Melone: dissetante, depurativo, alleato di bellezza

0
1890
fette di melone, frutta

Da Maggio a Settembre sulle nostre tavole compare il melone, frutto fresco e dissetante che andiamo a scoprire.

Melone, le origini

Il melone ha origini incerte, c’è chi afferma la sua provenienza dall’Africa, chi dall’Asia. Sicuramente ne abbiamo tracce nell’antico Egitto e nell’antica Grecia: Plinio il Vecchio lo cita spesso nei suoi scritti associandolo però al cetriolo. Nell’antichità era simbolo di fertilità, forse grazie ai numerosi semi che contiene.

Il melone inizia a diffondersi in era rinascimentale ed oggi , in Europa,è coltivato in Francia, Italia, Spagna e Romania.

Le tre varietà coltivate sono:

  • Cantaloupensis o cantalupo, acon pelle liscia o rugosa e polpa arancio-rossa;
  • Inodorus o melone d’inverno, con pelle abbastanza liscia o e polpa bianco-verde o arancio chiaro;
  • Reticulatus o meloni americani, con pelle reticolata e polpa chiara o verde.

Proprietà nutrizionali del melone

Il melone è composto per il 90% da acqua ed è ricco di vitamina A, vitamina C e buona quantità di vitamine del gruppo B in particolare la B3 e la B6 importanti per il sistema nervoso e per mantenere bassi i livelli di colesterolo. E’ ricco di sali minerali tra cui: potassio, ferro, fosforo e manganese.

Il melone è dissetante, idratante e ipocalorico (33 kcal per 100gr). Grazie alle fibre che contiene è diuretico e lassativo, favorisce, pertanto, il transito intestinale e l’eliminazione delle tossine. Depura così l’organismo e reintegra i minerali.

E’ utile per i soggetti che soffrono di ipertensione e per il buon mantenimento dell’apparato cardiocircolatorio, aiuta a combattere l’osteoporosi ed è un ottimo calmante del sistema nervoso, alleviando lo stress e conciliando il sonno.

Frutto alleato di bellezza, da consumare “da solo”

Il melone è ottimo consumato fresco al naturale ed è preferibile consumarlo lontano dai pasti e da solo perché il grande apporto di acqua potrebbe diluire i succhi gastrici ed allungare il processo digestivo.

Inoltre in termini di combinazioni alimentari si combina difficilmente con qualunque altro tipo di cibi, frutta e ortaggi compresi.

Il melone ha una buona funzione idratante anche per pelle e capelli, soprattutto durante la stagione estiva che ci porta a lunghe esposizioni al sole. Come gli altri vegetali di colore arancione contiene il beta-carotene che favorisce l’abbronzatura proteggendo la pelle.

Ma, la sua polpa schiacciata può essere utilizzata sia come maschera idratante, sia come impacco lenitivo in caso di scottature o ustioni.

La scelta del melone giusto e la conservazione

Il melone va acquistato con attenzione: ricordatevi di sceglierlo ben sodo e di annusare l’estremità inferiore, indice di giusta maturazione e dolcezza del frutto.

L’ideale è non conservarlo in frigorifero ma se la temperatura lo richiede non lasciarlo per più di tre giorni e non sotto i 5 gradi per non renderlo indigesto.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.