Gomasio: prezioso condimento, sostituto del sale

Gomasio, macrobiotica, alternativa al sale, condimento, sesamo, semi di sesamo

Gomasio, lo conosci? Il gomasio è un meraviglioso alimento, ma prima di parlarne è utile fare una premessa in merito all’uso del sale nell’alimentazione.

L’argomento riguardante il sale in eccesso nell’alimentazione è molto dibattuto, il suo consumo è notevolmente aumentato negli ultimi decenni, medici ed esperti concordano che per salvaguardare la salute dei nostri organi  è necessario diminuire il consumo di sale da cucina.

Missione: consumare meno sale

Ridurre il consumo di sale è importante per ognuno di noi, ma non è facile perché il sale, rendendo i cibi più gustosi, viene utilizzato in quantità per la preparazione di quasi tutti i cibi di produzione industriale, dai prodotti da forno agli insaccati, passando per le conserve. Ma sono ricchi di sale anche la pizza, le focacce, ed il pane che acquistiamo ogni giorno dal fornaio sotto casa o in pizzeria. E’ interessante ricordare che gli alimenti in natura presentano, naturalmente appunto, un buon equilibrio di sapori e nutrienti, che non richiederebbero nessuna aggiunta di sale da cucina alias cloruro di sodio. Il sale è un non-alimento e potremmo benissimo farne a meno.

Gomasio: dalla macrobiotica una ottima alternativa al sale

Abbiamo trattato il tema dell’alimentazione macrobiotica in diversi articoli e, proprio nella tradizione macrobiotica troviamo un alimento davvero interessante che costituisce una ottima alternativa al sale: il Gomasio. Vi spieghiamo cos’è e perché abbiamo scelto la linea di prodotti de La Finestra Sul Cielo.

Che cos’è il gomasio

Per capire di cosa si tratta basta dare uno sguardo all’etimologia della parola gomasio=goma+shio:  goma significa sesamo mentre shio significa sale. Nella sua ricetta base il Gomasio è composto da semi di sesamo tostati, tritati insieme a sale marino integrale . Il rapporto tra sesamo e sale marino integrale è variabile, in funzione dei gusti e delle esigenze, da un minimo di 7 parti a 1 a un massimo di 24:1. Generalmente nei prodotti in commercio la proporzione è più vicina alla proporzione massima. Una delle aziende storiche che distribuiscono in Italia prodotti macrobiotici biologici, La Finestra sul Cielo, propone il Gomasio con una percentuale di sale del 4% che corrisponde ad un rapporto 24:1.

Perché consigliamo il gomasio

Preso atto che il sale è una sostanza dannosa per l’organismo (favorisce la ritenzione idrica, l’ipertensione ed altre  malattie croniche) il Gomasio è uno delle alternative che ci aiuta a liberarcene, con il vantaggio che è anche gustoso. Imparando a ridurre il consumo di sale abbiamo la possibilità di riscoprire sapori che probabilmente avevamo dimenticato.Gomasio, sesamo, condimenti, macrobiotica, la finestra sul cielo

Ricetta base  e varianti

Oltre alla ricetta base che ha i 2 unici ingredienti sesamo e sale marino integrale, il gomasio può essere preparato con delle varianti alla ricetta base che lo arricchiscono con l’aggiunta di altri importanti alimenti come alghe, erbe aromatiche, spezie, altri semi.

Dove acquistare il gomasio e consigli

Il Gomasio è facilmente reperibile nei negozi o e-shop di alimenti naturali e biologici. Abbiamo provato la linea di prodotti Gomasio dell’azienda piemontese La Finestra sul Cielo, che opera nel mercato alimentare biologico dal 1978, distribuendo alimenti naturali in Italia e all’estero, con una particolare attenzione ai prodotti per la cucina macrobiotica, per l’alimentazione vegana e per le intolleranze alimentari. Sul sito ufficiale è disponibile, sulla colonna sinistra, un efficiente store locator che consente di individuare con facilità il negozio più vicino.

Prodotti consigliati

Sono certo che sia i neofiti, sia gli estimatori del Gomasio, si sorprenderanno di scoprire l’ampiezza della proposta di questo condimento-alimento de La Finestra sul Cielo, recentemente completato da alcune curiose e gustose novità: il Gomasio alla Curcuma (proprietà antinfiammatorie e antiossidanti), allo Zenzero (proprietà digestive, depurative e antiossidanti) ed ai semi di Chia (proprietà sazianti e antiossidanti), che si affiancano al Gomasio tradizionale, ad alcuni mix di semi di sesamo e sale con alghe, con erbe aromatiche e verdure. In particolare vi segnaliamo il Gomasio alla Spirulina, vero superfood detto anche cibo del XXI secolo,  e il Gomasio alle super alghe.

Scopri qui la linea completa di Gomasio sul sito lafinestrasulcielo.it

Come utilizzare il Gomasio in cucina

Il Gomasio, nella sua versione base o nelle preparazioni arricchite con altri alimenti, può essere utilizzato con fantasia al posto del sale per condire le insalate, sulle verdure grigliate, al vapore o saltate in padella, sul pesce, anche sulla carne se ne consumate. Può inoltre essere aggiunto alle minestre, alle zuppe di cereali, alle uova.

Le proprietà del Gomasio

Le proprietà di base sono quelle dei semi di sesamo, un alimento altamente nutritivo ed equilibrato, con un alto contenuto di grassi e proteine di ottima qualità ed un basso contenuto di carboidrati. In un piccolo seme troviamo un concentrato di preziosi nutrienti: proteine, grassi insaturi, vitamine del gruppo B, vitamina D, vitamina E, minerali come calcio, fGomasio alla Curcuma, Gomasio, curcumaosforo, ferro e zinco. Nel sesamo sono inoltre presenti tre utilissimi antiossidanti naturali: sesamina, sesamolina e sesamolo. Per saperne di più leggi l’articolo Sesamo: semi dorati e olio prezioso di forza e giovinezza.

In sintesi, il gomasio, grazie al sesamo, è un ottimo alimento, nutriente, ben digeribile, consigliato  in tante situazioni:

  • per integrare diete che non prevedono l’utilizzo prodotti di origine animale, come carne, pesce e formaggi, grazie al suo importante apporto calorico,
  • come sostituto del sale nelle diete che richiedono una tassativa restrizione di cloruro di sodio: ipertensione o disfunzioni ai reni
  • come integratore nel caso di stili alimentari inadeguati o che non comprendono l’utilizzo di oli vegetali di qualità, spremuti a freddo.
  • nei casi di osteoporosi.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.