12 benefici della camminata: perché camminare fa bene

benefici della camminata, camminata, camminare, camminare fa bene, camminare benefici

Benefici della camminata: ne parlo perché alcuni li ho sperimentati personalmente e perché, anche se non camminate 30 minuti al giorno, dopo avere letto questo breve articolo non avrete più motivi per non farlo.

Benefici della camminata, bastano 30 minuti

Si tratta solo di riservare 30 minuti al giorno a camminare con un passo veloce. D’altronde già più di duemila anni fa il saggio Ippocrate asseriva che camminare è la “migliore medicina”. Numerosi studi recenti confermano questa affermazione.

L’ispirazione per questo articolo mi è stata data dal comune di Monza che ha lanciato una interessante iniziativa gratuita di gruppi di cammino all’interno del parco cittadino.

Prima di scoprire i principali benefici della camminata, vi invito a riflettere sul fatto che, se camminare fa bene ed è la miglior medicina, per quale motivo, se non una eccessiva pigrizia, non dovremmo riuscire a riservare 30 minuti per 3 o 4 giorni a settimana?

12 benefici della camminata

Aiuta a perdere peso

Una buona prima ragione che può interessare a molte persone. Camminare fa consumare calorie e tiene in attività il metabolismo.

Fa bene alla salute dell’apparato cardiovascolare

  • Riduce il colesterolo cattivo
  • Alza il colesterolo buono
  • Abbassa la pressione sanguigna
  • Riduce il rischio di infarto

Riduce l’ansia e lo stress

Migliora l’umore e riduce la tendenza alla depressione

Rafforza le ossa

L’attività fisica unità ad una dieta ricca di calcio previene la demineralizzazione delle ossa e quindi, in età avanzata, l’osteoporosi, approfondisci qui sul sito Humanitas Salute . Inoltre, la buona abitudine di camminare, soprattutto in estate, favorisce la produzione della vitamina D.

Mantiene giovani e allunga la vita: tonifica i muscoli e rende elastiche le articolazioni

La camminata rafforza i muscoli e ne aumenta la resistenza, inoltre mantiene sciolte ed elastiche le articolazioni: condizioni favorevoli per contrastare l’invecchiamento.

Aiuta a controllare il diabete e altre malattie

Sono sempre più numerosi gli studi che indicano che l’esercizio fisico funziona come una vera e propria medicina anti-diabete (approfondisci qui su Quotidiano Sanità)

È un allenamento a basso impatto ambientale

A meno che non viviate nel in un trafficato centro cittadino, per andare a camminare potete muovervi direttamente a piedi da casa. Quindi niente auto per raggiungere la palestra. Eventualmente, se vivete in città, potete prendere in considerazione di raggiungere in bicicletta il parco più vicino.

Favorisce le relazioni

Se non amate la solitudine potete camminare in compagnia, con un amico o un’amica. Ovviamente meglio limitare le chiacchiere…

Non richiede tecnica ma solo buona volontà

Può farlo chiunque senza il bisogno di seguire i corsi o di avere a disposizione un trainer.

I rischi di infortuni sono molto bassi

Molti sport, specie se avviati in età adulta possono mettere a rischio le articolazioni: quanti amici conoscete che sono rimasti bloccati dopo una partita di calcetto, di basket o di tennis? Oppure che si sono infortunati sciando? Ebbene, camminare è un’attività sportiva a basso rischio. Un altro bel punto a favore,

Non richiede attrezzatura ma solo un buon paio di scarpe

Se decidete di iniziare a camminare regolarmente andate in un negozio specializzato e fatevi consigliare un buon paio di scarpe che tenga conto del vostro peso e della vostra postura. Trattandosi dell’unico costo da sostenere non risparmiate. Non è detto che dobbiate spendere molto, a mio avviso potete considerare un budget medio intorno ai 100 euro, che in periodo di saldi può diminuire considerevolmente.

È gratis: ovvero non costa niente

Per anni ho pagato costosi abbonamenti in palestre cittadine, senza andarci con continuità. Per camminare servono solo un paio di scarpe e le proprie gambe. Tanti benefici a costo zero, una bella soddisfazione, non credete?

Quando come camminare

Se potete andate a camminare la mattina; a quest’ora il metabolismo è più veloce e consente di bruciare più calorie, sin dalle prime ore del giorno. Se ne avete la possibilità, anticipate la vostra sveglia ed uscite a camminare per 30 minuti prima di andare al lavoro. In alternativa, se la distanza è consona, potete andare al lavoro a piedi.

Dove camminare

Per non perdere i benefici della camminata si dovrebbe camminare in una zona alberate: l’ideale è un è un parco, oppure un giardino. I più fortunati possono farlo in un bosco o in campagna. L’importante è camminare il più lontano possibile dal traffico delle auto.

Come camminare

Per godere dei benefici descritti l’ideale è camminare a passo veloce per 30 minuti, possibilmente senza soste. Se volete saperne di più vi consiglio il mio articolo che tratta proprio la camminata veloce.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.