Herpes labiale: come prendersene cura

Herpes labiale
Herpes labiale, febbre dell labbra, bocca

L’ herpes labiale, conosciuto anche come “febbre delle labbra” è una malattia infettiva causata da un ceppo virale, il virus Herpes Simplex di tipo1, virus a doppia elica della grandezza di 150 nanometri. Non scompare dopo la prima manifestazione, ma causa un’infezione latente, nascondendosi nei gangli nervosi, dove non può essere attaccato dagli anticorpi circolanti nel sangue. È lo stesso virus che appartiene alla famiglia del virus varicella. Talvolta, l’infezione da herpes labiale può causare la comparsa di manifestazioni anche su guance, palato, narici e parti intime; in quest’ultimo caso si parla di herpes genitale o herpes simplex di tipo 2. Ad essere interessate sono comunque sempre le mucose.

Cause dell’herpes labiale

Normalmente l’herpes labiale coincide con forti stress che possono coinvolgere il corpo o la mente; lo stress va, infatti, a indebolire le difese immunitarie. Una volta colpiti dall’herpes labiale i virus responsabili della malattia vanno a nascondersi nelle terminazioni nervose, dove rimangono silenti per tutta la vita.

L’infezione può tornare a manifestarsi in conseguenza di un lavoro molto intenso sia fisico che mentale, di un’indigestione, di un’eccessiva esposizione alla luce solare, come conseguenza di altre malattie o per l’assunzione prolungata di farmaci. Possono influire anche alterazioni ormonali legate alla gravidanza o al ciclo mestruale.

Annuncio pubblicitario

È un virus recidivo che generalmente cronicizza; ogni volta che si è soggetti a calo di difese immunitarie o a forti stress tende a ricomparire. Questo perché è un virus che non si combatte con alcun farmaco in modo efficace.

Sintomi dell’ herpes labiale

L’herpes labiale si manifesta con dei sintomi prima molto leggeri, da potersi scambiare con la comparsa di un brufolo o di una bolla, ma che poi diventano sempre più chiari e riportano alla presenza di tale virus.

All’inizio si avverte un leggero rossore o pizzicore in alcuni punti delle labbra e poi compaiono delle vescichette che si riempiono di liquido diventando sempre più fastidiose e dolorose. Le pustole, poi, tendono a scoppiare o riassorbirsi, senza lasciare cicatrici.

È possibile limitare l’eruzione delle vescicole attraverso l’applicazione di apposite pomate a base di zinco e/o eparina.

Durante il periodo dell’esplosione delle vescicole c’è il rischio di infettare altre persone poiché sono dei veri e propri serbatoi di virus. La trasmissione avviene con il contatto con il siero presente nelle vescicole: basta un bacio oppure lo scambio immediato dei bicchieri, di posate, tovaglioli, asciugamani, rossetti, spazzolini da denti.

Attenzione anche a non toccare la parte infetta con le mani: vanno lavate subito per evitare di autoinfettarsi passando il virus da una parte all’altra del corpo.

Tra i sintomi possono anche comparire stati febbrili e sensazioni simili a stati influenzali, come mal di gola, dolori articolari, mal di testa.

Prevenzione e alimentazione

Per evitare l’insorgenza dell’ herpes labiale evitare di toccare le vescicole per non romperle e facilitare così il passaggio di germi. Cercare di diminuire lo stress e l’ansia, imparando a gestire meglio il tempo personale: concedersi un riposo notturno di almeno 8 ore ed evitare di fumare.

L’alimentazione gioca pure un ruolo importante: evitare alcolici e alimenti ricchi di arginina, come cibi con contenuto di cioccolato, noci, arachidi, mandorle e anacardi. Evitare anche semi di girasole e sesamo, noce di cocco, mais, avena, orzo e grano saraceno.

Si consigliano, invece, alimenti ricchi di aminoacido lisina, che aiuta il corpo a sostituire i tessuti delle mucose danneggiati dal virus. Ottimi pertanto i legumi di tutti i tipi: soia, lenticchie, fagioli, ceci e privilegiare frutta e verdura ricche di vitamina C come peperoni, cavoli, frutti di bosco, fragole, kiwi poiché favoriscono la guarigione.

Rimedi naturali

Estratto di equiseto: contiene silice organica che aiuta l’organismo a ristabilire l’equilibrio delle cellule danneggiate per quanto riguarda l’osmosi. Contiene altri elementi benefici come zolfo, calcio, zinco.

Succo di limone: può essere utilizzato da applicare come impacco sull’herpes labiale. L’acidità del succo di limone potrà velocizzare il processo di formazione delle crosticine e la scomparsa dell’herpes. Esso dovrà essere applicato delicatamente imbevendo il lembo di fazzoletto di cotone.

Oli essenziali: efficaci da applicare direttamente sulla zona interessata. Vanno bene l’eucalipto ed il geranio. Esistono anche olii essenziali da prendere in compresse per via orale, come la Melaleuca quinquinervia, la Ravensara aromatica e l’Eucalyptus raviata.

Aceto: se la pelle non è particolarmente sensibile, una volta che le vescicole sono comparse, si può trattare la parte applicando dell’aceto di vino bianco con l’aiuto di un batuffolo di cotone, ma senza strofinare eccessivamente.

Echinacea: pomate naturali a base di echinacea vengono consigliate dalla fitoterapia come rimedi per rendere più veloce la guarigione e per alleviare i fastidi correlati. Utile anche la tintura madre di echinacea. Questa ha, infatti, proprietà immunostimolanti e antinfiammatorie.

Salsapariglia: smilax aspera, appartiene alla famiglia delle liliacee ed è stimolante dl sistema immunitario. SI utilizza la radice per preparare infusi da impiegare come impacchi sulla pelle o sotto forma di tintura madre, da assumere diluita in acqua.

Bardana: ottima per curare dermatiti ed eczemi. Come la salsapariglia, da utilizzare per fare impacchi da applicare con il lembo di un fazzolettino di cotone sull’herpes.

Tea tree: il tea tree oil è un ottimo olio essenziale dalle doti antivirali e antibatteriche. La Melaleuca alternifolia va applicata direttamente sulle vescicole. Bastano una o due gocce più volte al giorno.

Bicarbonato: è il rimedio della nonna! Il bicarbonato di sodio si può applicare puro direttamente sulla zona colpita o facendo degli impacchi con una soluzione a base di tale prodotto e acqua o ancora realizzando una sorta di “pappetta” con mezzo cucchiaino di bicarbonato e poche gocce di acqua da spalmare sul punto dove è comparso l’herpes.

Melissa: il suo infuso di foglie è utile contro il rossore e il prurito.

Aloe vera: se si possiede la pianta applicare la parte gelatinosa di una foglia aperta a metà direttamente sulla pustola, altrimenti usare il gel Aloe.

Stick o creme protettive: per evitare che un’eccessiva esposizione al sole possa favorire la comparsa di herpes, è consigliabile utilizzare stick protettivi per le labbra acquistati in erboristeria o farmacia, così da essere sicuri del prodotto naturale e a base di piante. Ottimi quelli a base di tea tree e lavanda, con dentro anche calendula e camomilla per l’azione lenitiva e calmante e menta e limone per la freschezza.

Sostenere il sistema immunitario per liberarsi dall’herpes

Echinacea, Aloe in succo concentrato al 98% minimo, Rosa Canina, Astragalo, Uncaria Tomentosa.

Integratori alimentari: da usare dopo aver consultato il medico. Utili quelli a base di lisina e zinco.

Herpes labiale: significato psicosomatico

È importante osservare quanto successo prima della comparsa dell’herpes.

Si è vissuta una situazione di frustrazione e ci si è trattenuti dall’esprimere la rabbia? Ci si è dispiaciuti per qualcosa che ci è stato detto?

L’herpes labiale può anche essere correlato ad un senso di frustrazione per il desiderio di abbracciare o essere abbracciati. Si può anche essere arrabbiati con se stessi per essersi lasciati conquistare sessualmente troppo facilmente o avere un vivo dispiacere per non aver potuto abbracciare per l’ultima volta una persona che poi è morta.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.