Griffonia, a cosa serve e come assumerla

Griffonia, Griffonia simplicifolia, serotonina, antidepressivo, buon umore

La Griffonia (Griffonia simplicifolia) nota anche come la pianta del fagiolo africano, è un arbusto sempreverde della famiglia delle Leguminose. Le sue proprietà curative sono molto interessanti e sono di grande utilità per contrastare ansia, depressione e insonnia. Ha anche la capacità contribuisce ad aumentare i livelli di serotonina nell’organismo ed a ridurre la sensazione di fame di carboidrati.

L’umore, la fame nervosa, l’insonnia

Si potrebbe dire che questi disturbi siano talmente frequenti da potersi definire i mali dell’età moderna. Come mai siamo tanti di noi ne soffrono?

A livello neurologico è stata accertata scientificamente la connessione tra il tono dell’umore e alcuni neurotrasmettitori come la dopamina, la noradrenalina e la serotonina. Sappiamo anche che i disturbi dell’umore, ma anche l’insonnia e la fame nervosa, possono essere originati da alterazioni degli impulsi nervosi fra i neuroni. Spesso ciò è causato dalla carenza di serotonina.

Serotonina, una molecola fondamentale per la felicità

La serotonina è una sostanza sintetizzata principalmente nell’apparato gastrointestinale e nel sistema nervoso. Essa è coinvolta nella regolazione della fame e anche dei ritmi sonno-veglia (essendo il precursore della melatonina). Ha il compito di trasmettere gli impulsi nervosi tra i neuroni, ed è un mediatore di infiammazione, agisce anche sulla muscolatura liscia come quella cardiaca. È il neurotrasmettitore che stabilizza l’umore, il sonno e l’appetito. Interviene anche nella regolazione della motilità intestinale, della memoria e del desiderio sessuale. In sintesi, si può definire l’ormone della felicità, più serotonina abbiamo in circolo, maggiore sarà il grado di soddisfazione e benessere psicofisico. E qui arriviamo alla nostra Griffonia.

Griffonia, cos’è, a cosa serve e perché ci può aiutare

La Griffonia simplicifolia è una pianta appartenente alla famiglia delle leguminose, diffusa nelle zone umide dell’Africa. Le popolazioni indigene conoscono bene le sue proprietà curative, da sempre la usano per attenuare gli spasmi del vomito, cicatrizzare le ferite, curare i disturbi renali, e come ricostituente. Il seme, chiamato “fagiolo africano” ha forma discoidale di colore nero cangiante, è la parte di pianta usata per i principi attivi.

Le proprietà

La Griffonia è ricca di 5-Hidrossitriptofano (5-HTP, vedi wikipedia), un aminoacido precursore della serotonina, cioè Il nostro organismo sintetizza la serotonina partendo dal triptofano (definito essenziale perché l’organismo umano non è capace di produrlo).

Quindi con l’assunzione di Griffonia, ricca di 5-HTP, è possibile aumentare in modo naturale i livelli di serotonina nell’organismo. L’integrazione con la Griffonia favorisce la produzione di questo neurotrasmettitore, ripristinando una condizione di normalità, infatti I semi di questa pianta contengono notevoli quantità di 5-Hidrossitriptofano.

Il risultato è un effetto, ormai provato, di riequilibrio di depressioni lievi e moderate, di miglioramento del sonno, dell’ansia e della cosiddetta “fame di carboidrati”.

Griffonia antidepressivo naturale: uno studio scientifico

Uno studio dell’Università di Pavia (1), ha eseguito un trial randomizzato, a doppio cieco, controllato con placebo, su 20 donne in sovrappeso in regime di dieta ipocalorica.

A 10 soggetti è stato somministrato placebo, ad altri 10 un’integrazione con estratto di Griffonia simplicifolia, somministrato in spray nella cavità orale. Lo studio ha dimostrato che nelle donne in sovrappeso si è registrato un aumento della sensazione di sazietà e una diminuzione dell’Indice di Massa Corporea (BMI). Sono stati fatti altri studi su pazienti con fibromialgia è riscontrato un miglioramento della sintomatologia, essendo questa patologia caratterizzata da deficit di serotonina.

Esistono altri sudi fatti dal Congresso della società Italiana Studio Cefalee, che collegano altri disturbi del sistema nervoso centrale (SNC) come il mal di testa o la cefalea ad una carenza di serotonina e la Griffonia si è rivelata utile nel migliorarne i sintomi.

Ciò che è interessante è il fatto che questi effetti positivi si verifichino senza alterare il normale funzionamento cerebrale come invece spesso avviene negli antidepressivi o sonniferi di sintesi.

Come assumerla

  • Per il buon umore si possono assumere 2 dosi al dì di estratto secco titolato di Griffonia, in compresse o capsule al giorno, si può associare alla vitamina B6 o ad altre piante favorevoli all’umore come l’erba di S. Giovanni o Iperico.
  • Se si desidera favorire il sonno e il rilassamento la possiamo associare al magnesio o alle erbe rilassanti come la valeriana e la melissa.
  • Per la fame nervosa, lo stress e la mancanza di tono, la Griffonia è ottima in associazione con la Rhodiola rosea.
  • Nei casi di mal di testa e la cefalea si è rivelata utile l’associazione con il Tanaceto e la Spirea.

Avvertenze

Gli estratti secchi vanno assunti lontano dai pasti, la mattina e la sera, per non meno di un mese.

Non superare il dosaggio riportato nella confezione. Chiedere consiglio all’erborista oppure al medico in caso di assunzione di farmaci antidepressivi.

Riferimenti bibliografici

(1)Relationship between the absorption of 5-hydroxytryptophan from an integrated diet, by means of Griffonia simplicifolia extract, and the effect on satiety in overweight females after oral spray administration, Rondanelli M, Opizzi A, Faliva M, Bucci M, Perna S., Eat Weight Disord. 2012 Mar, ncbi

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.