Dolori alle articolazioni: chi non si piega si spezza

donna, dolore, articolazioni, bici

Dolori alle articolazioni: quali sono le cause e come possiamo alleviare l’artralgia?

Che cos’è un’articolazione?

Il corpo umano è composto da circa 360 articolazioni, ma che cos’è un’articolazione?

Immaginiamo una rete stradale composta da autostrade, vie di campagne, viottoli, superstrade e strade cittadine; le articolazioni rappresentano i crocevia, gli incroci.
L’articolazione tiene collegati due diversi capi ossei, sfruttando il tessuto connettivo, tessuto adibito alla connessione, al collegamento.

Le 360 articolazioni, che non sono tutte identiche ma sono adatte alla parte del corpo dove sono ubicate e, dipendenti dalla funzione che andranno a svolgere, si diramano dal cranio fino ai piedi.

Quanti tipi di articolazione esistono nel corpo umano?

Viene normale pensare che possano essere tutte uguali per “spirito di economia”, ma basta immaginare l’articolazione del polso uguale fisiologicamente a quella del cranio, per capire che il discorso non regge e, neanche la testa; infatti il cranio crollerebbe dopo pochi istanti sotto l’effetto del suo peso. Oppure l’articolazione del cranio identica a quella del torace impedirebbe la respirazione, togliendo alla cassa toracica la giusta elasticità utile all’espansione dei polmoni in fase di respirazione.
Per questo motivo esistono 3 tipi di articolazioni:

  • Fissa (come quella del cranio che per 80 anni in media sorreggerà il peso del cranio e del cervello)
  • Semimobile ( come le vertebre che hanno una certa motilità per permettere il movimento della colonna vertebrale, della cassa toracica)
  • Mobile (come quelle delle spalle, sollecitate costantemente dal movimento delle braccia, del collo, del busto)

Le articolazioni permettono il movimento dell’intera struttura ossea. Il movimento interno dell’articolazione è permesso dallo scorrere di due superfici cartilaginee interconnesse dal liquido sinoviale, che ne facilita la lubrificazione e ne impedisce l’usura per attrito.

I dolori alle articolazioni: quali sono le principali cause?

Il dolore articolare, detto anche artralgia , può essere dovuto a:

Posizioni errate o movimenti errati

Può capitare di sovente a sportivi durante esercizi fisici (nella fattispecie sollevamento pesi, piloti, ciclisti, attività di free-climbing, tennis o sport similari dove le braccia subiscano microtraumi successivi all’urto con oggetti).

Età e dolori alle articolazioni

L’invecchiamento può causare l’usura delle articolazioni, che svolgendo il ruolo di unione rimangono delicate. Con l’andare del tempo il liquido sinoviale può ridurre la sua azione, causando un “attrito doloroso” anche nei movimenti più semplici.

Obesità e squilibri alimentari

Ogni essere umano è composto da un gruppo di ossa, tendini e muscoli capaci di sopportare un peso preciso, non casuale. Difatti l’intero organismo, in condizioni normali, si sviluppa armoniosamente.

Quando sussistono condizioni di squilibrio alimentare, come l’obesità, le articolazioni, soprattutto di gambe (anche, ginocchi, caviglie) e vertebre , vengono sollecitate a dismisura. Si entra in una condizione molto pericolosa: l’obesità causa dolori articolari, che potrebbero essere risolte anche grazie al movimento, che però viene reso non semplice dal peso corporeo in eccesso.

Il dolore articolare e la Riflessologia Plantare

In Riflessologia Plantare le articolazioni fanno del gruppo osseo, si trovano quindi nell’elemento della “paura”, del “dovere”.

Ripetiamo che tali emozioni non hanno accezioni negative, sono emozioni, quindi vitali per la nostra sopravvivenza. Diventano controproducenti quando si ha un eccesso di dovere o di paura. Sui piedi vengono trattati i “padroni di casa” dell’elemento “paura”: reni e vescica con un breve passaggio sull’uretere, tubicino che permette ai reni di riversare l’urina nella vescica, che a sua volta provvederà ad espellerla.

L’articolazione ha un effetto forte anche sull’elemento della “rabbia” che influenza muscoli e tendini e, sull’elemento della “tristezza”, che influenza polmoni, quindi respirazione, senso di spazio, senso di libertà.

Un trattamento standard, con le dovute eccezioni ed adattamenti fondamentali visto che si trattano persone e non automi, prevede la stimolazione dei riflessi correlati a paura-rabbia-tristezza.

Domanda psicosomatica: dove vorrei essere?

Le articolazioni ci permettono di scegliere i luoghi dove vivere, ci permettono la respirazione, ci permettono la crescita in altezza, il movimento in generale. Un dolore articolare potrebbe essere affrontato con la seguente domanda: di chi o cosa ho paura? Cosa mi intimorisce così tanto da impedirmi il movimento?

Non dobbiamo avere il senso di libertà, noi siamo liberi, siamo nati liberi e lo rimarremo per sempre. Nessuno, nonostante le apparenze e le opinioni altrui, può e potrà mai limitare o intaccare la nostra libertà. Tutto dipende esclusivamente da che peso ed importanza diamo noi all’altro.

Siamo figli della libertà… oltre al desiderio del volo, possiamo volare!

Mai più Dolori Articolari
Chris Verhavert
Mai più Dolori Articolari
Manuale per correggere la postura, proteggere le articolazioni, prevenire e gestire malattie invalidanti come l’artrosi e l’artrite reumatoide
Terra Nuova Edizioni
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.