Free walking: camminare per benessere

camminare, natura, free walking

Da dove arriva il free walking

Il  Free Walking  è una pratica nata nel 2003 ed è assimilabile ad una vera e propria attività sportiva, dove si suda, si fatica, ci si concentra. Prende spunto da diverse discipline sportive: nordic-walking, podismo, arrampicata.
La sua peculiarità caratterizzante è il ritmo.

Cosa caratterizza il free walking

Nel free walking ,“camminare liberamente”, siamo concentrati su diversi fattori:

  1. Postura
: Bisogna camminare con posizione eretta, mani che piegandosi arrivano all’altezza delle spalle, con un cadenzare preciso che segue quello delle gambe.
  2. Andatura
: La velocità va mantenuta costante, intorno ai 4-6 km/h seguendo il “sentire” del nostro organismo, senza fare gare con noi stessi, con gli altri o con la camminata del giorno precedente.
  3. Quando
: L’orario perfetto è l’albeggiare. La luce è tenue, c’è silenzio intorno a noi e riusciamo a concentrarci su noi stessi e cu ciò che ci circonda.
  4. Dove: 
Il luogo è fondamentale. Camminare in città nello smog e nel traffico che va non è il massimo. E’ come raccogliere l’acqua con un cucchiaino da una nave che affonda! 
Il luogo dovrebbe essere immerso nel verde, con suoni (non rumori) naturali come il canto degli uccelli, le foglie mosse dal vento, il gallo che risveglia la campagna.

Perché camminare con la tecnica del freewalking?

La camminata non è affatto banale o casuale, il camminare in maniera corretta stimola il buon umore, un ciclo gradevole del sonno, sviluppa la tonificazione armoniosa dei muscoli, rilassando tendini ed ossa.

Ogni passo fornisce al piede stimoli vitali perché, seguendo un ritmo preciso, camminando in un luogo adatto, con la luce “giusta”, fornisce all’organismo impulsi benefici. Camminando bene si respira meglio. Respirando meglio si digerisce meglio, abbattendo la probabilità di dolori alla schiena e problemi digestivi. Digerendo meglio si dorme meglio e dormendo meglio, cari amici si ottiene la quadratura del cerchio: si vive meglio.
Va menzionato però il primo effetto benefico del “camminare bene”: miglioramento dell’umore.

E’ stato studiato con ricerche scientifiche che il free walking stimola la produzione della serotonina da parte del sistema nervoso in collaborazione con il sistema gastrointestinale. Non a caso la serotonina è anche detto ormone del buonumore.

Perché fa bene camminare?

Quando l’essere umano era un cacciatore e viveva in perfetta armonia con la natura, si spostava anche per migliaia di chilometri per battute di caccia o per raccolta di frutti ed erbe medicinali . Si è scoperto che riusciva a ricoprire distanze vicine ai 5000 chilometri; l’unica maniera per tornare indietro senza sprecare energie era camminare. Utilizzava dei plantari di pelle dura di animale che toglieva non appena rientrava a “casa”, rilassando i piedi. Era sovente l’automassaggio dei piedi o il massaggio da parte della compagna, che leniva e curava eventuali ferite, dovute a battute di caccia o all’attacco di qualche predatore.
L’azione del correre era utilizzato solo ed esclusivamente per azioni d’emergenza: fuga da un predatore, rincorsa di una preda di piccola taglia. Ma le prede di grossa taglia come i mammut venivano sfiancati dalla resistenza degli uomini nel camminare, venivano catturati per stanchezza.

Gli effetti benefici del Free walking e della Riflessologia plantare

La Riflessologia Plantare sfrutta lecapacità benefiche della camminata consapevole.
L’elemento trattato è quello correlato ai polmoni ed all’intestino crasso, che influenzano e sono influenzati dal desiderio di spazio, di libertà, di aria.
Camminare regolarmente sviluppa la fantasia, il buonumore, la risata, la gratitudine, il desiderio, l’intuito.
Massaggiando i riflessi nei piedi, della zona polmonare e di quella intestinale si favorisce il miglioramento di respirazione e digestione, quindi assimilazione di Energia ed espulsione di residui di energia non utilizzabili dal nostro organismo.

Il camminare ci riporta alle nostre radici, il camminare ci porta a muoverci “lentamente” godendo di ciò che ci circonda e, questo è propedeutico per un sano vivere.
Il piede oltre ad essere ponte tra Cielo e Terra diventa anche Strada!
Il tuo benessere a portata di piede!

Freewalking® è un marchio registrato, l’articolo è liberamente tratto dal sito: Freewalking®

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.