani verso l’alto. La torsione si comunica dalle mani alle braccia e alle spalle. Il corpo si allunga leggermente verso l’alto, il diaframma apre cassa toracica e petto che si riempiono d’aria. Espirando dalla bocca, ruotate i palmi delle mani verso il basso. Il corpo si immerge di più. Il mento galleggia a pelo d’acqua, la cassa toracica si svuota di aria. Ripetete 8 volte.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Annunci pubblicitari e articolimacrolibrarsi, eshop, libri, shop online

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.